EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Valle d’Aosta: un autunno tra mele e castagna, sagre e feste

Comment

Valle d'Aosta
Valle d'Aosta: un autunno tra mele e castagna, sagre e feste

Valle d'Aosta: un autunno tra mele e castagna, sagre e feste Le magie dell’autunno? Un luogo ideale dove trascorrere le prime serate autunnali è certamente la Valle d’Aosta dove il mese di ottobre è una vera festa a base di la mela e la castagna.

Il primo appuntamento e’ in programma a Gressan, alle porte di Aosta, dove festeggia 30 anni la Fëta di pomme (Festa delle mele), associata al sesto Concorso ‘Produit de l’Auton’ (Prodotto d’autunno). Per tutta la giornata sara’ possibile degustare prodotti a base mela, visitare l’esposizione dei frutti ed il mercatino di artigianato e prodotti enogastronomici tradizionali ed assaporare dolci e frittelle a volonta’.

Alla mela e’ anche dedicata ‘Mele Vallee’, mostra mercato giunta all’11/a edizione in calendario il 13 e 14 ottobre ad Antey-Saint-Andre’. Alla mostra si trovano frutti, alberi da frutta e decorativi e prodotti derivati come gelatine, marmellate, succhi, mele secche, aceto, salse, dolci, sidro e calvados, ma e’ molto atteso anche il pranzo a base di mele a cui fa seguito un ricco programma di animazione ed intrattenimento che si conclude con la merenda a base di mele e la premiazione del miglior stand e del concorso fotografico.

La mela e’ uno dei frutti piu’ rinomati della regione alpina, prodotta nella varieta’ ‘Golden delicious’, croccante e aromatica, ‘Renetta’, simbolo della tradizione valdostana, dalla polpa finissima e la buccia rugosa, oppure ‘Red delicious,’ di un rosso acceso, e ‘Jonagold’, dal fondo giallo con striature rosse.

Dal 12 al 14 ottobre, invece, a Donnas si festeggia la castagna nella 40/a edizione della sagra dedicata al piccolo frutto. Peraltro, a una qualita’ di castagne, la ‘donnasc’, sembra risalire, secondo una delle interpretazioni etimologiche, il nome stesso del paese della bassa Valle d’Aosta. Tra serate danzanti, pranzi con prodotti tipici, musica e specialita’ enogastronomiche, la festa culmina nella gara di ‘Mendaye’ (gara di cottura di caldarroste) in cui viene messa in palio la ‘Castagna d’oro’.

La castagna rappresenta storicamente uno dei prodotti piu’ importanti nell’alimentazione valdostana, servita in zuppe e minestre, accompagnata con il burro o il latte di montagna; oppure glassata, in confettura, con la panna montata o con il cioccolato, o ancora bollita e avvolta in una fetta di Lard d’Arnad Dop.

La produzione ha il suo fulcro nel piccolo comune di Lillianes, nella valle del Lys, dove il 28 ottobre, si terra’ la 55/a Castagnata, la piu’ antica della Valle d’Aosta. L’intera giornata sara’ dedicata alla degustazione di questo versatile frutto autunnale, con la premiazione dei migliori produttori e un pranzo con menu a base di castagne.

Il gustoso frutto sara’ celebrato anche a Fenis, dal 12 al 14 ottobre, con la 51/a edizione della ‘Castagna d’oro’, in programma nell’area attrezzata ‘Tzante’ de Bouva’, che vivra’ il suo clou con la cottura e distribuzione di 15 quintali di caldarroste nella giornata di domenica.

Infine, altre castagnate sono in calendario a Perloz, il 14 ottobre, a Moron (Saint-Vincent), il giorno 20, ad Avise, nell’alta Valle d’Aosta, il 27, 28 e 31 e, dal 28 al 31 ottobre, a Champdepraz.

(fonte Ansa)

Leave a Reply