EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Time in Jazz: programma aggiornato

Comment

Eventi
Aggiornamenti al programma del venticinquesimo festival Time in Jazz
in programma dal 9 al 16 agosto a Berchidda (e altri centri del nord Sardegna).
Prosegue intanto la prevendita dei biglietti e degli abbonamenti.

*
L’Armeria dei Briganti, Ludus in Krapula, King Howl Quartet, Rodeo Clown: queste le band protagoniste dei dopo concerto in programma al jazz-club del venticinquesimo Time in Jazz, il festival diretto da Paolo Fresu in programma a Berchidda (e in altri centri del nord Sardegna) dal 9 al 16 agosto. Selezionate attraverso il secondo concorso “Time Out!”, appositamente bandito lo scorso gennaio, le quattro formazioni sarde si avvicenderanno in altrettante serate sul palco allestito al Centro Laber, la struttura industriale dismessa (l’ex-caseificio la Berchiddese) e riconvertita in centro di produzione per le arti e lo spettacolo. Ad aprire le danze, la sera del 12 agosto, dopo i concerti serali, sarà la miscela di swing, canzone d’autore e jazz manouche proposta dai cagliaritani L’Armeria dei Briganti; il 13 spazio ai Rodeo Clown, collaudata band sassarese punk/rock/surf, sulle scene dal 1996 e con ben nove album all’attivo; da Sassari, la sera dopo, arrivano anche i Ludus in Krapula col loro carico di sonorità ska, rocksteady e 2tone, mentre per il dopofestival della sera di ferragosto sarà il turno del King Howl Quartet, una formazione che interpreta il blues incorporando gli stili dello stoner rock, del funk, dell’hardcore punk, della psichedelia. A seguire, fuori concorso, l’esibizione della band berchiddese Utopia con un tributo ai 25 anni del festival.

Dopo le esibizioni dal vivo, la musica al jazz club continuerà ogni notte fino a tarda ora con un diverso dj set; di scena quattro nuovi talenti della console, anche loro scelti tramite una selezione ad hoc, la “DJ Laber competition” che si è tenuta lo scorso maggio. Il 12 agosto tiene banco l’enfant du pays DJ LOST, seguito dai compaesani MOOD e Tiefereth, in pista rispettivamente il 13 e il 14 ; mentre la sera del 15 chiude i giochi Dj Renton.

Cancellato, come già anticipato, l’omaggio a Fabrizio De André che avrebbe dovuto vedere di scena all’Agnata Paolo Fresu, Raffaele Casarano, Gaetano Curreri e Fabrizio Foschini, il pomeriggio del 10 agosto sarà dedicato all’inaugurazione delle diverse mostre allestite a Berchidda nell’ambito del P.A.V., la sezione di Time in Jazz dedicata alle arti visive.

Non solo musica, dunque, a Berchidda; come di consueto sarà dedicato ampio spazio anche alle presentazioni editoriali: dal 12 al 15 agosto (alle 12) gli autori Vindice Lecis, Pia Valentinis, Claudio Loi, Giulio Angioni incontreranno il pubblico del festival in alcuni caffè al centro del paese per illustrare le loro pubblicazioni più recenti. Al Museo del Vino inoltre, la mattina del 16 agosto (sempre alle 12), sarà dedicata alla presentazione di due lavori che illustrano il tour dei “50! anni suonati”, intrapreso lo scorso anno da Paolo Fresu, con 50 concerti in 50 diversi luoghi della Sardegna insieme ad artisti provenienti da tutto il mondo: si parte con il libro “In Sardegna. Un viaggio musicale” (uscito per Feltrinelli lo scorso giugno) in cui Paolo Fresu racconta, come in un diario di bordo, emozioni, luoghi e personaggi incontrati durante l’impresa; gli stessi che si ritrovano anche nel diario per immagini (corredato da DVD) del fotografo Gianfranco Mura “Paolo Fresu, 50 suonati”, in uscita a luglio per la casa editrice Ilisso.

Una novità nel cartellone di Time in Sassari, il consueto prolungamento del festival in programma il 17 e il 18 agosto nel capoluogo turritano (ma con tappe anche a Cheremule, Osilo e Sorso), giunto quest’anno alla sua sesta edizione. Il calendario si arricchisce infatti di un appuntamento: la mattina di venerdì 17 (ore 11), alla Fontana del Rosello di Sassari, suona il Mudras Quartet, formazione esperta in cui si riconoscono volti noti della scena jazzistica sarda: il trombettista Giovanni Sanna Passino, il pianista Mariano Tedde, il contrabbassista Salvatore Maltana e Massimo Russino alla batteria.

Prosegue intanto la prevendita dei biglietti e degli abbonamenti per Time in Jazz. L’ingresso, come sempre, è a pagamento solo per i concerti serali che si tengono in piazza del Popolo. Al centro dei riflettori, domenica 12 agosto Bill Frisell in quartetto con il suo tributo a John Lennon “All We Are Saying…”, lunedì 13 il trio di Tigran Hamasyan e il quartetto di Arild Andersen, martedì 14 il progetto “Roden Crater Project” di Maria Pia De Vito e il trio formato da Paolo Fresu, Omar Sosa e Trilok Gurtu. ll biglietto intero in platea costa 23 euro, il ridotto 20; si pagano invece 18 euro per un posto in tribuna, ridotto a 15 (più diritti di prevendita).

Prezzi quasi dimezzati, com’è consuetudine a Time in Jazz, per la serata di Ferragosto: si paga infatti il biglietto (platea intero a 13 euro, ridotto a 11; tribuna a 11 e 9) solo per il primo dei due concerti in programma, che vedrà di scena Antonello Salis, Paolo Angeli, Gavino Murgia e Hamid Drake con il loro progetto “Giornale di bordo”; l’ingresso è gratuito, invece, per la seconda parte della serata, con l’immancabile festa finale che quest’anno vedrà sul palco Daniele Sepe con la sua Vesuvian Magmatic Orchestra.

Con i biglietti sono in prevendita anche gli abbonamenti per tutt’e quattro le serate in piazza del Popolo: l’intero costa 60 euro, il ridotto 50 (più diritti di prevendita). Biglietti e abbonamenti si possono acquistare attraverso il circuito Vivaticket, online oppure nei suoi punti vendita o, ancora chiamando l’89.24.24 Pronto PagineGialle® o il call center Vivaticket al numero 899.666.805.

Con le stesse modalità è possibile comprare anche i biglietti (13 intero, 11 ridotto) per il concerto in programma la sera dell’ 11 agosto al Centro Laber, ovvero l’ex-caseificio di Berchidda in fase di riconversione in centro di produzione per lo spettacolo: protagonista il quartetto di Ettore Fioravanti alle prese con il repertorio di “Le vie del pane e del fuoco”, il nono disco firmato dal batterista romano.

Non occorrono invece biglietti per seguire tutti gli altri appuntamenti che completano il ricco cartellone del venticinquesimo Time in Jazz: dal 9 al 16 agosto, sarà ancora una volta una settimana carica di musica (e non solo) tutta da seguire, dal mattino al pomeriggio fino a notte fonda, in luoghi e spazi sempre diversi, fra boschi, chiesette di campagna e altri luoghi di particolare significato storico o naturalistico di Berchidda e degli altri centri del nord Sardegna in cui il festival fa tappa quest’anno: Budoni, Codrongianos, Ittireddu, Mores, Olbia, Oschiri, Ozieri, Pattada, San Pantaleo, Telti, Tempio Pausania, Tula.

Per altre informazioni e aggiornamenti si può consultare il sito www.timeinjazz.it o contattare la segreteria di Time in Jazz al numero 079.70.30.07 e all’indirizzo di posta elettronica info@timeinjazz.it.

Leave a Reply