EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Tag Archives: costiera amalfitana

Le località sconosciute della Penisola Sorrentina

Le località sconosciute della Penisola Sorrentina Amalfi, Positano sono due bellissime perle della Penisola Sorrentina, ma vi sono anche luoghi dove il turismo di massa non ha fatto ancora la sua comparsa e dove il fascino autentico di questo tratto di costa campana li rende unici.

Uno di questi luoghi è Sant’Agata sui Due Golfi, una bellissima località marina da cui si può ammirare il bellissimo panorama dei golfi di Napoli e di Salerno, tra i quali è incastonata l’isola di Capri con i suoi faraglioni. Oltre a questa sua particolarità, Sant’Agata a delle bellissime spiagge, quali Recommone e Crapolla, che possono essere raggiunte percorrendo sentieri costeggiati da una bellissima macchia mediterranea, che nasconde i resti delle antiche torri di avvistamento che costellano le coste del Tirreno.

Poco distante da Sant’Agata, ai piedi del monte Falerio, troviamo Cetara, con le sue casette attaccate, tipiche di un borgo di pescatori e la chiesetta di San Pietro Apostolo con la sua bellissima cupola maiolicata. Incastonata fra le casette c’è anche una piccola spiaggia dove il sole riscalda fino a pomeriggio inoltrato. A Cetara, si può gustare il miglior pesce della costiera, come un pregiato tonno e la pasta condita con la colatura di alici, una salsa che viene ricavata dalle alici lasciate a macerare in acqua e sale.

Proseguendo lungo la costa, arriviamo a Minori e Maiori, due paesini costieri dichiarati Patrimonio dell’Umanità. Minori, con le sue viuzze e piazzette che digradano verso il mare, conserva i resti di una Villa Marittima Romana del I sec. d.C. La sua peculiarità, però, è la pasta fatta rigorosamente a mano; infatti,in passato, vi erano molti mulini per la macina del grano, che era l’attività principale del luogo. Percorrendo il suo caratteristico lungomare, che costeggia un’attrezzatissima spiaggia, ideale per famiglie con bambini, non si può non fermarsi ad assaggiare le specialità dolciarie di Salvatore de Riso, la cui pasticceria è conosciuta in tutta la costiera amalfitana. A Maiori, invece, dominata dalla rocca di San Nicola de Thoro-Plano, troviamo una delle spiagge più lunghe della costiera, con diversi stabilimenti balneari e due spiagge libere. Un punto d’interesse storico e la  Collegiata Santuario di S.Maria a Mare, che conserva alcuni tesori artistici, quali la statua policroma della Vergine Maria con il Bambino e il bellissimo soffitto a cassettoni, opera del pittore  napoletano del ‘500, Alessandro De Fulco.

Lasciata Maiori, arriviamo, infine, nella a Tramonti, che comprende tredici frazioni collegate fra di loro immerse nella verde vallata dei Monti Lattari. La valle dei Tramonti è rinomata per i formaggi prodotti con il latte profumato di erbe selvatiche, fiordilatte e la celebre pizza di Tramonti che nacque dall’uso di cuocere nel forno a legna la pasta che rimaneva dalla cottura del pane. Qui si trovano alcuni luoghi che vale la pena visitare, come la chiesa di Sant’Erasmo, a Pucara, che conserva opere di Luca Giordano e l’antico Conservatorio Regio di San Giuseppe e Teresa, un monastero seicentesco, famoso per la produzione del liquore Concerto, chiamato così  per l’armonia di erbe che lo compone e a cui si attribuiscono qualità terapeutiche.

Published by:

Estate in Costiera Amalfitana. Calendario ricco a Minori

Estate in Costiera Amalfitana. Calendario ricco a Minori Piccolo gioiello della Costiera Amalfitana è Minori, detto anche Minure sorge in riva al mare e dal 1997 è è stata dichiarata dall’ Unesco Patrimonio dell’ Umanita’. Da Mercoledì a minori è festa del santo patrono, una ennesima occasione per trascorrere giornate diverse tra mare, cielo e splendida Costiera.

Programma

Mercoledì 11 interessante  Concerto bandistico “Piantoni-città di Conversano“, diretto da Vincenzo Cammarano.

Giovedì 12, matinèe musicale lirico sinfonico in piazza.

Venerdì 13, giorno di festa: matinèe musicale. Processione  per le vie cittadine; alle soglie della mezzanotte, spettacolo pirotecnico nella specchio di mare minorese a cura della “di Matteo Firewoeks” di Villa Literno.

Sabato 14  concerto della “Nyso Orchestra” di Salerno diretta da Massimo Amendola.

Domenica 15 concerto dell’ensamble mandolinistico “Collegium Plectrorum” Tirabassi di Amalfi.

Nella cittadina poi  dal 6 al 15 di luglio c’è il “Teatro nazionale dei burattini” dei f.lli Ferraioli.

L’estate di Minori non è solo festa del santo patrono ma tanto altro.

Infatti Martedi’ 14,  finale del concorso di bellezza ‘Miss Amalfi Coast‘, anticipera’ lo

Giovedi’ 16 agli scavi di Villa Romana spettacolo di Gigi&Ross e Fatima: ‘Made in Sud Sempre nel peristilio della domus, venerdi’ 17, spettacolo teatrale dal titolo ‘Espiantati’ di Franco Autiero tra i cui protagonisti figura un noto primario del policlinico di Napoli.

Sabato 18, il concerto danzato ‘Cielo’ con Paola Turci e Giorgio Rossi e domenica 19 la commedia di Paolo Caiazzo ‘3 donne x 2 Separati’. Il cabaret dei Valdomat e ‘L’avaro’ di Moliere con la Compagnia Teatro Instabile di Valdobbiadene precederanno il concerio di Pino Daniele del 21 agosto.

La suggestione del ‘Minori In White’, il concerto di Pietra Montecorvino (venerdi’ 24) e una serata disco sul lungomare (lunedi’ 27) chiuderanno il cartellone di eventi estivi nella cittadina della Costiera Amalfitana.

Published by:

Soggiorno ad Amalfi in un vero spettacolo

D’estate Amalfi è la capitale della mondanità e del divertimento con innumerevoli manifestazioni, ma in tutto il resto dell’anno il clima mite rende dolci le lunghe passeggiate e la città offre, con le sue frazioni, dette “casali” impareggiabili bellezze e stupendi panorami.

Amalfi, centro cosmopolita aperto sul Mediterraneo, fu una delle città marinare e proprio a quel periodo risale il codice di diritto marittimo noto come Tavola amalfitana, un testo che contiene sorprendenti notizie a riguardo dell’avanzata e progredita società marinara amalfitana.  Alla vigilia del secolo scorso, la costa di Amalfi fu riscoperta come ricercata meta turistica e, negli anni ’60, in estate, molti registi, artisti d’ogni genere ed avventurieri sono passati per la città e la costa.

Amalfi bisogna viverla per conoscerla, ma bisogna soprattutto scoprirla, perché ha sempre qualcosa di nuovo da mostrare. Un gioiello di grande suggestione il Duomo, il monumento della costa più conosciuto nel mondo. Dedicato a Sant’Andrea è un complesso architettonico costituito da due basiliche accostate e comunicanti in stile arabo-siciliano.

Ad Amalfi  veramente spettacolare è la Grotta dello Smeraldo , un ricamo di luce  che il mare riproduce  in un  blu cobalto che cede il passo al turchese ; ricca di colonne, stalattiti stalagmiti dalle forme bizzarre,che creano un ambiente incantato

Infine la riserva naturale “Valle delle Ferriere“. I botanici conoscono questa riserva per la presenza di una pianta rara in Europa, la Woodwardia radicans, ma la riserva è anche l’habitat di diverse specie di Orchidee.

 

Published by:

Estate sulla costiera amalfitana

La costiera amalfitana è un tratto di costa famoso in tutto il mondo per la sua bellezza naturalistica, sede di importanti insediamenti turistici. La città di Amalfi è il nucleo centrale della Costiera amalfitana, non solo geograficamente, ma anche storicamente.

La riviera Amalfitana è la terra in cui si uniscono la montagna ed il mare,  un paesaggio incantevole dalle forme sinuose e seducenti. Qui mare e terra si fondo a creare un paesaggio suggestivo ed inimitabile. Tra profumi intensi dei limoneti, dei vigneti, delle ginestre, i colori  sgargianti delle piante fanno di questi luoghi il cuore di una terra definita il “Giardino d’Europa”, dove fioriscono cultura e tradizioni.

 La Divina Costiera è una delle località più ambite dai turisti di tutto il mondo, tra luoghi dalle superbe bellezze paesaggistiche e scrigni colmi di storia. Tredici sono le perle di questa terra che regalano al turista il desiderio ardente di ritornare in questo piccolo paradiso: VietriCetrara, Maiori, Tramonti, Minori, Atrani, Ravello, Scala, Conca dei Marini, Furore, Praiano, Positano, ma senz’altro  il centro più noto è Amalfi.


Published by: