EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Tag Archives: calabria

Al via IN VACANZA NEI PARCHI, la nuova piattaforma web dedicata al turismo sostenibile e di qualità

download (4)I Parchi nazionali dell’Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese e della Sila insieme per un’offerta coordinata del turismo sostenibile e di qualità. L’iniziativa, supportata da Fondazione Telecom Italia, serve a migliorare l’offerta turistica dei due Parchi potenziando il turismo naturale con l’uso delle tecnologie e la creazione di un portale che metta in rete e a sistema gli operatori turistici, culturali, agricoli e i loro relativi servizi Continue reading

Published by:
Consigli

Concerto Sinfonico-Corale presso il Teatro dell’Università della Calabria

Locandina per StampaSabato 14 dicembre 2013, alle ore 18,30, si terrà il Concerto di Natale organizzato dal C.A.M.S. (Centro Arti, Musica e Spettacolo) Università della Calabria. L’evento avrà luogo presso il Teatro Auditorium dell’Unical e vedrà protagonisti il Coro Polifonico dell’Università della Calabria,  il Coro Polifonico Symphonia – Istituto Musicale “S. Guzzi”di Lamezia Terme e l’Orchestra Sinfonica Giovanile della Calabria. Numerosi in brani in programma, composizioni di Beethoven, Mozart, Bach, Jenkins,  Mascagni, Vivaldi e tradizionali natalizi.

Continue reading

Published by:

Diamante: con Masterchef al “Peperoncino Festival”

Diamante: con Masterchef al "Peperoncino Festival"La Masterchef sbarca in Calabria. Dal 13 al 15 settembre Tiziana Stefanelli, la vincitrice della seconda edizione italiana del celebre programma televisivo di Sky, sarà infatti ospite del “Peperoncino Festival”, il progetto promosso dall’Assessorato alla Cultura della Regione Calabria che quest’anno festeggia il suo decimo anniversario.

A Diamante, la ridente cittadina della costa tirrenica che quest’anno prevede all’interno della rassegna una ricca maratona di eventi differenziati – teatro, musica, cucina, arte e letteratura – Tiziana, complice ed ispirata chef che ama cimentarsi spesso con l’alimento più caratteristico della regione, sarà protagonista di ben tre eventi differenziati. Un ritorno alle origini, nella terra dove nacquero la madre e la nonna e dove Tiziana scoprì la passione per la cucina.

Il primo incontro, previsto venerdì 13 settembre alle ore 22, la vedrà presentare, intervistata da Mariella Perrone, la sua recente avventura culinaria in materia letteraria, ovvero una selezione delle sue preparazioni più sofisticate e di grande effetto contenute all’interno del volume Avvocato in cucina. Le ricette di un’avventuriera del gusto. La sua nuova avventura gastronomica, strutturata in 48 piatti suddivisi tra antipasti, primi, secondi e dolci, tutti corredati da spettacolari fotografie, contiene anche le ricette che l’hanno portata alla vittoria del noto talent show televisivo risultato di un profondo studio delle migliori materie prime e di accostamenti spesso insoliti, in un intreccio di sapori che unisce la genuinità della tradizione romana e siciliana, i sapori agrodolci dei piatti veneziani e il gusto per le spezie che arrivano dall’India.

Stesso orario e stesso luogo, la Tendostruttura Mondopic  dove si tiene la celebre fiera mondiale del peperoncino, per il secondo appuntamento di Tiziana, sabato 14: uno show-cooking a sorpresa dal titolo, non a caso, “La mia ricetta piccante”, che saprà incuriosire per tipologie di preparazione ed ingredienti anche i più esperti.

Infine, domenica 15 settembre, negli stessi spazi e sempre alle 22, avrà luogo la finale del primo Master Peperoncino, in cui la MasterChef avrà l’arduo compito di presidente di giuria. Si tratta di un concorso di giovani chef che hanno solo 15 minuti di tempo per cimentarsi con la preparazione di piatti contenenti una varietà di peperoncino piccante. Al vincitore un diploma ufficiale stilato dalla prestigiosa Accademia del Peperoncino.

Per maggiori informazioni, clicca qui

Published by:

Diamante “Peperoncino Festival” Evento gastronomico dedicato al peperoncino, dal 11 al 15 Settembre

Diamante "Peperoncino Festival" Evento gastronomico dedicato al peperoncino, dal 11 al 15 SettembreA Diamante(Cosenza) sullo splendido litorale della Calabria dal 11 al 15 Settembre si terrà il “Peperoncino Festival”, evento gastronomico dedicato al peperoncino, ingrediente fondamentale della cucina calabrese.
Il centro della manifestazione è il lungomare di Diamante che con il suo suggestivo panorama accoglie una miriade di stand gastronomici che vengono ogni anno visitati da migliaia di turisti. Il festival non ha come palcoscenico solo il lungomare ma tutto il paese coinvolgendo i luoghi caratteristici di questo centro marino Calabrese. Oltre alla presenza di numerosi stand gastronomici il Peperoncino Festival comprende attività di intrattenimento e culturali, che spaziano dall’arte al cinema, dalla medicina alla satira.

In particolare rilievo ci sono le finali dei campionati nazionali di Satira dal Vivo e dei Mangiatori di Peperoncino. E ancora libri, cabaret, la premiazione della migliore tesi di laurea sul peperoncino, convegni medici e la Rassegna del Cinema Piccante. Rocco Papaleo sara’ il testimonial della ventunesima edizione del Peperoncino Festival , con Gianni Pellegrino spegnera’ in Piazza Municipio le ventuno candeline inaugurando cinque giornate di allegria e gastronomia piccante.

Novita’ assoluta la manifestazione “Cosplay piccante” organizzata in collaborazione con Romics. I personaggi piu’ piccanti di fumetti, cartoon e videogiochi si sfideranno con le loro rappresentazioni.  Per la prima volta ci sara’ al Festival un concorso di giovani chef. Altra novità la “Red hot dress peppers”  che sara’ realizzata per la prima volta in collaborazione con Moda Movie. Sul palco di Piazza Municipio a Diamante sfileranno dieci abiti ispirati al peperoncino, realizzati dagli artisti calabresi dell’Accademia di Brera con la partecipazione degli studenti degli Istituti “Leonardo da Vinci” e “Nitti” di Cosenza.

Negli stand di “Mondopic”, la Fiera mondiale del peperoncino, saranno presenti per la prima volta le delegazioni del Brasile, dell’Austria e dell’Argentina che presenteranno le loro specialita’ col peperoncino. Al Teatro dei ruderi di Cirella sara’ presentato il nuovissimo “Negroni al peperoncino”, un drink che unisce il classico gusto del Negroni alla saporita sensazione del piccante. Sara’ presente Filippo Mori patron del “Club del Negroni” che custodisce a Viareggio la ricetta segreta del drink.

Il Festival del Peperoncino è ideato dall’Accademia Nazionale del Peperoncino, l’ingresso è gratuito.

Per ulteriori approfondimenti:

Il Peperonocino a Diamante

Accademia Nazionale del Peperoncino

Published by:

Un lembo meraviglioso di Calabria l’Arco Magno e l’isola di Dino

Un lembo meraviglioso di Calabria l'Arco Magno e l'isola di DinoLa Calabria nasconde angoli meravigliosi e inaspettati. Vi proponiamo un’escursione all’Arco Magno e alla sua vicina isola di Dino

L’Arco Magno si trova tra il confine nord di San Nicola Arcella e l’area sud di Praia a Mare, in provincia di Cosenza. La sua posizione offre uno scenario naturale di incomparabile bellezza, caratterizzato da un mare cristallino, spiagge, suggestive scogliere, piccole isole, insenature ed antiche torri.

Così denominato per lo straordinario arco naturale venutosi a creare nella roccia scavato probabilmente dal mare, è qualcosa di veramente spettacolare. Ci si trova dinnanzi a un muro di roccia con un’apertura sola sul davanti, circondato da una piccola spiaggia caratteristica. L’Arco Magno ha particolare dimensioni che consentono a piccole imbarcazioni di raggiungere la spiaggia e su un fianco la grotta dell’Arco Magno, all’interno della quale c’è una sorgente di acqua dolce.

Giunti a terra, lungo il sentiero, si arriva proprio sopra l’Arco Magno, dove la vista e l’anima si aprono a sensazioni stupefacenti. Immagini veramente paradisiache, una costa incontaminata di una bellezza naturale, fatta di un mare splendido che si insinua tra enormi ammassi rocciosi tra i quali si ricavano delle zone particolari e riservate dove poter prendere il sole o semplicemente contemplare intorno.

La spiaggia di Arco Magno è in realtà una piccola caletta che si raggiunge tramite un sentiero roccioso, collocata nei pressi di un promontorio che scende a picco sul mare, dista circa 1 chilometro da San Nicola Arcella. Continuando verso nord si inizia ad intravedere la meravigliosa isola di Dino, e dopo aver passato una spiaggetta si giunge ad un’ altra scogliera, che, attraversata, porta alla spiaggia dove è possibile giungere all’isola di Dino.

L’isola di Dino, le cui scogliere di calcare scendono direttamente nel mare blu, in strapiombi alti oltre 80 metri ed in altri piuttosto scoscesi, ha di che stupire. Qui, sia al di sotto che al di sopra del livello del mare, l’erosione ha dato vita a molte grotte tra le quali quella del “Monaco”, delle “Sardine” dove sono presenti stalagmiti, delle “Cascate”, del “Leone” ed infine la “Grotta Azzurra” che è la più grande. Ma la grotta più interessante dell’isola, sebbene accessibile solo ai subacquei esperti, è la Grotta Gargiulo, che si apre a 18 metri sotto la superficie del mare e si estende nelle profondità dell’isola per alcune decine di metri,
Siete arrivati in un posto fantastico .

Published by:

Un angolo di Calabria Serra San Bruno e il Parco delle Serre

Un angolo di Calabria Serra San Bruno e il Parco delle SerreIn Calabria esiste un luogo ameno, ricco di acque e di boschi secolari dove è possibile godere di aria pulita e cibi genuini. Siamo nelle Serre, ossia quel territorio che rientra nel Parco delle Serre e che è noto per ospitare bellissimi boschi di abeti bianchi e il Lago Angitola. In quest’area umida di grande valore naturalistico si possono osservare svariate specie rare, fra le quali l’airone cinerino.

Meravigliose cascate  adornano i  corsi d’acqua delle Serre, dando vita ad architetture naturali di incredibile suggestione; su tutte, la cascata di Pietra Cupa sulla fiumara Assi agro di Guardavalle, che scivola di oltre 15 m su pareti di roccia sormontate di alberi giganteschi e contorti fino a raggiungere un largo laghetto contornato di cespugli e arbusti. La vegetazione arbustiva è ricca delle più tipiche essenze della macchia mediterranea. Interessante la presenza tra i molti alberi, quella dell’abete bianco.

Le Serre racchiudono paesaggi incontaminati e verdi che custodiscono un patrimonio di inestimabile valore che comprende importanti siti come la Certosa di Serra San Bruno. Da questi si raggiungono, con facilità, anche bellissime località balneari . Una vacanza in questo angolo di Calabria è l’ideale per chi ama la natura, le escursioni ed il mare.

La località dalla quale muoversi è Serra San Bruno, un suggestivo ed antico paese immerso in una natura selvaggia e bellissima che comprende il Monte Pietra del caricatore che ha raggiunge la ragguardevole altezza di 1414 metri sul livello del mare. A Serra San Bruno sono numerose le Chiese; fra queste quella Matrice, nota anche come di San Biagio. Al suo interno è conservato il noto reliquiario con alcuni pezzi della croce. Molto bella anche la Chiesa di San Giroloma arricchita con affreschi risalenti al XVIII secolo e la piccola ma graziosa Chiesa di San Rocco, che viene solennemente festeggiato il 16 Agosto.

Dal borgo di Serra San Bruno è possibile arrivare sia a Monte Pietra del caricatore che al Monte Pecoraro dalle quali altezze ammirare le distese dei boschi e l’azzurro del mar Tirreno e dello Jonio.

Serra San Bruno custodisce un magnifico centro storico impreziosito da edifici religiosi, e palazzi. Fra gli edifici più antichi e rinomati vi è la Certosa, edificata nel 1000 per volontà del monaco certosino Brunone di Colonia. Accanto al monastero si trova il museo della Certosa, fondato nel 1993, all’interno de quale sono custoditi materiali molto interessanti relativi alla storia della Certosa e dei monaci. La struttura originaria dell’antica certosa è stata modificata nel corso dei secoli, anche in seguito al disastroso terremoto avvenuto nel 1783. Oggi, la nuova certosa si presenta come una maestosa e superba costruzione sita in una zona verde e silenziosa .

Nei pressi dell’abitato si trova il Santuario della Madonna immerso in un bosco secolare, impreziosito da un piccolo lago, chiamato dei miracoli. In queste acque, è stata collocata la statua di San Bruno. Il Santuario viene visitato ogni anno da pellegrini proveniente da tutta l’Italia. nei pressi del bosco di Santa Maria vi è Lu Guttazzu, un piccolo lago silenzioso dove si può riposare ed ammirare lo spettacolo della natura.

A Serra San Bruno e nei territori circostanti, si possono apprezzare piatti tipici, realizzati con gli ingredienti locali come le carni, salumi e i funghi.

Un’imperdibile escursione è quella che porta al Lago Angitola dove si trova un’oasi naturalistica del WWF. Questa zona, considerata fra le più importanti di tutta la Calabria, ospita molti uccelli migratori come la garzetta e il cormorano. Fra le specie stabili invece, si trovano le testuggini e numerose anatre.

Published by:

Un’estate indimenticabile a Sibari, storia e mare di Calabria

Un'estate indimenticabile a Sibari, storia e mare di Calabria La località di Sibari si trova sulla costa Ionica della Calabria. La conformazione del territorio, pianeggiante, e la vicinanza ad importanti fiumi hanno favorito, nel corso dei secoli, gli insediamenti umani. Infatti, la storia di Sibari è molto antica e questo sito archeologico è annoverato fra i più importanti dell’area del Mediterraneo.

I primi a fondare un centro abitativo sono stati gli achei, in seguito la città venne distrutta per poi rinascere col nome di Thurii e infine diventare un importante centro romano. Col tempo, l’area divenne paludosa con conseguente crisi del centro abitato.

Oggi Sibari è una località turistica molto frequentata ed apprezzata per i suoi lunghi litorali bagnati dalle acque pulite dello Ionio, per le innumerevoli opportunità culturali e per la sua vicinanza a numerosi centri di interesse come i Laghi di Sibari e le gole del Raganello.

Le spiagge di Sibari sono particolarmente piacevoli e sono adatte a tutta la famiglia infatti, i fondali marini degradano con dolcezza; proprio questo fattore li rende adatti alle famiglie con figli. Inoltre, grazie alla brezza marina anche le giornate più calde diventano piacevoli . La spiaggia di Marina di Sibari è una delle più frequentate della costa cosentina. Questa spiaggia è molto ampia e sabbiosa con numerose strutture ricettive nelle vicinanze.

Dopo la visita all‘area archeologica di Sibari nella quale si possono ammirare costruzioni di epoca greca e romana, merita una visita il museo nazionale archeologico della Sibaritide; qui vengono custoditi reperti appartenenti a varie epoche e provenienti da diversi scavi.

In prossimità di Sibari, si trovano i rinomati laghi ossia un moderno ed attrezzati molo, ideale per i possessori di imbarcazioni che desiderano recarsi dall’Italia verso Paesi come la Grecia. I laghi di Sibari sono noti per essere uno dei migliori complessi nautici e turistici dell’Italia.
Comprendono delle ville che si trovano a ridosso di una bellissima spiaggia e il nome è legato ai piccoli laghi navigabili che rendono questo luogo davvero speciale.

Le terme Sibarite si trovano invece a Cassano allo Ionio e vantano una storia molto antica infatti, da sempre le sue acqua salutari sono state sfruttate per le innumerevoli proprietà.
Presso le terme Sibarite, si possono trascorre giorni da dedicare alla cura di sè ma anche al divertimento e al relax.

Published by:

Calabria Il Carnevale estivo del Guiscardo a San Marco Argentano Il programma

Calabria Il Carnevale estivo del Guiscardo a San Marco Argentano Il programmaSe state trascorrendo le ferie nella bella Calabria, non mancate di partecipare agli eventi previsti a San Marco Argentano (Cosenza), per il Carnevale estivo del Guiscardo.

Il Carnevale estivo del Guiscardo è dedicato a Roberto d’Altavilla, detto il Guiscardo a cui è attribuita la torre normanna del XI secolo che domina  San Marco Argentano, affascinante comune che si estende tra la Valle del fiume Crati e la Catena Paolana ed il cui centro antico si sviluppa su una collina che domina la valle del fiume Fullone.

Questo, di seguito indicato, il programma previsto che include sfilate carnevalesche e stand enogastronomici dedicati alla cultura e ai sapori del Mediterraneo.

Giovedì 8 agosto 2013:
Ore 18.00, su tutte le piazze si apriranno gli stand enogastronomici e di artigianato; ore 19.00, in piazza Selvaggi, castello gonfiabile – parco giochi; in piazza santo Marco, castello gonfiabile – salta salta e contestualmente in tutte le piazze, trucchi, colori e fantasia con le truccabimbi;
ore 20.00, in piazza Umberto I°, teatro dei burattini;
ore 20.30, in tutte le piazze, spettacoli di artisti di strada;
ore 21.30, in piazza Riforma, baby dance.

Venerdì 9 agosto 2013:
ore 10.00 -13.00 e ore 17.00 – 24.00, stand enogastronomici e di artigianato su tutte le piazze;
ore 20.30, in piazza duomo, accoglienza gruppi mascherati e folcloristici;
ore 21.00, grande sfilata di carnevale su tutte le piazze
ore 24.00, piazza Selvaggi ospiterà la cerimonia di chiusura.

Sarà, pertanto, occasione propizia per visitare la città di San Marco Argentano, straordinariamente ricca di storia e di tradizioni.

Published by:

San Giovanni in Fiore Una meta di Calabria ricca di storia,natura, archeologia

San Giovanni in Fiore Una meta di Calabria ricca di storia,natura, archeologiaSan Giovanni in Fiore si trova nella Sila, esattamente nei pressi del Monte Nero. E’ un luogo di villeggiatura ideale per stare a contatto con la natura, praticare movimento e scoprire le tradizioni della Sila. Proprio per questo San Giovanni in Fiore, è una meta rinomata per le sue ricchezze storiche ed archeologiche ma è apprezzata anche per la bellezza dei suoi luoghi. Questo antico centro, offre numerose possibilità per i vacanzieri che possono andare alla scoperta dell’arte, delle tradizioni e della gastronomia locale.

Il suo nome è legato all’Abbazia Florense, costruita per volontà dell’abate Gioacchino da Fiore. Il centro storico di San Giovanni è ben conservato e si caratterizza per la presenza dell’Abbazia, risalente al 1189. La sua struttura originale è stata, in parte, modificata nel tempo. All’interno custodisce la preziosa urna con i resti dell’abate Gioacchino da Fiore e un’antica statua lignea raffigurante San Giovanni Battista. E’ annoverata fra le costruzioni più pregevoli di tutta la regione Calabria ed è in grado di attirare turisti e devoti anche dall’estero. La badia florense, risalente al XIII secolo, è ben conservata e si possono ammirare le celle dei monaci ed il chiostro.

Da visitare anche la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, risalente al XVI secolo e la Chiesa dell’Annunziata, caratterizzata da un campanile realizzato in granito. Anche nel territorio circostante San Giovanni in Fiore vi sono antichi luoghi di culto come la Chiesa del crocifisso risalente al 1700.

San Giovanni in Fiore ospita il museo demologico che illustra le tradizioni e i mestieri tipici degli abitanti di questo territorio; ad arricchirlo ulteriormente, vi è una sezione dedicata al fotografo Saverio Marra. Molto bello anche il museo faunistico. Durante l’estate San Giovanni in Fiore si anima; la fiera dedicata al Santo protettore è un grande evento davvero imperdibile. Per l’occasione vengono allestite bancarelle di prodotti artigianali tipici e di gustosi prodotti enogastronomici.

Chi ama le escursioni, da San Giovanni in Fiore può spostarsi nelle vicine frazioni, nelle quali si possono ammirare i paesaggi incantati della Sila e visitare i numerosi centri rurali, alcuni dei quali ormai abbandonati.

Nei pressi di San Giovanni in Fiore, sorge Castelsilano un antico borgo risalente al 1600. In questo luogo è possibile visitare l’antico castello a pianta quadrata. Il territorio di Castelsilano è caratterizzato da un ambiente incontaminato, ricco di attrazioni; fra queste vi sono delle grotte naturali, come quella di Samourì.

 

 

 

 

Published by:

Meta di Calabria: Praia a Mare e l’isola di Dino

Meta di Calabria Praia a Mare e l'isola di Dino L’estate a Praia a mare, sulla costa del Tirreno della Calabria, significa un’ estate in un mare splendido e la presenza di strutture ricettive, dotate di ottime attrezzature per sport marini e nautici. Le sue spiagge sono molto frequentate dai pescatori subacquei.

Praia a mare, è una località turistica calabrese, che si trova in provincia di Cosenza. Questa cittadina ha una storia antica, che si ricollega, come si desume dal nome, alle attività commerciali e mercantili che interessavano la costa del Tirreno.

Praia a mare, è una meta ambita grazie alle sue bellezze storiche e naturalistiche, come l’affascinante Isola di Dino; quando cala il sole, inizia il passeggio e le vie si animano di turisti intenti a godere il fresco e il bellissimo paesaggio.

Il litorale di Praia, si presente ben organizzato e pulito ed è l’ideale sia per i giovani che per le famiglie con i bambini, che possono usufruire di tutti i comfort offerti dagli stabilimenti.

Fra i luoghi da visitare vi è il fortino, eretto nel XVI secolo, per volontà dei signori di Aieta, a cui Praia apparteneva; invece, la Torre di Fiuzzi , edificata su una precedente costruzione, si trova sulla scogliera di Fiuzzi ad un’altezza di 15 metri. Particolarmente suggestivo è il Santuario della Madonna della grotta, che si trova nella zona più in alto di Praia ed è stato edificato sfruttando una cavità naturale. Questo Santuario, attira un numero piuttosto importante di fedeli durante tutto l’anno ma, in particolare nei giorni in cui viene celebrata la festa.

Praia a mare, è molto nota per le sue spiagge e per la bellezza dell‘isola di Dino dove si possono isola-di-dinoammirare panorami incontaminati e lunghi litorali puliti. Sul litorale si può ammirare un’antica torre, costruita dai Normanni ed utilizzata anche nelle epoche successive per il controllo dei litorali. Sul nome dell’Isola, vi sono differenti versioni: alcuni sostengono che derivi da Venere, a cui era dedicato un tempio invece secondo altri si tratterebbe di un toponimo che trae origine da antichi culti. L’Isola è coperta da arbusti appartenenti alla macchia mediterranea e da palme nane; inoltre, è un luogo di nidificazioni per specie particolari, come per esempio gli aironi grigi.

L’Isola di Dino, è stata un’importante testimone del passato della Calabria e lungo le sue coste si sono svolte battaglie cruente contro pirati, predatori e nemici di varie provenienze. Sull’Isola di Dino, si trovano numerose e bellissime grotte; fra le più note quella delle sardine, chiamata così perchè proprio qui si pescavano, con grande facilità. Da non perdere la grande “grotta azzurra”, il cui nome deriva dal colore delle acque cristalline.

Praia di mare è una meta ambita per le sue splendide acque, la cultura e le antiche tradizioni; inoltre, da qui è possibile organizzare bellissime escursioni come per esempio quelle dirette alla scoperta di Diamante.

Published by: