EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Tag Archives: isola

Un lembo meraviglioso di Calabria l’Arco Magno e l’isola di Dino

Un lembo meraviglioso di Calabria l'Arco Magno e l'isola di DinoLa Calabria nasconde angoli meravigliosi e inaspettati. Vi proponiamo un’escursione all’Arco Magno e alla sua vicina isola di Dino

L’Arco Magno si trova tra il confine nord di San Nicola Arcella e l’area sud di Praia a Mare, in provincia di Cosenza. La sua posizione offre uno scenario naturale di incomparabile bellezza, caratterizzato da un mare cristallino, spiagge, suggestive scogliere, piccole isole, insenature ed antiche torri.

Così denominato per lo straordinario arco naturale venutosi a creare nella roccia scavato probabilmente dal mare, è qualcosa di veramente spettacolare. Ci si trova dinnanzi a un muro di roccia con un’apertura sola sul davanti, circondato da una piccola spiaggia caratteristica. L’Arco Magno ha particolare dimensioni che consentono a piccole imbarcazioni di raggiungere la spiaggia e su un fianco la grotta dell’Arco Magno, all’interno della quale c’è una sorgente di acqua dolce.

Giunti a terra, lungo il sentiero, si arriva proprio sopra l’Arco Magno, dove la vista e l’anima si aprono a sensazioni stupefacenti. Immagini veramente paradisiache, una costa incontaminata di una bellezza naturale, fatta di un mare splendido che si insinua tra enormi ammassi rocciosi tra i quali si ricavano delle zone particolari e riservate dove poter prendere il sole o semplicemente contemplare intorno.

La spiaggia di Arco Magno è in realtà una piccola caletta che si raggiunge tramite un sentiero roccioso, collocata nei pressi di un promontorio che scende a picco sul mare, dista circa 1 chilometro da San Nicola Arcella. Continuando verso nord si inizia ad intravedere la meravigliosa isola di Dino, e dopo aver passato una spiaggetta si giunge ad un’ altra scogliera, che, attraversata, porta alla spiaggia dove è possibile giungere all’isola di Dino.

L’isola di Dino, le cui scogliere di calcare scendono direttamente nel mare blu, in strapiombi alti oltre 80 metri ed in altri piuttosto scoscesi, ha di che stupire. Qui, sia al di sotto che al di sopra del livello del mare, l’erosione ha dato vita a molte grotte tra le quali quella del “Monaco”, delle “Sardine” dove sono presenti stalagmiti, delle “Cascate”, del “Leone” ed infine la “Grotta Azzurra” che è la più grande. Ma la grotta più interessante dell’isola, sebbene accessibile solo ai subacquei esperti, è la Grotta Gargiulo, che si apre a 18 metri sotto la superficie del mare e si estende nelle profondità dell’isola per alcune decine di metri,
Siete arrivati in un posto fantastico .

Published by:

Ponzaestate, protagonista dell’estate: musica, letteratura e gastronomia

Ponzaestate, protagonista dell'estate: musica, letteratura e gastronomiaProsegue Ponzaestate: musica, letteratura, gastronomia, storia, film e molto altro ancora; fino a settembre le giornate di vacanza al mare saranno incorniciate da spettacoli teatrali, concerti, festival, cabaret, gare sportive e kermesse .

I numerosi eventi per Ponzaestate sono tutti completamente gratuiti. La tradizione, la storia e il mito rivivono nelle tre performance presentate dalla compagnia Top Spin, racchiuse nel titolo “Ponza ai confini del mito”, trilogia teatrale della trasformazione, ideata e diretta da Francesco Maria Cordella, preceduto il 23 e il 24 agosto da “Confinati a Ponza”, la storia dell’ amicizia svanita tra Benito Mussolini e Pietro Nenni scritto da Alberto Gentili. E la kermesse culinaria di Oreste Romagnolo, dove protagonisti – il 9 e l’11 agosto – saranno i prodotti locali e i cibi slow food.

Grande attesa anche per “Onde road”, un modo nuovo di fare musica, non più da un palco, ma tra i vicoli dell’isola per una pluralità di concerti che vedranno numerosi artisti nazionali e internazionali esibirsi “per strada”. Non finisce qui, poi, perché le famiglie con bambini troveranno per la prima volta tre parchi giochi, un trenino lillipuziano e addirittura una pista per il pattinaggio su ghiaccio che regalerà un fascino nuovo a Chiaia di Luna.

Ma sull’isola torna anche Ponza d’autore, la rassegna letteraria per chi ama i libri. Intitolata “Todo cambia”. Spazio anche per i bambini, con il teatro dei burattini della compagnia “Il Pescatore di Stelle” diretta da Ulrike Brokoph (12 e 19 agosto).

Non dimentichiamo la kermesse culinaria di Oreste Romagnolo, dove protagonisti – il 9 e l’11 agosto – saranno i prodotti locali e i cibi slow food.

Published by:
Consigli estate Puglia

Estate a Gallipoli La perla del Salento

Estate a Gallipoli La perla del SalentoGallipoli, una meta giovane, una meta perfetta per calarsi nei sapori della Puglia e del Salento.

A Gallipoli è soprattutto divertimento giovane nelle discoteche all’aperto e nei bar lungo la spiaggia con musica e balli. Gallipoli deve il suo successo come meta estiva senza dubbio a quell’insieme di contenuti che la città riesce ad offrire al turista, come località da visitare, strutture ricettive dove alloggiare, una buona cucina, ma l’elemento che sicuramente viene considerato tra i più importanti è il mare e le spiagge.

Bagnata dal Mar Ionio, sorge sulla costa occidentale della penisola Salentina, nel Golfo di Taranto. Caratteristica è la divisione della cittadina in due zone ben definite: la “città vecchia” e il “borgo nuovo”. Il suggestivo centro storico, ricco di costruzioni antiche e affreschi, sorge su di un’isola calcarea collegata alla terraferma da un ponte in muratura. Una strada panoramica circonda l’intero isolotto e consente di godere di fantastici scenari: la baia formata dal promontorio del Pizzo, lo Scoglio dei Piccioni, l’isolotto del Campo ed in giornate particolarmente limpide si scorgono i profili dei monti della Sila.

Il “borgo nuovo” è il Corso Roma, via nevralgica che divide la città nuova in due tronconi.

Meta turistica anche per gli amanti del mare, la città è adatta a ricevere le famiglie grazie alle spiagge con sabbia fine come quella di Lido San Giovanni e si può consigliare agli amanti del diving e della pesca subacquea.

La Spiaggia Baia Verde di Gallipoli si distende sul mare a 1,5 chilometri a sud di Gallipoli proprio sul Lungomare Lido San Giovanni. Si tratta di una bellissima spiaggia di soffice sabbia chiara, con basse dune. Il litorale molto lungo ha un mare è meraviglioso, turchese e verde di una trasparenza straordinaria.

A 8 chilometri da Gallipoli troviamo il Lido Conchiglie, con una costa a tratti rocciosa ed a tratti sabbiosa attrezzata di alcuni stabilimenti balneari nelle zone sabbiose, mentre la restante costa risulta libera.

“La Purità“, è la spiaggia della città antica, una spiaggia libera e suggestiva composta da sabbia e da cui si ha una splendida panoramica della parte antica della città.

A circa 3km da Gallipoli un’ampia zona di costa si alterna tra sabbia e scogli, con splendidi angoli di paradiso, tra cui Punta della Suina, un lido ricavato da una insenatura della costa, uno dei punti più suggestivi e ricchi di colori qui nel Salento.

Published by:

Mont Saint-Michel, la città-isola Il gioiello francese della Manica

Mont Saint-Michel, la città-isola Il gioiello francese della ManicaIl Mont Saint-Michel è un isolotto a forma di cono,  situato presso la costa settentrionale della Francia, un promontorio che si erge fino ai 170 metri della punta dell’Abbazia ora sul mare, ora su una vastissima distesa di sabbia e “paludi” .

L’isola di Mont Saint-Michel è uno dei luoghi più assurdamente belli che si possano pensare. La notevole architettura del santuario e la baia nel quale l’isolotto sorge con le sue maree ne fanno il sito turistico più frequentato della Normandia e uno dei primi dell’intera Francia. Nonostante l’affluenza turistica, l’isola conserva il suo fascino medievale, legato alla particolare natura che la circonda con vasti banchi di sabbia bianca, soggetta al particolare influsso delle maree. Basti pensare che durante le basse maree, l’acqua può ritirarsi fino a 12 Km dalla terraferma, scoprendo il fondo di sabbia bianca dell’isola.

Sul fianco sud della roccia, al riparo delle mura che risalgono al XII e XV secolo, il paese presenta un gran numero di abitazioni classificate come monumenti storici, piccoli musei locali, negozi turistici. I visitatori possono seguire il cammino di ronda, delimitato da giardinetti protetti e ammirare un magnifico paesaggio litoraneo. Non bisogna dimenticare di assaggiare le specialità locali, quali l’agnello del prato salato o l’omelette di “Mère Poulard” . Intorno a Mont Saint Michele poi e’ pieno di posticini che vendono “mules fritte” , cozze e patate fritte.

L’abbazia è il cuore dell’isola ed occupa la parte sovrastante che guarda dall’alto le mura che dovevano proteggere l’edificio religioso da attacchi bellici. Nel corso dei secoli, l’edificio venne usato in diverse maniere: prima come centro di studi, poi come prigione adesso come monastero che viene visitato da migliaia di turisti. L’ingresso della costruzione è costituito da una lunga scalinata, che termina con una terrazza panoramica.
Da questa terrazza si può godere solo parte del panorama che dà verso la costa ovest, ma proseguendo e raggiungendo la terrazza successiva, quello che si apre davanti ai nostri occhi è la splendida vista dell’intera Baia di Mont Saint Michel.

La Grand Rue, la strada principale che conduce all’abbazia è fittissima di negozi. E’ praticamente impossibile sfuggire alla tentazione dei souvenir più kitsch e i vicoli stretti sono molto affollati. Ci sono comunque anche negozi interessanti, di arte sacra e non, e si possono fare acquisti nella libreria all’interno del monastero che ha anche varie scelte tra poster, mappe e libri per bambini.

Il Mont saint Michel si può raggiungere in macchina e dista circa 360 km da Parigi, in treno da Rennes e Parigi. Si può arrivare al Mont St Michel in aereo raggiungendo gli aeroporti di Parigi e Rennes. I voli che partono dall’Italia verso Rennes sono solo di linea effettuati dalla compagnia di bandiera francese Air France.

Published by:

Kastellorizo una vacanza nella vacanza Uno dei posti più suggestivi del Mar Egeo

Kastellorizo una vacanza nella vacanza Uno dei posti più suggestivi del Mar EgeoKastellorizo e’ un’isola veramente bella, un piccolo gioiello non contaminata dal turismo di massa perchè difficile da raggiungere.

Kastellorizo, in un’atmosfera di sospensione dalla quotidianità, di dolce fuga dalla realtà, e’una delle isole greche più lontane dall’Italia, che si affaccia sulle coste turche. Per arrivarci occorre prendere un volo per Rodi e poi il traghetto oppure un aereo locale che effettua pochi voli alla settimana.

Kastellorizo è un mare di silenzi, un’atmosfera non comune alle altre isole greche. Qui siete nella pace più assoluta, lontano dagli echi di un’estate all’insegna del rumore e del caos. Il suo porto è un’insenatura naturale, attorno a cui si svolge tutta la vita dell’isola. I centri abitati sono costituiti da due borghi Pigadia  e Chorafia . Qui la tranquillità e la suggestività del luogo sono incomparabili. Le dimore tradizionali, a due e tre piani sono veramente caratteristiche, mentre la passeggiata attorno al porticciuolo e nei vicoli lastricati rappresenta veramente un’esperienza unica per via delle bellezze di quest’isola che venerava Zeus. Non ci sono bar o discoteche, ma taverne o  caffè dove è piacevole di passare le serate. Dominato dall’alto il Castello dei Cavalieri di San Giovanni, il lungomare Kastellorizio è ricco di taverne con possibilità di mangiare a prezzi molto contenuti, la cucina tradizionale greca.

L’unico villaggio dell’isola è Megisti, altro nome di Kastellorizio, con le sue case verniciate di colori brillanti. A Megisti c’è un museo del folklore e archeologico che merita una visita, ed alcune chiese di particolare interesse . Per chi ama il trekking, verso l’ora del tramonto suggeriamo una bella passeggiata su in collina al vecchio monastero, che vi regalerà un’emozionante veduta di tutta l’isola.

A Kastellorizo poche sono le spiagge , ma molti stupendi gli accessi al mare : lungo il percorso che collega l’abitato di Megisti, con una bella spiaggia sabbiosa, al porticciolo di Mandraki si trova Sfaghias, sotto al castello. Ci sono poi spiaggette raggiungibili con una qualsiasi imbarcazione o anche a nuoto. Si può prendere una barca e fare il giro dell’isola facendo una sosta alla grotta Fokiali o visitare l’isolotto di Agios Georgios e fare a nuoto il giro dell’isolotto, con fondali molto belli.
A Faros, sul promontorio, ci sono scalini per scendere al mare .

Published by:

L’isola di Ponza, l’isola delle più belle spiagge

L'isola di Ponza, l'isola delle più belle spiagge

L’isola di Ponza, l’isola delle isole italiane, 41 chilometri di coste che hanno del meraviglioso: insenature, cale e muraglioni. La sua bellezza sta essenzialmente nei fondali, nelle grotte e nelle maestose rocce.

A Ponza le acque passano dai colori azzurri al verde per toccare tonalità di blu. Il mare è magnifico. L’isola è particolarmente apprezzata per le sue caratteristiche naturali ed il circostante ambiente marino . Sono molto praticati, ovviamente con grande soddisfazione, gli sport marini e le immersioni sub. Talora le immersioni hanno come finalità la visione di alcuni relitti in mare. Tra le immersioni consigliate quelle per perlustrare la nave inglese in zona Cala dell’Acqua, il fondale di Punta della Guardia, le zone di Punta Madonna, Scoglio Rosso, Formiche. Per i sub più esperti invece : i fondali di Scoglio Grosso, Secca di Punta Papa, Secca del Dito, Secca delle Grottelle, Grottoni, ed infine lo Scoglio della Botte. Indispensabile è visitare le isole pontine, Ponza, difatti, non è che un’isoletta appartenente ad un arcipelago comprendente anche le minori , le isole di Palmarola, Ventotene, Santo Stefano e Zannone.

A Ponza ci sono hotel di buona categoria o standard, bed and breakfast, pensioni e tutte le infrastrutture idonee per regale un’estate e un soggiorno stupendo.

A Ponza cale e spiagge sono libere; alcune sono raggiungibili via terra , mentre le più incontaminate si raggiungono solo via mare . La spiaggia più famosa di Ponza è sicuramente Chiaia di Luna, una piccola spiaggia, esposta ad occidente e protetta dai venti da una parete di tufo bianco molto elevata. La baia è accessibile solo via mare o tramite un tunnel di epoca romana. La Spiaggia Cala del Porto è situata sull’isola di Palmarola, la più occidentale dell’arcipelago Pontino che dista da Ponza circa 9 chilometri. Un’incantevole cala di ciottoli misti a sabbia, dal grande fascino selvaggio ed incontaminato,

Spiaggia di Frontone; è attualmente l’unica facilmente raggiungibile dal porto grazie a un collegamento garantito da noleggiatori. Accessibile via terra attraverso un sentiero piuttosto difficile da percorrere, diventa facilmente raggiungibile via mare poiché, essendo vicina al Porto, sono frequenti i collegamenti via taxi barca. La spiaggia è ampia, chiara e sabbiosa.
Spiaggia di Lucia Rosa facilmente raggiungibile con i vari taxi che partono dalle Piscine Naturali, luogo dove è possibile fare il bagno. Spiaggia di Cala Feola è una cala chiara ghiaiosa con il mare splendido che caratterizza tutte le spiagge a Ponza. Alla destra della cala ci sono le famose Piscine Naturali.
Cala Fonte, suggestiva insenatura naturale, dove l’acqua è particolarmente pulita. Spiaggia Felce una delle più rinomate di tutto l’arcipelago Pontino, un connubio fra il verde del paesaggio e il blu intenso del mare, è situata sulla punta nord dell’isola. La sua spiaggia è chiara, sabbiosa e sassosa. Accessibile solo via mare Qui l’acqua è cristallina . Infine vogliamo citare le Grotte di Pilato, un complesso di caverne di epoca romana, scavate a livello del mare.

 

Published by:

Palau, alle porte della Costa Smeralda Una vacanza tra mare, sport e relax

Palau, alle porte della Costa Smeralda Una vacanza tra mare, sport e relaxPalau (Olbia-Tempio) è uno splendido scenario della costa nord-orientale della Sardegna, di fronte all’isola della Maddalena.  Palau, a metà  strada tra Santa Teresa e Porto Cervo, in Costa Smeralda, nel suo territorio il vento e l’acqua hanno modellato alcune fra le architetture naturali più famose della Sardegna. Tra tutte spicca il  masso di Capo d’Orso, proprio di fronte all’isola di Santo Stefano. Palau, raggiungibile da Olbia in soli 40 minuti, è il porto di partenza per chi vuole giungere con il traghetto a La Maddalena.

Mare cristallino, paesaggi suggestivi, un posto tranquillo per godersi un po’ di relax. Palau è una località frequentatissima d’estate, grazie alle sue risorse naturalistiche, le sue spiagge e i suoi servizi che permettono al turista di avvalersi di ogni comfort. La vita di Palau ruota attorno ai moli e agli ormeggi del porto turistico. Per chi vuole dedicarsi alla tintarella senza fare molta strada, la spiaggia più vicina è quella di Palau Vecchia, a sinistra del molo dei traghetti, alle cui spalle si apre un’ampia pineta; all’ingresso del paese, è invece raggiungibile l’arenile di La Sciumara .Durante la notte il visitatore potrà sicuramente spendere la serata in uno dei numerosissimi locali notturni presenti nel paese.

Da Palau vale la pena visitare i luoghi più rinomati e affascinanti della costa. Immersa nel verde ombroso dei salici e nell’azzurro profumato del mare, si affaccia la splendida Cala Capra. La sua posizione ne fa un luogo di esclusivo relax, sia che si voglia godere del mare cristallino, per interminabili nuotate e indimenticabili escursioni in barca. Qui lo sguardo può  arrivare fino in Corsica.

  In direzione di S. Teresa, a circa 4 km. da Palau, si incontra  il villaggio residenziale di Porto Pollo (Porto Poddu) e l’Isola dei Gabbiani, legata alla terra ferma da un’ istmo sabbioso , paradiso degli amanti del windsurf, praticabile tutto l’anno. Gli spazi aperti, ariosi, incontaminati costituiscono una sorta di impareggiabile palestra per gli sport da praticare all’ aria aperta ed a tal fine non mancano numerose e prestigiose scuole di vela e surf. 

Da Palau, in direzione di Arzachena, si arriva al borgo di Porto Rafael: un vero e proprio salotto in stile mediterraneo.  Un luogo di villeggiatura rinomato per la sua esclusività e per l’atmosfera tranquilla, mai intaccata nemmeno dai movimenti estivi.

Published by:
Sicilia

L’isola di Pantelleria L’isola siciliana delle meraviglie all’insegna del benessere

L'isola di Pantelleria L'isola siciliana delle meraviglia all'insegna del benesserePantelleria una delle isole più caratteristiche della Sicilia. Magnifici i suoi angoli come meta di una vacanza romantica e rilassante.  I suoi panorami mozzafiato, gli angoli più suggestivi, come l’Altura di Scauri, il Lago di Venere, Balata dei turchi o l’ Arco dell’Elefante, sono solo alcune dei momenti che potrete condividere a Pantelleria. E ancora, lo “Specchio di Venere” bacino lacustre formatosi nel cratere di un vulcano spento, dove le acque hanno poteri curativi, senza dimenticare la “Cala dei cinque denti” la “Grotta del bagno asciutto”.

Le pareti dell’ isola di Pantelleria  che cadono a picco sul mare, sono ricche anche di pietra pomice e di basalto, le grotte che vi si trovano sono spettacolari come i panorami colorati e le colate di pietra lavica che, cadendo nel mare, hanno assunto forme strane di animali e mostri. Tutto questo fa dell’ isola, sita al centro del canale di Sicilia, vicina all’ Africa, un luogo magico e incantato, dove imperdibili sono i tramonti.  All’ interno di Pantelleria il territorio  si presta bene al trecking, , lassù sino al Monte Cibele, dove il panorama è mozzafiato.

E ancora splendide insenature, acque cristalline, fondali di rara bellezza e il Faro di Scauri a Pantelleria, una delle discese al mare tra le più suggestive grazie ai colori del mare ed uno scorcio del paesaggio di Scauri all’orizzonte. Vicino al porto di Scauri particolarmente amata da chi vuole tuffarsi da altezze, il Faro si raggiunge attraverso un sentiero che costeggia un complesso turistico.

Punta Pozzolana è invece una scogliera scoscesa tra la spiaggia di lastre piatte  e le sue straordinarie rocce nere e frastagliate . I fondali di questa zona sono molto interessanti e lungo le pareti possiamo trovare spugne e corallo.  A Punta Li Marsi invece, l’accesso comunque non è dei più facili  perchè gran parte della strada è ancora in sterrato. Qui sono recentemente stati individuati due siti molto interessanti per l’abbondanza del materiale archeologico e per la bellezza dei fondali.

Pantelleria è soprattutto Il lago Specchio di Venere,  sicuramente uno dei luoghi più incantevoliL'isola di Pantelleria L'isola siciliana delle meraviglia all'insegna del benessere ed unici che offre la parte nord dell’isola. Colori incredibili, incastonato dentro un vulcano, è un piccolo gioiello naturale. Una vista splendida che contribuisce ad una vacanza all’insegna del benessere grazie alle sue sorgenti calde  e ai suoi fanghi naturali.

Pantelleria l’ isola delle meraviglie e del famoso passito, ricavato dalle uve zibibbo,  dove la gastronomia è fatta di piatti semplici,  naturalmente a base di ottimo pesce fresco vi attende .

Published by:

L’isola di Lampedusa e le sue spiagge più belle

L’isola di Lampedusa e le sue spiagge più belleL’isola di Lampedusa, a un’ora di volo da Roma, è una meta estiva che non ha nulla da invidiare alle Maldive

Lampedusa è quell’isola meravigliosa che appartiene all’arcipelago delle isole Pelagie, in Sicilia. Di forma allungata presenta il verde della vegetazione, tipica della macchia mediterranea, in netto contrasto con il blu di un mare incontaminato. Scegliere Lampedusa come meta delle nostre vacanze ci porterà in un angolo d’Italia veramente favoloso.

Arrivati nell’isola con scalo al suo porto  formato da tre cale naturali, o in volo all’aeroposrto, aperto tutto l’anno, ci troveremo in una costa con  stupende grotte, talvolta maestosamente paurose, che costituiscono il fascino maggiore dell’intera fascia settentrionale di Lampedusa. Partendo dal porticciolo di Lampedusa ecco l’insenatura in cui si trova la spiaggia della Guitgia facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici. Si tratta di una spiaggia incredibilmente bella, di soffice sabbia candida bagnata da un mare turchese e cristallino. E’ la spiaggia più famosa dell’isola e anche la più attrezzata: alberghi, negozi, e locali i

In direzione del faro di Capo Grecale, si apre la grande baia detta del Mar Morto. Si tratta di una suggestiva cala rocciosa dalle acque cristalline, da esplorare con maschera e pinne nei suoi fondali e soprattutto per l’incantevole grotta che nasconde una fauna ittica tutta da studiare.  Punta Parrino chiude il golfo, e a Punta Sottile dove si aprono alcune cale del versante meridionale, come Cala Francese, in fondo alla quale si trova una spiaggia vicino all’aeroporto.

Ma Lampedusa è soprattutto la Spiaggia dei Conigli , la più bella arena del Mondo,  situata nella meravigliosa cornice dell’arcipelago delle isole Pelagie. La sabbia bianca, il mare cristallino e un’incredibile fauna marina, attraggono visitatori e turisti da ogni parte del mondo. L’arenile è  incastonato tra costoni di roccia quasi privi di vegetazione e caratterizzato dalla presenza di terrazzamenti marnosi che racchiudono la magnifica grotta Tabaccara.  Il mare che bagna la spiaggia è di una bellezza incredibile, con l’acqua che assume tutte le gradazioni del turchese, trasparente e con fondali molto bassi. La spiaggia dei Conigli è oggi uno dei pochi siti del Mediterraneo in cui le tartarughe marine Caretta caretta depongono le uova.

E poi ancora Cala Greca e Cala Porto N’Tone, Cala Pulcino,  situate sulla costa meridionale e per chi ha bambini c’è Cala Francese di Lampedusa, un’affascinante spiaggia di sabbia ideale anche per gli amanti dello snorkeling, grazie ai tanti anfratti rocciosi da esplorare e alle acque limpide che la bagnano.

Insomma un angolo di paradiso Lampedusa, tutto da scoprire e da vivere.

Published by: