EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Tag Archives: prodotti

Mercatino Regionale Francese, Macerata dall’1 al 3 novembre

Mercatino Regionale Francese, Macerata dall’1 al 3 novembreNuova edizione del Mercatino Regionale Francese, a Macerata dall’1 al 3 novembre in piazza Vittorio Veneto.

 Il Mercatino Regionale Francese , un evento che vede presenti  prodotti artigianali che arrivano dalla Provenza e dalla Costa Azzurra: tovaglie, saponi, lavanda, essenze e borse in paglia. Da Parigi arrivano profumi, cosmetici e un’ampia gamma di accessori moda.

Continue reading

Published by:

Mostra Mercato del tartufo bianco di Gubbio

Mostra Mercato del tartufo bianco di Gubbio La Mostra Mercato del tartufo bianco di Gubbio animerà il centro della cittadina dal 28 Ottobre e fino al 1° Novembre 2013.

 La Mostra Mercato del tartufo bianco di Gubbio è  un appuntamento di assoluto rilievo tra tutte le rassegne autunnali dell’Umbria, sia per la straordinaria qualità del tartufo bianco locale e degli altri prodotti presenti negli spazi espositivi sia per lo spettacolare scenario del centro storico di Gubbio.

Continue reading

Published by:

“Sagra delle Castagne” a Marradi Tutte le domeniche di Ottobre

 “Sagra delle Castagne” a Marradi Tutte le domeniche di OttobreA Marradi (FI) si svolgerà la tradizionale “Sagra delle Castagne” giunta alla sua 50^ edizione. Nelle domeniche 6-13-20 e 27 del mese di ottobre, saranno presenti stand gastronomici che proporranno ai visitatori le tradizionali leccornie “Il marrone di Marradi”: i tortelli di marroni, la torta di marroni, il castagnaccio, le marmellate di marroni, i marrons glacés, i “bruciati” (caldarroste), e tanto altro. Nelle giornate della Sagra delle Castagne, ci saranno in vendita i classici prodotti del bosco e sottobosco, prodotti artigianali e commerciali.

Le domeniche di sagra saranno, poi, animate da musicisti e bande musicali itineranti che si alterneranno, ma ogni domenica ci sarà il self service “Il riccio” con degustazione di piatti della cucina tradizionale marradese come la polenta ai funghi porcini, carni al girarrosto accompagnati da vini della regione e dolci a base di castagne.

I pomeriggi saranno allietati da spettacoli di musica e varietà con la presenza di attrazioni per bambini, oltre ad uno spettacolo di illusionismo.

Inoltre, tutte le domeniche sarà possibile visitare mostre fotografiche presso il Teatro degli Animosi. dal 6 al 27 ottobre “Libri e Castagne:” Mostra mercato del libro presso Centro Culturale Dino Campana

Domenica 13 e 20 ottobre dalle 15 alle 16.30 presso la Biblioteca Comunale: “Cartone che passione!” Laboratorio creativo per bambini.

Domenica 13 ottobre tornano a trovarci gli amici di Castelnaudary, il Comune francese con cui è gemellata Marradi: sarà possibile degustare e acquistare le loro prelibatezze eno-gastronomiche

Domenica 20 ottobre la Pro Loco di Roccavaldina, piccolo Comune in provincia di Messina, presenta il suo stand per la degustazione e vendita dei propri prodotti tipici: Profumi e sapori di Sicilia “Col nostro sole coloriamo la vita”

 Per  ulteriori informazioni potete contattare l’Ufficio Turistico di Marradi telefonando al numero 055/8045170 o scrivendo all’indirizzo info@pro-marradi.it oppure visitate il ns. sito www.pro-marradi.it.

Published by:

“Gli Antichi Frutti d’Italia” Pennabili 28 e 29 settembre

"Gli Antichi Frutti d'Italia" Pennabili 28 e 29 settembreA Pennabilli, antico borgo del Montefeltro, il fine settimana del 28 e 29 settembre si apre “Gli Antichi Frutti d’Italia”: convegni, spettacoli, incontri culturali . Cornice dell’evento il mercatino dei frutti dimenticati e dell’artigianato qualificato. 

Gli ospiti e i visitatori di Pennabili, durante i due giorni de “Gli Antichi Frutti d’Italia”, avranno modo di ammirare e acquistare le proposte di importanti vivai provenienti da più regioni: banchi colmi d’infiniti generi e ricchezze naturali: cesti di pomodori, uva, patate e granoturco, fagioli e peperoncino, varietà d’oggi, ma soprattutto di un tempo lontano.

Banchi colmi d’infiniti generi e ricchezze naturali: cesti di pomodori, uva, patate e granoturco, fagioli e peperoncino, varietà d’oggi, ma soprattutto di un tempo lontano.

Inoltre i ristoranti del luogo proporranno menù di antiche ricette preparate per l’occasione e in più punti del mercato saranno proposti assaggi  e prelibatezze.

 

E ancora: mostre, dibattiti e rappresentazioni si terranno nei luoghi più suggestivi di Pennabilli.

 

INFORMAZIONI
Associazione Culturale Tonino Guerra
Via dei Fossi 4,
47864 Pennabilli (RN)
Tel e Fax +39 0541 92 88 46
associazionetoninoguerra@gmail.com
www.associazionetoninoguerra.it

Published by:

”Mercato della Terra” di Milano

”Mercato della Terra" di MilanoProsegue alla Fabbrica del Vapore,  il ”Mercato della Terra”,  mercati contadini creati secondo linee guida che seguono la filosofia Slow Food. Sabato 21 settembre 2013, ore 9,00-14,00 il Mercato della Terra alla Fabbrica del Vapore, via Procaccini 4 Milano: un vero e proprio mercato dei prodotti intorno a Milano con cibi di strada e tavoli per mangiare, bere e gustare un relax che ci ricarica dallo stress quotidiano.

 Oltre alle delizie proposte dai Presìdi Slow italiani e internazionali, il Mercato della Terra è una vetrina per i produttori del territorio milanese e lombardo che presentano prodotti di qualità direttamente ai consumatori, a prezzi giusti e garantendo metodi di produzione sostenibili per l’ambiente.

Ogni Mercato mette in vetrina delizie artigianali: formaggi e salumi, diverse varietà di miele proveniente da apicolture selezionate; riso, mais, farina da polenta; prosciutti crudi dolci; cioccolato da piccoli laboratori artigianali; poi olio, vini, oltre naturalmente a frutta, verdura e ortaggi di stagione.

Published by:

Le Langhe Itinerario tra gusto e storia

Le Langhe Itinerario tra gusto e storiaLe Langhe piemontesi sono uno spettacolo di panorami, odori e sapori particolari.

Le langhe, porta del Piemonte , si presentano con stupendi paesaggi e vasti orizzonti segnati da torri e castelli. E’ questa una meta che ben si presta in questi primi periodi d’autunno. Qui si possono ammirare tanti colori che solo queste colline possono regalarci.

Nelle Langhe non ci si può annoiare, basta infilarsi le scarpe da trekking o inforcare una montainbike per immergersi nella natura percorrendo i diversi sentieri. A piedi, in macchina o in moto le strade delle Langhe sembrano essere disegnate per emozionare e ad ogni angolo si aprono panorami da cartolina pronti per essere fotografati.

Le Langhe sono una regione storica del Piemonte situata a cavallo delle province di Cuneo e di Asti, confinante con altre regioni storiche del Piemonte, ossia il Monferrato e il Roero e costituita da un esteso sistema collinare definito dal corso dei fiumi Tanaro,Belbo, Bormida di Millesimo e Bormida di Spigno.
Essa si può suddividere in: Bassa Langa: zona compresa fra il Tanaro a nord e il Belbo a sud, con quote genericamente inferiori ai 600 m; è la zona dell’Albese, dei vini e del tartufo (rinomato il bianco di Alba).
Alta Langa: è la zona al confine con la Liguria, con quote massime sui 750 m e un picco di 896 m nel comune di Mombarcaro; qui dominano i boschi.
Langa Astigiana: zona nel sud della provincia di Asti, con Canelli a nord e il fiume Bormida di Spigno ad est, con un picco di 851 m nel comune di Serole.

Il primo prodotto che viene associato a queste zone è sicuramente il vino. La coltivazione della vite risale a tempi immemorabili e le qualità dei suoi prodotti sono riconosciute, da sempre, a livello mondiale. Le Langhe sono caratterizzate da migliaia di ettari di vigneti e su queste colline nasce anche il ricercatissimo tartufo bianco, vero e proprio tesoro sotterraneo celebrato nella famosissima fiera di Alba. Con il suo intenso profumo e l’originale sapore, è il più pregiato prodotto della zona .
Anche il formaggio è una delle delizie più diffuse e sono numerosissimi i prodotti caseari
tradizionali e spesso DOP.

La zona delle Langhe è un tripudio del gusto e di prodotti locali come l’immancabile battuta di Fassona, il vitello tonnato, i maccheroni del ferretto o il guanciale di manzo al barbaresco il tutto accompagnato da grandi vini come per l’appunto l’immancabile Barolo e il Barbaresco.

Le langhe non sono solo itinerario gastronomico ma anche un momento storico culturale da rivivere con la visita ai castelli. I castelli medievali che sorgono nella zona delle Langhe e del Roero rappresentano uno degli elementi caratterizzanti e peculiari del paesaggio. Attorno ai castelli delle Langhe ci sono degli itinerari che vi potranno intrattenere per molto più di un weekend: il castello di Serralunga d’Alba, quello di Grinzane Cavour, il Barbaresco, il castello di Govone o quello degli Alfieri,, Castello di Monticello d’Alba, Castello di Pralormo, Castello di Prunetto, Castello di Roddi, Castello di Saliceto, Castello di Serralunga d’Alba.

 

Published by:

Lecce Dall’8 all’11 Agosto il “Niurumaru Festival”

Lecce Dall’8 all’11 Agosto il "Niurumaru Festival" A Lecce dall’8 all’11 Agosto 2013 apre Niurumaru Festival, una rassegna unica nel suo genere, un’esperienza in grado di creare una straordinaria unione tra il piacere del palato e le incantevoli bellezze storico artistiche leccesi.

Il nome, “Niurumaru”, è particolarmente evocativo e scelto per dare particolare risalto al rapporto che lega la produzione del vitigno Negroamaro al territorio e alle tradizioni salentine. Il Niurumaru Festival, organizzato dalla Confederazione Italiana Agricoltori (CIA) – Associazione Provinciale di Lecce, è una rassegna finalizzata alla conoscenza, attraverso la degustazione, del vitigno Negroamaro con le sue diverse peculiarità che caratterizzano le otto rinomate DOC del Salento.

“Niurumaru Festival” avrà come palcoscenico le antiche vie della città di Lecce e le cantine delle Terre del Negroamaro. In questa occasione i tantissimi visitatori potranno gustare svariate e delicate sfumature del tipico vino locale. Numerose anche le altre prestigiose cantine presenti in rappresentanza di alcune regioni italiane: Calabria, Sicilia, Abruzzo e Molise.

Nel corso della manifestazione sarà infatti possibile degustare le migliori specialità gastronomiche locali preparate, per il Teatro del Gusto. Diversi Chef presenzieranno alla manifestazione proponendo le svariate prelibatezze delle loro terre. Alla rassegna sarà poi legato il Premio Niurumaru, tanta musica, installazioni video e intense atmosfere, che contribuiranno a rendere quest’esperienza unica e indimenticabile.

Published by:
Consigli

Neonati e bambini in spiaggia proteggiamo la loro pelle delicata

bambini in spiaggiaLa bella stagione è ormai iniziata e presto le giornate di sole saranno più intense e luminose. Ci aspettano le vacanze, il mare e la spiaggia. Se nel nostro nucleo familiare abbiamo un nuovo nato, proprio in questo momento dobbiamo avere cura di proteggere la sua pelle, durante le esposizioni  al sole.

I neonati hanno la pelle estremamente delicata ma possono comunque essere portati in spiaggia scegliendo le ore più fresche del mattino o della sera, Indispensabile, soprattutto,  è acquistare dei prodotti solari che abbiano filtri solari adeguati. Al momento dell’acquisto leggete molto bene le indicazioni e preferite i prodotti che abbiano anche protezione UVA e non soltanto UVB.

Numerose sono le migliori marche italiane che propongono  creme con filtri solari alti, adatti per neonati e bambini. Citiamo la Fissan, i solari Avene, e le creme dell’Erbolario, senza dimenticare la notissima Nivea. Sono creme e spray che proteggono in modo eccellente la pelle del vostro piccolino. Molto comodo il latte solare swim and play, che protegge anche in acqua in maniera duratura e sicura.

Il filtro, che in genere deve avere protezione alta, dal quaranta al cinquanta per cento, si accompagna alla vitamina E che idrata e lenisce la cute delicata.  Naturalmente sono tutti preparati resistenti all’acqua di mare e senza profumo. Spalmiamo la crema abbondantemente e ripetiamo dopo il bagnetto e comunque dopo qualche ore di esposizione .Se avete qualche dubbio, chiedete un consiglio al vostro pediatra che saprà consigliarvi per il meglio.

Ricordatevi che le creme solari non sono dei sostituti a tutte le altre protezioni come le magliette, i cappellini e gli occhiali da sole.

Published by:

Autunno in Barbagia Sarule 26-27 e 28 Ottobre

L’ultimo fine settimana di Ottobre, la manifestazione Autunno in Barbagia arriva ad Aritzo e Sarule.

Esaminiamo il programma di Sarule, dove “il sapore genuino dell’ospitalità” inizia venerdì 26 e termina domenica 28 Ottobre.

Sabato 27, alle 9.00 si aprono le cortes e dalle 9.00 alle 13.00 si tiene il seminario dedicato ai ragazzi “ i prodotti della terra sarda e la sana alimentazione”; dalla mattina sino alle ore 18.00 è possibile visitare i luoghi più interessanti di Sarule come i nuraghi e l’altare di Logula.

Al pomeriggio si esibiscono i gruppi folkloristici e i poeti locali; inoltre alle 15.00si può assistere alla panificazione presso la casa museo Giudice Ladu . La sera si esibisce la “compagnia teatrale Barberi” di Ovodda con un testo in sardo.

Domenica 28, alle 9.00 si aprono le cortes e alle 10.00 si inaugura la tavola rotonda “l’identità dei prodotti sardi come volano per l’artigianato, l’agricoltura e il turismo”. Alle 11.00 inizia il torneo di morra sarulese al quale partecipano i giocatori del paese; alle 12.00 si tiene la premiazione del concorso regionale di tessitura. Al pomeriggio, ore 15.00,  è possibile osservare la panificazione presso la casa museo Giudice Ladu; inoltre è previsto l’intrattenimento proposto dal “comitato leva 1985-1995”.

Durante la manifestazione è possibile visitare l’esposizione permanente del tappeto di Sarule, allestita presso il museo del tappeto che si trova nei locali dell’ ex I.S.O.L.A.

Published by:

Sardegna Autunno in Barbagia sabato 6 e domenica 7 ottobre Tonara e Lula

Il primo fine settimana di Ottobre, la manifestazione “Autunno in Barbagia” tocca due centri del nuorese: Tonara e Lula.

Leggiamo quale è il programma previsto per sabato 6 e domenica 7 a Lula.

Alle 9.00 si aprono le cortes e le mostre dei prodotti artigianali; si dà il via anche alle degustazioni dei prodotti tipici.

Dalle 9.00 alle 17.00 è possibile visitare il museo e l’antica miniera di Sos enattos; tra le 10.00 e le 12.00 si tengono anche varie dimostrazioni presso le cortes.

Dalle 15.30 alle 17.30, in Piazza Costituzione si mostra come tingere le stoffe con le erbe del territorio, inoltre si può visitare la mostra “laboratorio natura a colori”.

Dalle 16.30 alle 21.00 si può visitare la mostra fotografica “comente imusu” e alle 17.00 alle 18.30 e alle 20.00 “contos de idda mea”. La serata è allietata con le esibizioni dei cori di Lula, di Siniscola e dalle esibizioni dei gruppi folk.

Domenica 7, alle 9.00 si aprono le cortes, con mostra dell’artigianato e degustazioni dei prodotti del territorio; dalle 9.00 alle 17.00 è possibile visitare il museo e l’antica miniera di Sos enattos. Alle10.30, presso la biblioteca comunale, si tiene il congresso “Mont’albo miniere e terra di Lula”. Dalle 15.30 alle 17.30 si può visitare la mostra “laboratorio natura a colori” con dimostrazioni ed esposizione di tessuti colorati con le erbe del territorio. Dalle 16.00 alle 18.00, dimostrazioni di lavorazioni presso le cortes.

Alle 17.00, alle 18.30 e alle 20.00, “contos de idda mea”; la serata si conclude con musica e proiezioni.

Le esposizioni riguardano i ricami,gli antichi attrezzi, il vestiario tipico di Lula, un’arnia didattica e i lavori in ferro battuto.

Lula, è un centro della provincia di Nuoro, che sorge ai piedi del maestoso Mont’Albo.

 La presenza di giacimenti però è stata nota sin dal passato; infatti, le domus de janas che si trovano nei pressi della miniera di Sos enattos, potrebbero essere collegate al lavoro estrattivo.

Sul finire del 1800, nel suo territorio furono individuati dei giacimenti di zinco e di galena argentifera. Si diede avvio all’attività di estrazione; il materiale, dopo aver subito una cernita, veniva trasportato fino al mare, a Siniscola.

La miniera fu chiusa nel 1920; sono rimasti in piedi alcuni ruderi, come la laveria Su barraconi e il villaggio dei minatori. Le antiche miniere di Lula, fanno parte del Parco geominerario e sono state riconosciute come patrimonio dell’umanità, dall’Unesco.

Il territorio di Lula, è stato abitato sin dai tempi più antichi; sono numerosi i nuraghi come quello di Litu ertiches, calcareo, o il villaggio nuragico di Punta casteddu.

Published by: