EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Tag Archives: piatti

Sagra del Fagiolo di Controne Dal 30 novembre al primo di dicembre

Sagra del Fagiolo di Controne Dal 30 novembre al primo di dicembreL’ Associazione “Produttori Fagiolo di Controne” apre i battenti della 31° Sagra del Fagiolo di Controne nei giorni 30 novembre e 1 dicembre. 

L’iniziativa, organizzata dal Comune di Controne  , si avvale del patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, dell’Assessorato all’Agricoltura della regione Campania e della Provincia di Salerno, dell’ Ept di Salerno, dell’ Unione Nazionale Comunità-Enti montani e dal Parco Nazionale Cilento e Diano.

A Controne, centro nella provincia di Salerno, per la Sagra del Fagiolo i visitatori potranno gustare le specialità di questo ottimo legume e tutti gli altri prodotti tipici della zona, come l’olio e il vino.

Continue reading

Published by:

Sagra della Castagna ‘Munnaredda’ a Tramutola

Sagra della Castagna 'Munnaredda' a TramutolaA Tramutola, in provincia di Potenza, la castagna si chiama munnaredda, proprio per questo, nei giorni di sabato 26 e domenica 27 ottobre il centro celebrerà la quarta edizione della Sagra della Castagna ‘Munnaredda’.

La Sagra della Castagna ‘Munnaredda’ avrà come palcoscenico le vie del centro storico proponendo ai visitatori la tradizionale infornata delle castagne (i Castagn’ mBurnat’) nei forni antichi, aperti al pubblico per l’occasione.

Continue reading

Published by:

“Orvieto con Gusto”, storica passeggiata enogastronomica

“Orvieto con Gusto”, storica passeggiata enogastronomicaA Orvieto da sabato 5 a domenica 6 ottobre 2013 si terrà la XIV° edizione di “Orvieto con Gusto” la storica passeggiata enogastronomica tra autentici sapori della tradizione della terra. “Orvieto con Gusto” , sotto l’egida dei valori di Slow Food e di Cittaslow, attraverso la collaborazione tra il Comune di Orvieto e gli operatori del Consorzio Orvieto Way of Life, grazie ad alcuni sponsor e ad altre collaborazioni, porta avanti una filosofia di vita che, alla salubrità e al piacere del cibo, unisce scelte e pratiche culturali e sociali.

Dalle ore 12,30 alle 16,30 si svolgerà , tra un assaggio e un altro nei palazzi storici e nelle piazze si potranno degustare specialità orvietane, abbinate ai migliori vini locali.

I punti allestiti per le degustazioni saranno quattro: Palazzo del Popolo-Sala Expo, Complesso del San Giovanni/Palazzo del Gusto/Centro Servizi Formativi Provincia di Terni, Palazzo dei Sette, Ristorante Al San Giovenale

er la manifestazione sono previste cinque tappe :

Tappa 1; Palazzo del Popolo

Tappa 2 ; Chiesa di Sant’ Agostino – Piazza San Giovenale

Tappa 3 ; Complesso di San Giovanni – Palazzo del Gusto

Tappa 4 ; Biblioteca Comunale – Complesso di San Francesco

Tappa 5 ; Piazza Duomo.

Costo del biglietto “A spasso con Gusto

Euro 25,00 a persona per l’intero itinerario (in omaggio bicchieri e porta bicchieri).

Bambini 6/12 anni euro 15,00 – Bambini 0/6 anni gratis su prenotazione.

Acquisto Biglietto online

bonifico bancario Consorzio Orvieto Way of Life c/o Cassa di Risparmio di Orvieto Sede Centrale

IBAN IT59N0622025710000001000829

Prenotazioni obbligatorie Consorzio Orvieto Way of Life orvietowayoflife@yahoo.it

Per informazioni

Consorzio Orvieto Way of Life
cell. 349.7857618 (Orietta) – cell. 329.4030745 (Cristina)

Published by:

“Polenta oro in tavola””, Stra dal 4 al 6 ottobre

 “Polenta oro in tavola””, Stra dal 4 al 6 ottobre “Polenta oro in tavola””,  si svolgerà a Stra, nel parco di villa Loredan, dal 4 al 6 ottobre. Un weekend per scoprire le mille qualità dell’alimento più rappresentativo della cultura contadina veneta e padana.

Programma: Sarà allestita una piccola mostra con le migliori farine del nord Italia “Polente d’Italia”, per scoprirne la storia e le loro caratteristiche organolettiche e gastronomiche.  Confermato l’allestimento di un mercatino “Polenta & Company” con la presenza di aziende produttrici di farine da polenta, prodotti derivati dal mais, e alimenti da abbinare con la polenta ( formaggi, salumi, funghi, sughi ecc. ). Venerdì 4 ottobre apertura con la cena a tema “Polenta piatto da Re”, organizzata dalla Pro Loco Pisani in collaborazione con lo chef Alcide Candiotto. Ci sarà un ricco stand gastronomico dove si potranno gustare piatti della tradizione veneta, abbinati alle “vere” polente venete   ma anche Trentine, Friulane, Lombarde e Piemontesi. Lo stand gastronomico sarà attivo nelle giornate di sabato e domenica.

Confermata anche quest’anno la mostra micologica abbinata al III° Concorso per cercatori di funghi “Emozioni del Bosco”, coordinato dal Gruppo Micologico di Mirano, promossa ed organizzata con il gruppo “Amici di Mario Paolino Carraro”. Nel pomeriggio di domenica: spettacoli, balli e canzoni popolari. E ancora l’esposizione di trattori e macchinari d’epoca e le dimostrazioni dei lavori manuali dei contadini.

Published by:
Eventi

“Festa delle Castagne e dei Ricordi” a Castell’Arquato

“Festa delle Castagne e dei Ricordi” a Castell’ArquatoNel primo fine settimana di Ottobre, (sabato 4 e domenica 5)* nella suggestiva cornice del borgo medioevale di Castell’Arquato , in provincia di Piacenza, si svolge la tradizionale “Festa delle Castagne e dei Ricordi”, due giornate in allegria, per rivivere l’atmosfera e sapori del passato, legati alla tradizione contadina.

Alla “Festa delle Castagne e dei Ricordi” numerosi gli stands gastronomici dove poter assaporare le specialità e tante prelibate ricette della tradizione, da abbinare ad un buon bicchiere di vino dei colli piacentini.

Come ogni anno la festa gastronomica si accompagna anche una straordinaria mostra di trattori ed apparecchiature d’epoca. Non sono presenti solo trattori d’epoca ma anche attrezzatura veramente unica.

Segnaliamo ad esempio un vecchio mulino dell’800 che grazie all’abilità di un appassionato é stato restaurato ed é ora perfettamente funzionante e durante la festa macinerà granturco e castagne. Alla mostra partecipano diversi collezionisti della provincia e non solo.

Nel pomeriggio i trattori comporranno un corteo che attraverserà la parte bassa di Castell’Arquato, con carri allestiti e comparse . E ancora la festa delle Castagne e dei Ricordi propone delle interessanti proposte musicali, che difficilmente potete trovare in altre manifestazioni simili.

*Le date corrette per l’edizione 2013 sono 5 e 6 Ottobre. Per maggiori informazioni: http://www.festadellecastagne.it.

Published by:
Liguria sagre

Triora La Sagra del Fungo Porcino

Triora La Sagra del Fungo Porcino La Sagra del Fungo Porcino di Triora (Imperia) ogni anno attira numerosi visitatori. Quest’anno a Triora, il paese delle streghe, il frutto più prelibato del bosco viene festeggiato oltre che  nella tradizionale festa, anche con un percorso itinerante  alla scoperta dell’antico borgo.

L’evento è organizzato dal Consorzio Valle Argentina in collaborazione con i commercianti di Triora e la Pro Loco di Verdeggia e con il supporto del Comune di Triora, ci aspetta domenica 22 settembre.

Funghi porcini in tutte le salse con l’appuntamento in Piazza delle Feste alle 11. Alle degustazioni faranno contorno musica, bancarelle e un laboratorio artistico per i bambini.

La manifestazione sarà impreziosita dalla presentazione del nuovo Cesto per funghi progettato dal designer Mauro Olivieri.

Published by:

La Sagra delle Castagne di Soriano nel Cimino Week-end di ottobre

La Sagra delle Castagne di Soriano nel Cimino Week-end di ottobreLa Sagra delle Castagne di Soriano nel Cimino ( Viterbo) vi aspetta per il primo, secondo e terzo week-end di ottobre. Una suggestiva manifestazione storico-rievocativa che  rende omaggio al frutto dei Monti Cimini.

Per dieci giorni, la Sagra delle Castagne farà immergere Soriano nel Cimino nell’atmosfera dei tempi medioevali e rinascimentali. La cittadina viene divisa in quattro contrade che si contendono premi ed onori confrontandosi negli addobbi delle vie, nell’allestimento delle rievocazioni storiche e soprattutto nella sfida per la conquista dell‘ambito Palio delle contrade di Soriano che vede impegnati gli Armigeri nell’abile Prova degli Arcieri e i Cavalieri nella spettacolare Giostra degli Anelli. I visitatori sono migliaia e il paese, ai piedi del Castello Orsini, si anima di eventi.

Grandioso il Corteo Storico “Soriano e i suoi Rioni”, che vede sfilare nella piazza centrale e per le strade dell’antica cittadina più di 500 figuranti in ricchi costumi medievali e rinascimentali, abiti artisticamente realizzati in ogni minimo dettaglio da abili e sapienti sarte che traggono spunto, per le loro “opere”, da affreschi e stampe dell’epoca. Chiude la manifestazione il tradizionale e gigantesco Riccio di Castagne, simbolo della festa.

Ogni giornata si conclude in tarda serata con lo spettacolo finale o l’esibizione di musici.

Le taverne, dove gustare piatti succulenti, saranno aperte a pranzo e a cena nei fine settimana con i loro piatti tipici. Durante la settimana invece la loro apertura è soggetta alle manifestazioni in programma.

Menù

Nella Taverna delle Acque del Rione Papaqua  sarà possibile assaporare i caratteristici Gnocchi ”co’i’ ferro al ragù, la polenta al cinghiale, le pappardelle al cinghiale ed al ragù, la minestra di ceci e castagnei lombrichelli della “Strega”, lo spezzatino di cinghiale in salmì, braciole e salsicce.

La Taverna dell’Orso del Rione Rocca (vedi su Google Maps) propone Trofie alla gricia, minestra di ceci e castagne, spezzatino di manzo con castagne, rotolo con marmellata di castagne, polenta al ragu di cinghiale con ricotta salata.

Nel Rione San Giorgio, visitando la sua Taverna del Drago (vedi su Google Maps) sarà possibile pranzare e cenare con i caratteristici Gnocchi co i’fferro, la polenta con salsiccia servita su tagliere di legno, la minestra di ceci e castagne, gli gnocchetti alla Sangiorgese e lo spezzatino di Cinghiale.

Alla Taverna della Vecchietta del Rione Trinità (vedi Google Maps) vi delizierete con Strozzapreti alla trinitina, Gnocchi co i’fferro, zuppa della vecchietta, polenta di S. Agostino e rotolo di castagne.

Maggiori dettagli e informazioni

Ente Sagra delle Castagne
c/o Pro-Loco di Soriano nel Cimino (Vt)
Tel. e Fax : 0761 746001
info@sagradellecastagne.com
info@prolocosoriano.it
www.prolocosoriano.it

Published by:

Udine “Friuli DOC” da giovedì 12 settembre 2013 a domenica 15 settembre 2013

Udine "Friuli DOC" da giovedì 12 settembre 2013 a domenica 15 settembre 2013Torna da giovedì 12 settembre 2013 a domenica 15 settembre 2013 “Friuli DOC: vini, vivande, vicende, vedute” . Una quattro giorni per  assaporare gusti e piaceri del palato e perdersi nelle  bellezze, le peculiarità e le prelibatezze di una terra ricca e ospitale.

Per quattro giornate “Friuli DOC: vini, vivande, vicende, vedute”  animerà Udine con i suoi stand enogastronomici dove poter gustare i mille sapori della regione. Il centro storico viene chiuso al traffico automobilistico diventando una vetrina a cielo aperto di cultura, tradizioni ed enogastronomia.
Vivere Friuli Doc è un’esperienza coinvolgente: un’occasione per trascorre un fine settimana diverso e divertente. L’arte, la storia e la natura si uniscono ai  migliori prodotti DOC, da degustare singolarmente e come ingredienti di ricette tradizionali o innovative.

Inoltre un centinaio di spettacoli musicali, bande, gruppi folkloristici, animazione da strada e laboratori per bambini animeranno le vie e le piazze cittadine e inoltre per i più curiosi non mancheranno gli appuntamenti culturali con numerosi incontri, presentazioni, mostre e visite guidate.

 

Published by:

Weekend di settembre ad Orvieto

Weekend di settembre ad OrvietoOrvieto, una città ricca di storia che ben si sposa con un weekend di settembre. Orvieto,siamo al centro dell’Umbria, dove la città sorge sopra una rupe di tufo ed altro materiale vulcanico, poggiante su un basamento di argilla.
Fu l’azione eruttiva di alcuni vulcani a creare questa enorme piattaforma in tufo, che si innalza dai venti ai cinquanta metri rispetto al piano della campagna.
Un viaggio, quello alla scoperta di Orvieto, che è in grado di aprire uno scrigno di storia, bellezze naturali e luoghi incantati che hanno avuto origine dalla civiltà etrusca e romana.

Per apprezzare l’eccezionale panoramicità della città vale la pena di salire sulla sommità della duecentesca Torre del Moro, il punto più alto e centrale di Orvieto, da cui lo sguardo si perde tra il verdeggiante orizzonte che la circonda. sarà una tappa quasi obbligata per spingervi ad entrare nel cuore della città.

Il cuore dei Orvieto è Piazza del Duomo, su cui si affacciano antichi Palazzi e l’imponente struttura del Duomo. La sua facciata gotica, imponente e bellissima, custodisce uno spazio interno suggestivo, con la cappella di San Brizio, gli angeli dipinti da Beato Angelico sulle vele del soffitto gli affreschi alle pareti e i capolavori di Luca Signorelli.

A pochi chilometri dal centro città sorge la necropoli etrusca e i surreali borghi tufacei di Civita e Bagnoregio.

Tra i luoghi da vedere, spicca il Museo dell’Opera del Duomo, situato all’interno del Palazzo papale e ospita antichità del periodo etrusco, quali sarcofagi, statuette e decorazioni, una sezione dedicata all’oreficeria medievale e un’altra dedicata ad opere di scultura, come quelle di Arnolfo di Cambio, e opere di pittura, tra le quali la Madonna e il polittico di Simone Martini.
Da vedere anche le terracotte invetriate di Della Robbia.

La Città Sotterranea è l’altra Orvieto, quella che sorge nel cuore del quartiere medievale, nascosta sotto la città : grotte, cunicoli, gallerie, antichi frantoi, sono le tappe di un viaggio “sotterraneo” da non perdere per ripercorrere.

Orvieto è il famoso il Pozzo di San Patrizio, sito accanto ai giardini comunali che si trovano all’interno della Fortezza dell’Albornoz. Profondo 62 metri, ha un diametro di 13,5 metri. Tutt’attorno si snodano due scale a chiocciola elicoidali che non si incontrano mai; le due scalinate, composte da 248 gradini ognuna, ricevono luce da 72 finestre creando un’atmosfera surreale.

Infine qualche notizia gastronomica: il piccione, la “palomba alla leccarda” ed il “pollo alla cacciatora” sono tra i piatti più antichi e tipici della città; come dessert vi consigliamo di provare i ciambelloni con l’anice. Ma Orvieto è conosciuta soprattutto per il vino: Grechetto, Trebbiano e Sangiovese.

Published by: