Informativa breve sui cookie

Vacanze e auto: i comportamenti degli automobilisti europei

Comment

Varie
Case vacanza in tutta tranquillità con ERV Italia assicurazione viaggi

L’estate 2015 è appena trascorsa e in casa Michelin è tempo ora di stilare dei report sul comportamento degli automobilisti europei durante le vacanze estive.

Il test si è concentrato su tutti i tipi di veicoli e su tutte le macchine, dalla nuova Suzuki Vitara alla vecchia Fiat Cinquecento, passando per macchine intermedie come Alfa Romeo Giulietta e altre.

Tanti sono i dati interessanti che sono usciti fuori. Intanto gli automobilisti, specialmente quelli che fanno parecchi chilometri durante le vacanze, non prestano tanto attenzione all’usura delle gomme e al massimo, per tante persone, il massimo controllo che viene fatto è quello di controllare quanto i pneumatici sono gonfi/sgonfi.

Il test è stato realizzato su un campione di 2.500 automobilisti in tutta Europa che hanno deciso questa estate di viaggiare in auto per raggiungere le mete estive. Un primo dato che è emerso che alcuni automobilisti ama farsi un regalino prima di partire regalandosi magari qualche accessorio per la propria auto o qualche comodità per il viaggio: dal portachiavi con la luce a led, al mini frigo che si collega alla 12v. In effetti sono tanti i possibili accessori da acquistare, da quelli stravaganti a quelli più normali: una serie di prodotti è possibili visualizzarli su www.autopezzistore.it

Per quanto riguarda il periodo delle vacanze preferito è Agosto con circa il 50% di automobilisti che preferisce proprio questo mese per partire.

Grande attaccamento degli Europei al proprio Stato: infatti ben l’86% degi automobilisti europeri decide di restare entro i propri confini nazionali (in particolare i spagnoli e gli italiani).

Solo i tedesci con il 46% sembrano tra gli Europei quelli che più amano andare all’avventura e all La maggior parte degli automobilisti europei, circa il 50%, sceglie agosto come mese di partenza per le vacanze. L’86% decide di restare entro i confini nazionali, sopratutto italiani e spagnoli (oltre il 90%), mentre sono i tedeschi (46%) quelli che si avventurano di più fuori dal proprio Paese.

Mediamente durante l’organizzazione di un percorso vacanze mediamente si percorrono dai 300 ai 600km. Solo il 10% degli europei in vacanza supera i 1000km con tedeschi e francesci quelli più abituati a percorrenze cosi lunghe, rispetto agli inglese che si classificano come quelli che non amano proprio viaggiare tanto con la macchina e percorrenza di tragitti di strada molto brevi.

Temerai nelle ore di guida al volante: infatti solo il 24% degli automobilisti europei, con percorrenze inferiori a 1000km, si ferma ogni dure ore per fare una pausa e riposarsi qualche minuto, mentre tra quelli che percorrono oltre 1000km solo il 17% si ferma per riposarsi e fare una pausa.

La maggior parte di coloro che guidano la macchina riescono a percorrere l’intero tragitto senza chiedere l’aiuto o il cambio guida anche se magari al proprio fianco hanno persone in grado di guidare la macchina e quindi in possesso di regolare patente di guida.

L’usura dei pneumatici viene controllata da solo il 50% dei viaggiatori, mentre l’olio viene controllato dal 73% degli automobilisti e l’82% controlla la pressione dei pneumatici per verificare lo stato delle ruote e capire se sono gonfie/sgonfie.

Il dato più preoccupante che esce fuori dal test di Michelin è il fatto che la maggior parte degli automobilisti non valuta accuratamente, con tutti i rischi di sicurezza che ci stanno dietro, l’usura dei pneumatici prima di mettersi in viaggio. In particolare non valutano lo stato dei pneumatici e l’eventuale sforzo a cui sono sottoposti in base ai km che dovranno percorrere.

Qui sotto l’infografica completa con tutti i dati:

3

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>