EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Un wee keend d’autunno a Melfi

Comment

viaggi
Un wee keend d'autunno a Melfi

Un wee keend d'autunno a MelfiMelfi  è una splendida cittadina che si trova nella parte settentrionale della Basilicata, nel sud dell’Italia, in un paesaggio collinare. Melfi, con il suo imponente castello normanno-svevo, sorge ai piedi del Monte Vulture. Il centro fu abitata un tempo da Dauni e Lucani, i cui insediamenti sono testimoniati dai reperti archeologici ritrovati nella zona e custoditi oggi nel Museo Nazionale.

La città gode di una ricca e complessa tradizione storica: lo spettacolare scenario dell’antico borgo medioevale, con lo splendido Duomo, si contrappone al moderno e piatto panorama di un vero e proprio polo industriale.

Melfi possiede uno dei castelli medievali più importanti dell’Italia meridionale. Costruito dai Normanni nel Medio Evo,il castello fino a cinquanta anni fa era di proprietà privata. Nella zona la terra è molto instabile, e spesso ci sono stati terremoti che hanno distrutto anche monumenti importanti. Così oggi del castello si vedono solo quattro delle sei porte originali.

Vicino al castello la maestosa Cattedrale con il Campanile e l’annesso Palazzo Vescovile, antichi palazzi, vie e vicoli nel centro storico, angoli da scoprire, le sue chiese ed anche tanto altro ancora, vi riserverà un  viaggio attraverso Melfi.

Molte son o le specialità culinarie che potrete gustare durante un soggiorno a Melfi. In questo periodo autunnale cosa è meglio di assaggiare la lasagna di castagne fatta con farina di castagne. Altri piatti di: un tipo di maccheroni angolare al ragù di cinghiale (Maccuarnar), e un piatto di pasta con una salsa di vari tipi di carne, servite con la ricotta (strascinati con ricotta). E ancora: il pan cotto, pecora a cutturid, taralli al vino bianco e tanto altro.

Se avete la possibilità, conviene andare in ottobre a Melfi, per la festa delle castagne, la famosa Sagra della Varola, che viene organizzata in Piazza del Duomo, dove si mangiano le caldarroste e si beve l’Aglianico.

Leave a Reply