EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Tag Archives: assisi

Ferragosto al Bosco di San Francesco Anima, corpo e natura

Ferragosto al Bosco di San Francesco Anima, corpo e naturaVi proponiamo una meta per il vostro ferragosto: il Bosco di San Francesco, dove il fascino spirituale di Assisi non delude e avvolgere in una dimensione di pace .

Il Bosco di San Francesco, il bosco più a ridosso del sacro Convento è da sempre chiamato col nome del santo, esso è in grado di regalare una giornata o più dove si ha la possibilità di assaporare l’autentico spirito francescano facendo proprio quel privilegiato rapporto tra uomo e natura. Un luogo che dopo 800 anni di vita nasconde storie e leggende che l’avvolgono in un alone di mistero. Un paesaggio intatto di boschi, ulivi, coltivi, colline e pianura, case coloniche e piccole pievi. Luogo dove ritemprare anima e corpo tra natura, storia e Landart.

Il suo percorso è di media difficoltà, adatto a tutte le età e abilità.
Il sentiero, cui si accede attraverso un piccolo portone nella Piazza della Basilica Superiore di Assisi, scende lungo un tipico paesaggio umbro fatto di alberi, frutteti e ulivi. Seguendolo, si scopre un torrente che racchiude in fondovalle un complesso del XII secolo del quale sopravvivono la Chiesa di Santa Croce con l’affresco di una croce senza il corpo di Cristo che la trasforma in luogo per i credenti di tutte le religioni, i ruderi di un convento benedettino, il trecentesco Ponte dei Galli.

La discesa lungo i tornanti che solcano la collina dura circa mezzora e ogni pochi passi si trovano panchine e cartelli che raccontano gli aspetti storici, naturalistici e spirituali del bosco che stiamo visitando.
Proseguendo la passeggiata ci sono altri scorci meravigliosi, soprattutto costeggiando il torrente e si arriva in una radura dove si trova un’opera d’arte moderna chiamata il “Terzo Paradiso” e composta da tre cerchi consecutivi di curatissimi ulivi.

Published by:

Assisi Palio della Torre Una rievocazione storico-medioevale

Da lunedì 9 luglio 2012 a sabato 21 luglio 2012 si terrà a Tordandrea il Palio della Torre di Assisi .

E’ questa una rievocazione storico-medioevale di scene quotidiane della vita della popolazione di Tordandrea. Gli attori sono, dame e signorotti, giocolieri, popolani  che ben rappresentano il tempo medievale di Tordandrea.

All’interno della Piazza dei Caduti, che si affaccia alla Chisa di S.Bernardino, si trova il calore e la passione dei canti che inneggiano alla primavera, alle rivalità amorose, canti e balli rigorosamente “ricostruiti” come un tempo, animano lo svolgimento della festa.

La città viene “idealmente” divisa in tre fazioni che prendono il nome dalle rispettive Chiese dedicate ai Santi costruite intorno alla”Torre di Andrea” che sono: S.Bernardino , S.Rocco e S.Simeone.Tutto ricorda le lotte tra famiglie perugine Baglioni e famiglie assisane Abbati ma anche altri Signorotti di altre città che lottavano per la conquista della Torre.

In questa contesa armigeri, condottieri e avventurieri si sfidano con armi, parole, scene di rievocazione (che coinvolgono tutto il rispettivo rione) e prove di forza, in un clima di sana rivalità; il tutto per riuscire a strappare il Palio, simbolo di Tordandrea.

La gara più attesa del Palio è “la corsa delle Torri” ; tre torri con i simboli dei rispettivi rioni vengono portate a spalla di corsa per tutto il paese con staffette che percorrono circa 400 metri.Vince la gara il Rione che riesce a portare la propria torre per prima nel Castello a simboleggiare la riconquista da parte del Marchese della Torre.Al termine i punteggi totalizzati nelle varie prove assegnano il Palio al Rione meritevole.

(fonte sitoProloco Tordandrea)

Published by: