EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Tag Archives: citta

Urban Trail Cagliari Lo sport in città

Urban Trail CagliariCagliari ospiterà il prossimo 12 ottobre la prima edizione dell’Urban Trail.

L’Urban Trail è un evento che avvicina i cittadini allo sport in città, rendendo così più attiva e dinamica la vita in centro.
L’Urban Trail, alla sua prima edizione, si sviluppa in una serie di percorsi da percorrere in notturna, camminando o correndo a piedi nel cuore della città, negli storici quartieri, nelle vie più suggestive di Cagliari, così come già avviene nelle città di Lisbona, Porto, Bilbao ed alcune città italiane.
Si attraverseranno di notte gli angoli più nascosti della città, in perfetta tranquillità e sicurezza.
L’intento di questa sfida è proporre una nuova ed entusiasmante avventura non solo per i cittadini, ma anche per i turisti che ogni anno si riversano in Sardegna alla ricerca di una vacanza stimolante ed alternativa.
La Glesport, già protagonista in altre importanti manifestazioni sportive, curerà l’organizzazione.

GARA E PARTECIPANTI
“Una corsa a piedi per le vie del centro all’insegna del divertimento e dell’aggregazione tra i partecipanti e gli spettatori, alla riscoperta delle attrattive storico-culturali di Cagliari.”
La gara si articola secondo un percorso ad anello con due itinerari: 6 km circa per la passeggiata a piedi e 10 km circa per la corsa, affinché tutti possano partecipare: dal più calmo dei camminatori al più veloce maratoneta.
I partecipanti gireranno per le strade, vicoli, scale, piazze e giardini che ospitano i monumenti più significativi della città; interagiranno con il centro storico, percorrendo i marciapiedi, le strisce pedonali, le piste ciclabili, attraversando, inoltre, le zone più note e frequentate dalla movida cagliaritana.

A tutti i partecipanti verrà dato in dotazione un faretto ed una t-shirt colorata con bande fosforescenti, sia per rendere più visibile il percorso anche nei punti meno illuminati, sia per creare un maggiore effetto suggestivo e coreografico in città.

PERCORSO
L’Urban Trail attraverserà i quartieri storici di Cagliari: Marina, Villanova, Stampace e Castello. Saranno interessati i luoghi piùincantevoli quali: i Bastioni di S. Croce e di Saint Remy, la Torre dell’Elefante, il Portico Vivaldi, Buoncammino, Giardini Pubblici, Piazza Yenne, la Cattedrale, Piazza Carlo Alberto, Scalette di S.Chiara e tanti altri ancora.

La partenza (ore 21.00) ed la conclusione della gara avranno luogo lungo la via del Mercato Vecchio.
L’evento ė patrocinato dal Comune di Cagliari, dalla UISP e da diverse aziende private quali la scuola di inglese Wall Street di Cagliari oltre che dai commercianti che si affacciano lungo il percorso.

Sul sito internet www.urbantrailcagliari.com tutte le informazioni per l’iscrizione.

Ufficio Stampa
Se.s.s. Servizi Stampa Sardegna
334-6754216

Published by:
Consigli

Vacanze in Toscana con Arcobaleno d’estate

Vacanze in Toscana con Arcobaleno d'estateToscana Arcobaleno d’estate è una nuova iniziaitiva promossa dalla Regione Toscana, che si svolge nell’ultimo week end di agosto – il 23, 24, 25. Svariati momenti per accogliere i turisti in modo gioioso, con eventi che vanno dal “tutto in mare collettivo” che si svolgerà lungo la costa, ai concerti, agli assaggi di vino e cibo. Eventi di tanti tipi, che possano rendere indimenticabile la vacanza in Toscana.

La grande festa che coinvolgerà tutta la Toscana, con duecento eventi in programma, 800 stabilimenti balneari coinvolti, serate speciali dal Festival Pucciniano al Bolgheri Melody.

A Firenze, per es. apertura straordinaria e notturna del Forte Belvedere che ospita la bella mostra di Zhang Huan il 24 agosto. Ma il cartellone è aperto, e  ogni giorno si arricchisce di new entries.

A Viareggio, sono protagonisti tre grandi carri allegorici di cartapesta, che eccezionalmente, sabato 24 agosto, tornano a sfilare, completamente illuminati, con movimenti, musica e maschere, per invadere il lungomare .

Qui potrete trovare il programma dettagliato http://www.arcobalenodestate.it/

 

Published by:

Estate a Lerici, nelle spiagge dell’amore e dei poeti

Estate a Lerici, nelle spiagge dell'amore e dei poetiLerici , sulla Riviera ligure di Levante, si estende dalla Baia di Muggiano alla Marossa al centro di un’insenatura naturale con alle spalle il promontorio sul quale si erge il castello medievale, uno dei simboli della città.

Lerici come La Spezia la cittadina di Portovenere, si affaccia sul Golfo dei Poeti, che deve il nome all’amore che alcuni scrittori come Petrarca, Montale, Byron e Shelley provarono per questa fantastica terra.
Lerici possiede un’ immensa bellezza naturale, un mare limpido, alta qualità di servizi turistici. Pulizia di spiagge e mare insieme all’offerta di accoglienti strutture per il turista hanno fatto guadagnare alla cittadina numerose bandiere blu. Da Lerici si potranno noleggiare imbarcazioni o partecipare a visite guidate per ammirare le fantastiche Cinque Terre. Da tutta la conca lericina si gode di un paesaggio unico, con le verdi colline alle spalle e la vista del Golfo dei Poeti davanti, con l’Isola Palmaria, Portovenere, il castello di Lerici e quello di San Terenzo.

In generale, il fondo del mare è molto basso e sabbioso e si tocca per un lungo tratto, molto diverso dal fondale sassoso delle Cinque Terre.

Lerici mostra ancora oggi la sua originaria struttura medievale, con le caratteristiche abitazioni allineati lungo gli stretti carruggi. All’interno del borgo sono interessanti il quartiere ebraico del ghetto, il castello, eretto dai Pisani nel XIII secolo e ampliato dai Genovesi, con all’interno la cappella duecentesca dedicata a Santa Anastasia e il museo geo-paleontologico e le piazze del Poggio e di San Giorgio. Ai piedi del castello si trova la rilassante passeggiata sul lungomare Vassallo.

Il lungomare di Lerici è diviso dalla presenza imponente del castello di origini pisane. Da una parte e dall’altra si trovano le spiagge e gli stabilimenti balneari. Tellaro è una delle più affascinanti località balneari delle Liguria e possiede diverse spiagge e scogliere raggiungibili tramite scalinate. Vi si trovano le piccole spiagge di San Giorgio, dove ancora oggi si incontrano le barche nella piazzetta sul mare.

A pochi passi da Tellaro per gli amanti della spiaggia, si trova la località di Fiascherino, dove si trovano due piccole baie molto belle, con arenile corto e di sabbia grossa, sia attrezzate che libere.

Verso San Terenzo, oltre il porto, grossi scogli riparano la passeggiata a mare, la spiaggia è finissima e candida. Questa splendida spiaggia caraibica è delimitata da due scogliere al di sotto delle quali è possibile compiere escursioni.

Published by:

Palmi Un’estate tra sole e mare in un paesaggio unico

Palmi Un'estate tra sole e mare in un paesaggio unicoPalmi è una splendida cittadina della provincia di Reggio Calabria. Il luogo perfetto per delle vacanze indimenticabili, da trascorrere fra l‘incanto delle spiagge della costa Viola, la natura selvaggia e la storia.

Palmi sorge in una posizione privilegiata, a ridosso del mare ma vicino a colline e montagne, come il Monte Sant’Elia.

Le origini di questo importante centro, risalgono al 951, quando venne fondata per volontà di alcuni fuggiaschi provenienti da Tauriana.

Palmi, profondamente attaccata alle sue tradizioni, vanta numerosi ed imperdibili appuntamenti come per esempio la Varia, una costruzione particolarissima sopra la quale vi è issata una fanciulla che rappresenta la Madonna. Questa rappresentazione, antica ed affascinante, si tiene ad Agosto ed attira numerosi turisti.

Chi è appassionato di arte e cultura, a Palmi può visitare la Pinacoteca che conserva alcune opere di Boccioni e di Guttuso; molto importante anche il museo etnografico.

Palmi offre numerose opportunità anche a chi desidera trascorrere delle vacanze attive infatti, è possibile organizzare delle bellissime escursioni come quelle lungo il “percorso del tracciolino“. Si tratta di un percorso emozionante, lungo il quale si può godere di un panorama vasto che arriva sino alle Eolie, e non solo. Altrettanto affascinante, camminare sul Monte Sant’Elia e visitare l’area di Pianoro, dove si possono ammirare numerosi resti di epoca romana.

Palmi è la località ideale per delle ferie all’insegna del sole e del mare perchè le temperature sono sempre ideali, grazie anche ai venti marini che rinfrescano le giornate estive. Il litorale, ampio e pulito, ha numerose spiagge che si trovano nel piccolo agglomerato di Palmi Taureana. Il paesaggio della marina di Palmi, è veramente suggestivo grazie alle acque trasparenti che si infrangono su coste ricche di scogli ma anche di lunghe spiagge.

La Spiaggia della tonnara è nota per la presenza dello “Scoglio dell’ulivo”, cioè uno scoglio sul quale è presente un ulivo, simbolo anche della costa Viola. Questo litorale segna anche il termine dell’incantevole costa. Le spiagge della Marinella, sono dei litorali molto amati, perchè costituiti da sabbie bianche e pulite di ghiaia; qui si può godere di una natura ancora selvaggia e di un panorama unico.

Published by:

Estate 2013 Vivere le vacanze in città Un mondo tutto da scoprire

Estate 2013 Una città tutta da scoprire nella vacanza non vacanzaE’ notizia  che  molti italiani in questa calda estate 2013 non partiranno per mete esotiche  nè si affacceranno su terrazze in splendidi mari  di golfi ameni.

Se anche le vostre ferie non saranno all’insegna della ricerca del posto sotto l’ombrellone o del tour di moda, vi proponiamo alcune cose da fare e da non fare per  vivere la vostra vacanza in città. Qualcuno dirà che è una non vacanza: lasciateli dire. Quando la città è completamente vuota ci sono meraviglie da scoprire. Non abbiamo orari: non dobbiamo rientrare per alzarci presto il mattino dopo, non dobbiamo rispettare pause pranzo, insomma, possiamo davvero fare ciò che più ci va.

L’estate in città prevede infatti una serie di regole che la rendano assolutamente di tendenza, che daranno un tocco veramente straordinario al vostro tempo libero.

Fondamentale è riposarsi e scrollarci di dosso il peso di un anno di lavoro: alzatevi più tardi la mattina , vietato guardare l’orologio!

Già, per eliminare lo stress e per fare un po’ di sano movimento, ogni tanto ci concedetevi una gradevolissima passeggiata nei momenti che più preferite. Ad esempio andate a gustarvi il tramonto o, se siete meno pigri, un’alba come non l’avete mai vista.

Prendete un aperitivo nel locale più chic e di solito intasato di gente, godetevi il relax, il sole e la vista di una città diversa.

Organizzatevi dei tour in città con qualche scorcio più panoramico  e più bello. Ogni giorno pensate ad un tema particolare o quartieri che non conoscete o non visitate da tempo.

Cercate su internet le attività cittadine organizzate : cinema all’aperto, monumenti illuminati di notte, musei gratis, concertini jazz,  rassegne e mercatini.

Fate, secondo il vostro allenamento, possibilmente ogni sera, una corsetta al parco, magari al tramonto, frequentate le piscine della zona, cambiando sempre per incontrare gente nuova.

E tanto altro ancora: incontrate gli amici che forse sono rimasti in città, preparate delle ricette speciali. Se siete degli artisti e creatori, sempre in cerca di novità, è il momento giusto per cambiare look alla nostra casa o creare quadri e sculture con materiali di recupero, oppure dipingere le pareti con colori particolari. Cose che vorreste sempre fare ma per le quali non c’è mai tempo.

Published by:
Trentino Alto Adige

Merano: una estate anche e sopratutto a misura di bambino

images (6)In città e nei dintorni tante le iniziative per i piccoli e le loro famiglie
Merano, 28 maggio 2013 – La città di Merano e i suoi dintorni d’estate si trasformano in un grande parco giochi all’aperto, con tante iniziative e opportunità per tutte le famiglie con bambini. Vediamo nel dettaglio i consigli su cosa fare.
Museo dei trenini
Mondotreno è la più grande installazione in miniatura di ferrovie d’Italia. Con i suoi 20.000 pezzi è una delle maggiori collezioni private di treni in miniatura ed
entusiasma tutti, non solo i più piccoli, con i tanti plastici riprodotti in scala 1:87. Un intero piano rappresenta l’Alto Adige nei minimi dettagli e tante sono le stazioni
interattive dove i ragazzi possono mettere in funzione funivie e treni. Mondotreno è aperto dalle ore 10:00 alle
17:00, da martedì a domenica. www.eisenbahnwelt.eu
Centro Avifauna
Presso il Centro recupero Avifauna ogni anno circa 250 rapaci feriti sono curati e reintrodotti nel loro ambiente.
Quelli che non vi riescono, rimangono al centro dove trovano una nuova casa e dove sono ammirati dai visitatori, tra marzo e novembre. Il Centro Avifauna si trova in una splendida pozione proprio presso Castel Tirolo ed è davvero emozionante guardare i loro voli e le evoluzioni proprio sopra la città. www.gufyland.com
Musei didattici
Due i Musei didattici da non perdere; parliamo del Museo Andreas Hofer in Val Passiria e del Museo Archeoparc a Madonna di Senales.
Nel primo i bambini possono scoprire le vecchie usanze dei contadini e visitare mulini, forni e cassoni per il frumento. Fuori si possono osservare le case rurali
che offrono un quadro realistico della vita e delle condizioni abitative nei masi. I piccoli possono andare alla scoperta di diversi oggetti e cercare di indovinarli.
www.museum.passeier.it
L’Archeoparc della Val Senales non è molto distante dal luogo del ritrovamento dell‘uomo venuto dal ghiaccio.
I piccoli visitatori hanno la possibilità di partecipare a un programma interattivo, utilizzando la pietra focaia, esercitandosi nel tiro con l’arco, indagando su come si
cucinava e colorando la lana. Il museo è aperto tutto l’anno. www.archeoparc.it
Il giardino labirinto Kränzel
Il labirinto Kränzel a Cermes si trova in un magnifico giardino tra cipressi e larici, dove in ogni angolo si scorgono lavori di artisti. Una bella occasione per passare una giornata ammirando l’arte e facendo divertire i bambini. Il labirinto della tenuta Kränzel è aperto da marzo a novembre. www.labyrinth.bz
Alpin bob
Sia in estate che in inverno a Merano 2000 si può provare una forte carica di adrenalina sull’Alpin Bob.
La pista, lunga 1,1 km, è il tracciato da slittino su rotaie più lungo d’Italia e i bambini tra i 4 e i 10 anni non pagano il biglietto se accompagnati da un adulto. www.haflingmeran2000. eu/it/vivere/inverno/vivere-linverno/alpinbob.
html
Sentiero natura a Marlengo
Il sentiero natura di Marlengo offre molte possibilità per  rilassarsi e per divertirsi. E’ a forma circolare e offre scorci suggestivi, zone relax, un percorso a corde alte, stazioni didattiche (23 in tutto) e un’aula creativa intitolata “artisti del bosco”. Il sentiero è percorribile durante tutto l’anno.
www.marling.info
Dove dormire
Un posto originale dove soggiornare, pensato proprio per i più piccoli, è la malga Taser.
Tante le attrattive per i bambini, dal grande parco giochi, allo zoo degli animali (con anatre, caprette, galline, pony e conigli), dalla caccia al tesoro al percorso a corde alte.
Malga Taser è dotata anche di due stanze con giochi con parete per l’arrampicata, calcio balilla, un tavolo click clack, Memo, video e molto altro ancora.
www.familienalm.com
***
Merano e dintorni
Guardando dall’alto, Merano e i suoi dintorni hanno l’aspetto di una stella, nel cui centro risiede
la città di Merano e i cui raggi sono rappresentati dalla Val Venosta, dalla Val Passiria e dalla Val d’Adige. Lungo queste valli si sviluppano meravigliosi borghi e comuni che negli anni hanno fatto del turismo la propria risorsa naturale, approfittando delle particolarità della zona: qui, infatti, la vita di città incontra quella rurale di paese, la flora mediterranea si riunisce con quella alpina e gli stili architettonici si mischiano – un cocktail di contrasti che arricchisce l’offerta turistica dodici
mesi l’anno. Oltre 6000 posti letto disponibili su tutta l’area completano il panorama di questa regione, in grado di soddisfare ogni interesse, garantendo servizi e strutture varie e differenti ma il cui comune denominatore è l’alta qualità e la cura dei particolari in ogni proposta.
Riferimenti per pubblicazioni: 0473 20.04.43 – www.meranodintorni.com

Published by:

Trento: tra palazzi e castelli, una città da visitare

trentoTrento, una città molto bella, un luogo dove storia, natura e cultura si incontrano e intrecciano tra loro.

A Maggio nella bella città trentina è previsto  “Palazzi aperti. I Municipi del Trentino per i beni culturali” dal 5 al 10 maggio, questo anno sarà possibile vedere alcuni nuovi palazzi appena ristrutturati.  . Un programma fitto di visite guidate alla scoperta di alcuni edifici da poco tornati allo splendore di un tempo: la Casa del Capitolo in via Belenzani, la Cappella S. Adalberto nel Parco di Gocciadoro, la Casa Patronale di S. Anna a Sopramonte, la Torre civica in piazza Duomo, ma anche il complesso delle Scuole Crispi, dove i lavori di restauro termineranno nei prossimi mesi. Ma Trento non e’ solo arte e storia: per far conoscere ai visitatori i sapori della Provincia sono stati predisposti degli speciali pacchetti vacanza che comprendono 2 notti con prima colazione, ingresso a diversi musei, visite guidate, degustazione di prodotti trentini, cena in ristorante tipico e la Trento Rovereto Card, a partire da 129 euro.


Published by:

Firenze, la città dei musei

Firenze, la città dei musei

Firenze, la città dei musei

Messaggio rivolto ai riluttanti da museo: andare in vacanza a Firenze e tenersi alla larga da uno dei suoi ricchissimi spazi espositivi, vi farà sentire in colpa. Sappiatelo. Onde evitare rimorsi e spiacevoli penitenze, iniziamo a conoscere alcuni dei più importanti musei fra gli oltre 70 del capoluogo toscano.

Cominciamo ovviamente dalla Galleria degli Uffizi, ubicata a pochi passi dalla Loggia della Signoria, il fulcro della città. La Galleria degli Uffizi, il cui progetto fu commissionato al Vasari nel 1560 da Cosimo I de’ Medici, conservano un patrimonio artistico con pochi eguali al mondo, suddiviso in ben 45 sale e organizzato in ordine cronologico. Fra le opere, che spaziano dal medioevo alla modernità, si trovano diversi capolavori firmati da artisti del calibro di Giotto, Beato Angelico, Piero della Francesca, Botticelli, Correggio, Mantegna, Raffaello, Michelangelo, Leonardo e Caravaggio. Oltre all’arte fiorentina e italiana, gli Uffizi concedono uno spazio significativo ad altre scuole europee, come quella spagnola, tedesca e fiamminga, ed espongono dipinti di pittori come Dürer, Rubens e Rembrandt, Rubens. Gli Uffizi rappresentano, dunque, una tappa obbligata per chi prenota un hotel a Firenze, potrete trovare delle offerte interessanti nel portale di expedia.it.

Di grande importanza è anche il polo museale allestito nella splendida cornice di Palazzo Pitti. Tra i diversi spazi espositivi, meritano sicuramente una visita la Galleria Palatina, costruita a cavallo fra XVIII e XIX secolo al fine di ospitare, in particolare, le preziosissime collezioni dei Medici, e la Galleria d’Arte Moderna: la prima presenta, specialmente, opere del Rinascimento e del Seicento, con capolavori di Raffaello, come la Madonna del Granduca e La Velata, di Tiziano, di Andrea del Sarto, come il San Giovannino, del Tintoretto, di Rubens e Caravaggio, mentre la seconda si focalizza sul periodo compreso tra la fine del XVIII secolo e la prima metà del Novecento, attraversando le epoche neoclassiche e romantiche, la scuola dei Macchiaioli, i movimenti dell’Ottocento fino ad arrivare a quelli di inizio XX secolo.

Prenotare un hotel a Firenze è, infine, l’occasione per ammirare la celebre statua del David di Michelangelo, che trovate alla Galleria dell’Accademia, fra via Ricasoli e Piazza della Santissima Annunziata. Non solo il David, però. La Galleria dell’Accademia, infatti, custodisce altre sculture di Michelangelo, come i Prigioni e il San Matteo, opere a tema religioso dei pittori attivi a Firenze dal tardo medioevo alla fine del ‘500 e polittici tardo gotici, oltre ad alcune pregevoli sculture del ‘800.

Published by:

Nuoro al Tribu dal 31 ottobre al 28 febbraio Mostra fotografica con foto di Ciceri

L’Istituto Superiore Regionale Etnografico presenta al TRIBU – Spazio per le arti le fotografie realizzate da uno dei protagonisti de Il giorno del giudizio di Salvatore Satta, Raffaele Ciceri, farmacista a Nuoro tra Ottocento e Novecento.

Nato a Nuoro il 6 aprile del 1870, Raffaele Ciceri si avvicina alla fotografia durante il periodo giovanile trascorso nel Convitto Nazionale di Cagliari, ma è dopo l’avvio della sua attività di farmacista che vi si applica con passione e regolarità.
L’area del terminale superiore del Corso Garibaldi, dove ha sede la “Farmacia R. Ciceri, già Floris” è il luogo d’osservazione privilegiato per le immagini che Ciceri esegue con una Verascope Richard, macchina stereoscopica leggera e compatta, che gli permette di effettuare riprese veloci e senza cavalletto.
Altri scenari riguardano diversi paesi del Nuorese, come Orani e Oliena e varie località della Sardegna e d’oltremare, tra le quali Roma, Firenze, Milano, Genova, Pisa, Venezia, Tunisi.

Alto ed elegante, Ciceri è un uomo raffinato e di spirito; la sua farmacia è il luogo d’incontro di diversi intellettuali, tra i quali Sebastiano Satta e Antonio Ballero. Ma il farmacista fotografo è anche una delle colonne portanti della società del caffè Tettamanzi, nella zona centrale del corso Garibaldi.
Salvatore Satta, ne Il giorno del giudizio, descrive ampiamente la vita che si svolgeva nel caffè, dedicando alla figura di Ciceri diverse memorabili pagine. Satta racconta anche della fase finale della vita di Ciceri e del sentimento di odio e disprezzo che il farmacista aveva alla fine maturato nei confronti della sua esistenza.
Muore nel 1921, a cinquantun anni, nella sua casa del corso Garibaldi. Nel testamento lascia tutti i suoi beni all’ospedale civile e chiede un funerale senza croci e una sepoltura senza nome nella nuda terra.
Attraverso la sua attività fotografica Ciceri contribuisce in misura significativa al processo di ricostruzione / emersione di una sorta di catalogo visivo della società nuorese deleddiana che si aggiunge all’opera del fotografo professionista Sebastiano Guiso e dell’eclettico Piero Pirari e, ancora, alle immagini di Sebastiano Satta e di Antonio Ballero, come Ciceri fotografi dilettanti.
Si possono distinguere nella sua opera due categorie principali di immagini: quelle relative ad amici e frequentatori della farmacia e del caffè Tettamanzi, dunque possidenti borghesi e alcuni professionisti e intellettuali, che ne costituiscono la parte più cospicua. Sotto questo aspetto le documentazione che Ciceri offre è preziosa e dà corpo e contesto a un universo sociale esclusivamente maschile, frequentemente ripreso a colloquiare in gruppo nel corso Garibaldi, ma anche durante escursioni nelle case dell’agro e nel corso di battute di caccia nelle campagne del nuorese e in estesi territori della Barbagia.
Un’altra serie d immagini attiene ad alcuni importanti eventi pubblici e a momenti di vita popolare che informano di una partecipazione sociale e di un intento documentario.
In tutte queste fotografie colpisce la modernità dello sguardo, uno sguardo da reporter che intende offrire un documento della realtà il più possibile immediato piuttosto che l’immagine equilibrata nella composizione e tecnicamente ineccepibile.

Le fotografie in mostra provengono dalla donazione Murgia Ulzega dell’ISRE e dalla raccolta di proprietà dell’Ilisso Edizioni.
Il fondo dell’ISRE consta di 309 lastre fotografiche che il giornalista nuorese Agostino Murgia ha donato all’Istituto nel 2008. Più precisamente comprende 300 lastre stereoscopiche al cloro-bromuro d’argento del formato di 4,5 x 10,7 cm, più altre 9 dimezzate, e tre stampe fotografiche. Le lastre sono state consegnate nelle loro scatole originali insieme a un visore e a un apparecchio fotografico stereoscopici Richard.
La raccolta dell’Ilisso è costituita da 92 lastre stereoscopiche rinvenute tra i materiali fotografici e cinematografici, in parte realizzati e in parte collezionati dal reporter nuorese Piero Pirari (Nuoro 1886-1972). Si tratta di 91 negativi e di una diapositiva, tutti su supporto vitreo del formato di 10,7 x 4,5 cm.

L’esposizione si articola in due piani nei quali vengono presentate 109 fotografie delle dimensioni medie di cm. 5x 50, relative a Nuoro e altre località della Sardegna, 49 immagini di formato minore inerenti ai viaggi dell’autore in diverse città italiane e in Tunisia, nove gigantografie delle quali tre in 3D, che richiedono l’utilizzazione di appositi occhialini messi a disposizione dei visitatori.
Sono in mostra, altresì, alcune lastre con i contenitori originali, la macchina fotografica e il visore stereoscopici della donazione Murgia Ulzega.
Un ambiente del livello superiore presenta una ricostruzione scenografica in 3D di piazza Cavallotti, ora piazza San Giovanni, di Nuoro.

Catalogo ISRE / ILISSO 220 pagine, formato 32 x 29, copertina cartonata con sovraccoperta a colori, 419 immagini

TRIBU, Spazio per le arti
Nuoro, piazza S. Maria della Neve, 8
31 ottobre 2012-28 febbraio 2013
orari: 10,00-13,00 / 16,30-20,30 (lunedì chiuso)

Published by: