EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Tag Archives: stintino

Primavera a Stintino? Maggio stintinese programma

Locandina 1_maggio1° maggio il concerto dei La Pillola e il 2 maggio Enrico Ruggeri.

STINTINO 23 aprile 2015 – Sarà un fine settimana in musica quello in programma a Stintino per celebrare la festa dei lavoratori. Due giorni, da venerdì 1 a sabato 2 maggio, che coinvolgeranno il paese e la spiaggia della Pelosa. Il primo maggio serata rock con l’attesissima esibizione del gruppo sassarese dei “La pillola” mentre il 2 maggio sul palco della Pelosa ci sarà il super ospite Enrico Ruggeri.

Dopo il grande successo della “Pasquetta In Musica 2015”, quando il paese ha accolto i tanti turisti per la gita fuori porta con una serie di concerti nelle varie piazze del paese, l’amministrazione comunale ripropone la stessa vincente formula.

La due giorni è organizzata dal Comune di Stintino, assessorato al Turismo e assessorato allo Spettacolo, in collaborazione con la Pro loco di via Sassari, l’associazione Limes e la collaborazione artistica di Giulio Martinetti.

«Un nuovo appuntamento nel calendario degli eventi stintinesi – afferma l’assessore al Turismo Angelo Schiaffino – che promette molto bene visto che si colloca in un piccolo ponte pre-estivo. Saranno le prime prove della stagione turistica».

Venerdì primo maggio la musica inizierà a risuonare per le vie del paese a partire dalle ore 18. Quasi in contemporanea si animeranno le piazze Segni, Cala d’Oliva e il lungomare Cristoforo Colombo. Anche alcuni locali del centro promettono animazione per lo stesso orario. Il Bar L’Ormeggio per esempio organizzerà un concerto della “Stintino Music School” in Via Asinara, ma sono attese anche altre iniziative da altri operatori locali.

Nella piazzetta Segni che si affaccia sul porto Minori suonerà il duo Pietro&Giuseppe, con musica pop anni Settanta e Ottanta. Sul lungomare Colombo, all’altezza del faro, invece, la musica rock sarà il piatto forte del Dj Riccardoarmato. La rinnovata piazza Cala d’Oliva ospiterà, infine, il gruppo musicale sassarese “La pillola”. Grande attesa per la band che, con la sua musica e la calda voce di Giacomo Cherchi, sta conquistando le piazze dell’isola. Con lui sul palco Franco Mario Frau alla chitarra, Maxx Lubinu al basso, Fabio Fois alle tastiere e Davide Marras alla batteria.

Il 2 maggio sarà ancora musica, ma questa volta il palcoscenico sarà la Pelosa. Sul palco allestito nella piazzetta della Pelosetta si aprirà il festival musicale “La Pelosa beach music day”.

A partire dalle 12, si alternerà una sessione di Dj Riccardoarmato, quindi lo sostituirà alle 14 Dj Emanuele Orru’che sarà poi seguito dai cantanti sassaresi Gabriele Masala e Giuliano Rassu. A chiudere la serata sarà il concerto unplugged di Enrico Ruggeri.

La Via La Pelosa in questa giornata si trasformerà in una enorme isola pedonale e sarà chiusa al traffico veicolare già dalle 9:00 del mattino fino alla fine della manifestazione. Sarà possibile parcheggiare in Via Moratti, Via Capo Falcone, Via Cala Secca, Via Scoglietti e presso il campo sportivo Roccaruja.

La serata sarà presentata da Alberto Cocco e Giulio Martinetti.

Published by:

Alghero Stintino: 1 giugno Sardabus 5 corse al giorno

Estate da favola in Sardegna, scopriamo StintinoStintino e Alghero saranno più vicine. Dal 1° giungo, infatti, le distanze si accorceranno grazie alla riattivazione delle corse autobus che collegheranno il paese che si affaccia sul Golfo dell’Asinara con la città catalana. Il servizio sarà attivo sino al 30 settembre e, come avviene già da alcuni anni, la tratta sarà assicurata dalla Sardabus.

Per chi parte da Stintino, la prima corsa inizierà alle 7,40 dalla spiaggia della Pelosa, mentre dal paese, con fermata in via Lepanto, partirà alle 7,50. Il mezzo farà sosta alle Tonnare, quindi a Pozzo San Nicola per arrivare poi all’aeroporto di Fertilia dopo circa un’ora dalla partenza da Stintino. Il capolinea sarà sempre nel centro di Alghero, in via Catalogna.

Continue reading

Published by:

Estate da favola in Sardegna, scopriamo Stintino

Estate da favola in Sardegna, scopriamo StintinoStintino è una graziosa cittadina sulla costa nord-orientale della Sardegna, affacciata  sul golfo dell’Asinara, verso cui il borgo si protende.

Il toponimo trae origine dal termine sardo “s’isthintinu”, che significa budello, nome attribuito allo stretto fiordo su cui nel 1885 sorse il paese.

Stintino ha infatti una vera e propria data di fondazione, legata indissolubilmente alle vicissitudini delle famiglie di pescatori che abitavano in origine l’Asinara.

Sfrattate dall’isola per permettere la costruzione della colonia penale, area oggi divenuta un importante Parco Naturale, queste famiglie furono costrette a spostarsi a Capo Falcone e a dar vita ad un nuovo insediamento.

In prossimità del mare, a pochi chilometri dal paese, si trovani le antiche tonnare, oggi ristrutturate e utilizzate per finalità turistico-ricreative, che hanno rappresentato fino al XX secolo una delle principali risorse economiche della zona.

La sagra del tonno è il tradizionale appuntamento estivo organizzato ogni anno al porto, una vera e propria celebrazione della cultura, della storia e della tradizione enogastronomica locale.

La manifestazione è un appuntamento particolarmente atteso, anche dei turisti che affollano le spiagge della Sardegna, e che si configura quale percorso di memoria e ricostruzione,  occasione di valorizzazione e aggregazione.

Sulla banchina di Porto Mannu sorge il Museo della Tonnara, non un semplice contenitore  in cui sono raccolti documenti, oggetti e foto che raccontano e illustrano ogni aspetto della vita dei pescatori e del’attività tonnara, ma un vero e proprio itinerario che celebra una realtà unica e affascinante, una risorsa non solo economica ma altresì culturale.

La costa di Stintino, tra le più rinomate di tutta la Sardegna, è interamente incorniciata da spiagge di un candore irreale. Portu Mannu e Portu Minori sono attrezzati per la pratica del turismo nautico mentre dal Porto Nuovo si può raggiungere il Parco Nazionale dell’Asinara,  un’importante oasi dal punto di vista naturalistico.

Stintino vive soprattutto  di turismo, grazie ai paesaggi naturali di rara bellezza, alle mille sfumature cromatiche del mare, alle lunghe spiagge di bianchissima sabbia e famose in tutto il mondo

A Stintino è ovviamente possibile gustare ottimo pesce e nei principali ristoranti della zona viene servita aragosta freschissima.

Published by:

Stintino: tutto pronto per Capodanno. L’Isthintini 2014

Stintino, fuochi d'artificioArrostita e fuochi d’artificio per il primo Capodanno stintinese
Tutto pronto per la manifestazione con la musica in piazza: a disposizione una navetta che partirà da Sassari passando per Porto Torres, Sorso e Sennori.

Va verso il tutto esaurito la prima edizione del Capodanno stintinese, “L’Isthintini 2014”. L’evento di Stintino, grande novità nella mappa dei capodanni regionali sembra davvero aver colpito nel segno: lo confermano le prenotazioni a pioggia arrivate verso le strutture ricettive e gli appartamenti del paese che si aggiungono ai tanti proprietari di seconde case che riapriranno le loro abitazioni per l’occasione.

Continue reading

Published by:
Sardegna

Stintino, angolo di Sardegna con la sua spiaggia tropicale: La Pelosa

Stintino e la sua spiaggia tropicale: La PelosaStintino, in provincia di Sassari, è un lembo di Sardegna che si protende verso l’isola dell’Asinara, situata a breve distanza. Stintino si trova sulla costa nord della Sardegna, a circa 30 km. da Porto Torres,  importante  porto che collega l’isola al resto dell’Italia

Stintino, rinomatissima località balneare, è conosciuta e frequentata soprattutto grazie alla bellezza delle sue spiagge di sabbia fine e bianchissima. Il mare, azzurro-turchese dal fondale molto basso, in questo tratto di costa,  si insinua tra lidi, calette , incorniciate da vegetazione spontanea e selvaggia del tutto particolare. In questo angolo meraviglioso di Sardegna potrete assistere a manifestazioni folkloristiche, sagre, regate e soprattutto gustare i piatti tipici della zona  principalmente a base di pesce.

Stintino è mare e la sua spiaggia più rinomata è La Pelosa,  quasi uno spaccato di Caraibi per il mare trasparentissimo e la sabbia bianca. La Pelosa è uno degli arenili più incantevoli della Sardegna. La sua sabbia è finissima, quasi impalpabile, con le morbide dune tra rocce  scistose. Qui la natura è in parte intatta e selvaggia .  Sulla zona si staglia l’antica torre saracena detta del Falcone, in roccia granitica, raggiungibile a piedi o con fuoristrada. Il paesaggio tra la spiaggia e le isole antistanti appare come un mondo ricco e vario sopra e sotto il mare. I fondali possiedono dei colori particolari che lo rendono unico nel suo genere.

Di fronte alla spiaggia si trova l’isolotto con la caratteristica torre aragonese della Pelosa, raggiungibile a piedi dalla costa seguendo un guado naturale in un punto all’estremità nord della spiaggia della Pelosa.
Poco oltre si nota l’isola Piana usata in passato come pascolo per il bestiame, che data la vicinanza dell’isola alla costa, veniva portato a nuoto trainandolo con barconi. Sull’isola Piana,  si trova un’altra torre chiamata Torre della Finanza . Nella stessa direzione oltre l’isola Piana si scorge il profilo delle rocce maestose dell’Asinara.

La Pelosa è quasi sempre molto affollata ed offre ai visitatori parcheggi, bar e ristoranti dove si serve ottima cucina di pesce. Spiaggia molto affollata, bellissima da vivere in bassa stagione o perlomeno a giugno e settembre.

Published by:

Stintino: festival del mare, programma completo

Tra mostre, libri, musica, laboratori educativi per i ragazzi, incontri sull’ambiente e tanto altro prende il via il primo “Festival del mare” organizzato dal Centro studi sulla civiltà del mare e il Comune di Stintino, con il patrocinio dell’Università di Sassari e il contributo del Banco di Sardegna.

Nel suo intervento alla conferenza stampa, il sindaco di Stintino Antonio Diana ha sottolineato che il Festival vuole essere una finestra aperta sul mondo per valorizzare e promuovere il patrimonio della civiltà del mare e le sue tradizioni millenarie e diffondere la cultura del rispetto dell’ambiente e che è stato e sarà compito dell’amministrazione sviluppare attività che creino benessere per la cittadinanza, nell’assoluta consapevolezza che questo avviene solo se si promuovono interventi strutturali, economici, culturali e sociali in cui si tiene presente soprattutto la tutela, il rispetto e la salvaguardia dello straordinario patrimonio paesaggistico, storico e identitario, materiale e immateriale di Stintino e del suo territorio. Egli ha inoltre voluto ribadire la forte volontà dell’amministrazione di promozione del territorio, sulla base di modelli contemporanei di sviluppo economico legati all’offerta culturale al fine di suscitare un rinnovato interesse per Stintino, poiché la scelta è quella di combattere la crisi con la cultura e con la consapevolezza che l’ambiente e la comunità sono il patrimonio più importante.

Il Festival del mare si terrà dal 19 al 22 luglio, con una coda di eventi tra agosto e settembre.

A dare il via alla manifestazione che per quattro giorni renderà Stintino centro della scienza e della cultura del mare sarà la grande anteprima della 27a edizione del Festival internazionale “Ittiri Folk Festa“, in programma il 19 luglio alle ore 20. Un’occasione per mettere a confronto e conoscere la cultura isolana con quella “di altri mari del mondo”. L’anteprima organizzata con la collaborazione dell’associazione Ittiri Cannedu, sarà suddivsa in due parti: dalle ore 20.00 per le vie del paese sfileranno, in un carosello di colori e voci, i gruppi dell’Ecuador, della Russia, della Colombia, del Benin e, in rappresentanza per la Sardegna, il Gruppo folk olbiese. Alle 22, in piazza dei 45, il Festival del mare sarà ufficialmente presentato dal sindaco di Stintino Antonio Diana, da quello di Sennori, Tonino Orani, dall’assessore comunale al Turismo Angelo Schiaffino e da Salvatore Rubino, presidente del Centro studi sulla civiltà del mare.

Alle 22,30, sempre nella piazza dedicata ai fondatori di Stintino, si darà il via alle danze, con l’esibizione dei gruppi folkloristici.

Venerdì a partire dalle ore 20 in piazza Berlinguer saranno inaugurate tre mostre fotografiche allestite nel paese: le “open view” Dai Mari della Sardegna… di Bruno Manunza al porto turistico Marina di Stintino; Gente di Tonnara a cura di Salvatore Rubino, Esmeralda Ughi, Valentina Calvisi e Antonella Canu, nelle vie del paese, sui muri delle case; Le Tonnare del Golfo dell’Asinara, a cura di Salvatore Rubino e Giannella Demuro, nella passeggiata del porto Minori. Quindi sarà presentato il volume Dai Mari della Sardegna, un’Isola di Biodiversità, di Bruno Manunza, edito da Pubblinova (VA). A seguire Sante Maurizi leggerà il mare… chiamatemi Ismaele con l’accompagnamento musicale di Massimo Carboni al sassofono, di Giovanni Agostino Frassetto al piano e di Salvatore Maltana al contrabasso.

Durante il reading musicale saranno proiettate le immagini del fotografo Bruno Manunza.

Dalle ore 22.30 in largo Cala d’Oliva si proseguirà con l’evento “Melkart, suoni dal Mediterraneo e oltre” che vedrà sul palco Beppe Dettori, voce e chitarra, con Manuel Rossi Cabitza alla fisarmonica, Mauro Mibelli al mandolino sitar, chitarre ed Eleonora Georgia Sale all’arpa. Tra le 20 e le 22 la biblioteca comunale in piazza dei 45 ospiterà Maremè, il laboratorio per bambini di letture sul mare, curato dall’associazione culturale e presidio del libro Coilibrì. La serata sarà presentata da Antonella Mariani, assessore alla Pubblica istruzione, Politiche sociali e Politiche giovanili.

Sabato 21 luglio gli eventi compresi in Un mare di rispetto, vele e musica partiranno dalla mattina con il laboratorio di educazione ambientale dedicato ai ragazzi. Alla spiaggia delle Saline, l’associazione Vosma, o.n.l.u.s. volontari per il soccorso a mare e per la tutela dei litorali, coinvolgerà bambini e i ragazzi nelle attività di monitoraggio e pulizia di un tratto della spiaggia delle Saline Saranno presenti il sindaco Antonio Diana e il consigliere comunale con delega all’Ambiente Mario Mura. Alle 19,30 nella palestra comunale di via delle Frecce Tricolori saranno inaugurate le mostre Conchiglie del Golfo dell’Asinara…dai fondali…agli arenili, X edizione della mostra malacologica di Alfredo Camoglio, e Sardegna un’isola tra cielo e mare, mostra fotografica, a cura dell’associazione scientifica “Sardegna Mediterraneo”. Alle 20 piazza Berlinguer ospiterà la presentazione del volume “Il sogno spezzato. Padre e figlio sulla rotta dei clipper”, di Vittorio Fresi, edito da Nutrimenti (Isola del Liri). Durante la presentazione sarà proiettato il video del salvataggio, commentato da Vittorio e Piero Fresi. La serata si concluderà al porto Minori, ore 22,30, con l’evento Il mare è sempre più blues, Francesco Piu in concerto.

Il Festival del mare si concluderà domenica 22 luglio con una conferenza, ore 20 piazza Berlinguer, dal titolo Il monitoraggio delle navi sullo Stretto di Bonifacio ai fini della tutela ambientale, che vedrà ospite il capitano di Fregata Fabio Poletto, direttore degli Studi, scuola sottufficiali della Marina Militare “Movm Domenico Bastianini” a La Maddalena e il capitano di Fregata Marco Nobile, comandante della Capitaneria di porto di Porto Torres. A seguire la cerimonia che assegnerà il riconoscimento di “Stintinese Doc” a Massimo Scarpati, campione mondiale di pesca subacquea. Suggestivo l’arrivederci che sarà dato con una fiaccolata tra terra e mare, organizzata sul porto Mannu dalle A.S.D.R.C. Kayakavventura, Sardinian Discovery Teamkayak Alghero e A.S.D. Alghero Marathon di Alghero, e dall’evento Amor i Mar con la voce di Franca Masu, accompagnata da Salvatore Maltana al contrabasso, da Alessandro Girotto alla chitarra e da Fausto Beccalossi all’accordeon. Gli eventi legati al Festival del mare e che si svolgeranno tra agosto e settembre, infine, sono Il viaggio del postale (3 e 4 agosto) e gli Incontri stintinesi: storie di vita, percorsi di memoria (6 settembre) durante i quali sarà presentato il volume Beppe Anfossi. Di Acqua e di Tonnara. Racconti di vita di un romantico capitano d’industria genovese, a cura di Esmeralda Ughi, Maria Veronica Benenati e Salvatore Rubino, edito da Edes.

Published by:

Stintino: dal 19 luglio Festival del Mare

Sardegna, nello splendido lido di Stintino, al via il Festival del Mare  tra libri, musica, laboratori educativi per i ragazzi, incontri sull’ambiente e tanto altro. Si tratta del primo “Festival del mare” organizzato dal Comune di Stintino in collaborazione con il Centro studi sulla civilta’ del mare, il patrocinio dell’Universita’ di Sassari e il contributo del Banco di Sardegna.

Il Festival del mare si tiene dal 19 al 22 luglio, con una coda di eventi tra agosto e settembre.

A dare il via alla manifestazione che per quattro giorni rendera’ Stintino centro della scienza e della cultura del mare sara’ la grande anteprima della 27esima edizione del Festival internazionale “Ittiri Folk Festa“, in programma il 19 luglio alle ore 20. Un’occasione per mettere a confronto e conoscere la cultura isolana con quella “di altri mari del mondo”.

Il 19 luglio, in collaborazione con l’associazione Ittiri Cannedu, per le vie del paese sfileranno, in un carosello di colori e voci, i gruppi dell’Ecuador, della Russia, della Colombia, del Benin e, in rappresentanza per la Sardegna, del Gruppo folk olbiese. Alle 22, in piazza dei 45, il Festival del mare sara’ ufficialmente presentato dal sindaco di Stintino Antonio Diana, dall’assessore comunale al Turismo Angelo Schiaffino e da Salvatore Rubino, presidente del Centro studi sulla civilta’ del mare.

Alle 22,30, sempre nella piazza dedicata ai fondatori di Stintino, si darà il via alle danze, con l’esibizione dei gruppi folkloristici.

Mentre venerdì 20 luglio: il primo in piazza Berlinguer con “Tra ambiente, letteratura e musica” e il secondo in largo Cala d’Oliva “Melkart” con il concerto di Beppe Dettori. A partire dalle ore 20 in piazza Berlinguer saranno inaugurate tre mostre fotografiche allestite nel paese: le “open view” Dai Mari della Sardegna… di Bruno Manunza al porto turistico Marina di Stintino; Gente di Tonnara a cura di Salvatore Rubino, Esmeralda Ughi, Valentina Calvisi e Antonella Canu, nelle vie del paese, sui muri delle case; Le Tonnare del Golfo dell’Asinara, a cura di Salvatore Rubino e Giannella Demuro, nella passeggiata del porto Minori. Quindi sarà presentato il volume Dai Mari della Sardegna, un’Isola di Biodiversità, di Bruno Manunza, edito da Pubblinova (VA). A seguire Sante Maurizi leggerà il mare…chiamatemi Ismaele con l’accompagnamento musicale di Massimo Carboni al sassofono, di Giovanni Agostino Frassetto al piano e di Salvatore Maltana al contrabasso.

Durante il reading musicale saranno proiettate le immagini del fotografo Bruno Manunza. L’appuntamento in largo Cala d’Oliva sarà con “Melkart, suoni dal Mediterraneo e oltre”, e vedrà sul palco Beppe Dettori, voce e chitarra, con Manuel Rossi Cabitza alla fisarmonica, Mauro Mibelli al mandolino sitar, chitarre ed Eleonora Georgia Sale all’arpa. Tra le 20 e le 22 la biblioteca comunale in piazza dei 45 ospiterà Maremè, il laboratorio per bambini di letture sul mare, curato dall’associazione culturale e presidio del libro Coilibrì (prenotazioni entro il 19 luglio all’ufficio della Pro loco Stintino in Via Sassari, 123 tel.             079-520081      ; e-mail: ufficioturistico@prolocostintino.it). La serata sarà presentata da Antonella Mariani, assessore alla Pubblica istruzione, Politiche sociali e Politiche giovanili.

Sabato 21 luglio si comincia dalla mattina con il laboratorio di educazione ambientale dedicato ai ragazzi. Alla spiaggia delle Saline, per Un mare di rispetto, vele e musica, l’associazione Vosma, o.n.l.u.s. volontari per il soccorso a mare e per la tutela dei litorali, il sindaco Antonio Diana e il consigliere comunale con delega all’Ambiente Mario Mura, coinvolgeranno bambini e i ragazzi nelle attività di monitoraggio e pulizia di un tratto della spiaggia delle Saline (prenotazioni entro il 19 luglio all’Ufficio della Pro loco di Stintino in Via Sassari, 123). Alle 19,30 nella palestra comunale di via delle Frecce Tricolori saranno inaugurate le mostre Conchiglie del Golfo dell’Asinara…dai fondali…agli arenili, X edizione della mostra malacologica di Alfredo Camoglio, e Sardegna un’isola tra cielo e mare, mostra fotografica, a cura dell’associazione scientifica “Sardegna Mediterraneo”. Alle 20 piazza Berlinguer ospiterà la presentazione del volume “Il sogno spezzato. Padre e figlio sulla rotta dei clipper”, di Vittorio Fresi, edito da Nutrimenti (Isola del Liri). Durante la presentazione sarà proiettato il video Il salvataggio, commentato da Vittorio e Piero Fresi. La serata si concluderà al porto Minori, ore 22,30, con il concerto di Francesco Piu Il mare è sempre più blues.

Il Festival del mare si concluderà domenica 22 luglio con una conferenza, ore 20 piazza Berlinguer, dal titolo Il monitoraggio delle navi sullo Stretto di Bonifacio ai fini della tutela ambientale, che vedrà ospite il capitano di Fregata Fabio Poletto, direttore degli Studi, scuola sottufficiali della Marina Militare “Movm Domenico Bastianini” a La Maddalena e il capitano di Fregata Marco Nobile, comandante della Capitaneria di porto di Porto Torres. A seguire la cerimonia che assegnerà il riconoscimento di “Stintinese Doc” a Massimo Scarpati, campione mondiale di pesca subacquea. Suggestivo l’arrivederci che sarà dato con una fiaccolata tra terra e mare, organizzata sul porto Mannu, e dalla voce di Franca Masu accompagnata da Salvatore Maltana al contrabasso, da Alessandro Girotto alla chitarra e da Fausto Beccalossi all’accordeon. Gli eventi legati al Festival del mare e che si svolgeranno tra agosto e settembre, infine, sono Il viaggio del postale (3 e 4 agosto) e gli Incontri stintinesi: storie di vita, percorsi di memoria (6 settembre) durante i quali sarà presentato il volume Beppe Anfossi. Di Acqua e di Tonnara. Racconti di vita di un romantico capitano d’industria genovese.

Published by: