EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Miseria e Nobiltà, il bed and breakfast per un soggiorno a Napoli

Comment

Campania
Miseria e Nobiltà, il bed and breakfast per un soggiorno a Napoli

Miseria e Nobiltà, il bed and breakfast per un soggiorno a Napoli

Ogni città ha i suoi luoghi magici, le sue leggende (nere o bianche che siano), i propri rituali. Tutte cose che, nella quasi totalità dei casi, si confondono, mescolano e sublimano con la genesi stessa della città.

Napoli, la città del sole, cantata e dipinta da poeti e artisti di tutto il mondo, amata e agognata dai potenti di tutto il globo e di ogni epoca, scelta come buen retiro tanto dagli Imperatori romani quanto dai novelli magnati dei secoli a noi vicini, non è da meno.

Il bed&breakfast Miseria & Nobiltà, che nel nome riecheggia celebre commedia del principe De Curtis alias Totò, ha la ventura di trovarsi all’interno di un triangolo magico, perlomeno per la città di Napoli. Un triangolo delimitato da Via Toledo, dal prolungamento del Corso Umberto che incrocia via Toledo e da via Benedetto Croce. Una posizione centrale, non lontana da altri luoghi molto belli della capitale del sud Italia, una città che è stata a anche a capo di un Regno, che non mancherà di far assaporare agli ospiti l’aria delle antiche vestigia che si sposa con la modernità della metropoli.

La posizione centrale favorirà gli spostamenti e la visita dei luoghi e dei monumenti più caratteristici della città del sole e dell’allegria fondata dalla ninfa Partenope, l’azzurro del cui mare, narra un’altra leggenda, è dovuto al dispetto di un angelo caduto che volle portarsi sulla terra un pezzetto del cielo del paradiso perduto.

Miseria&Nobiltà è il B&B a Napoli per chi ha voglia di vivere la gioia e la solarità che la città partenopea esporta, a mo’ di brand caratteristico, in tutto il mondo; chi sceglie Miseria&Nobiltà è ben consapevole di calarsi in una realtà caleidoscopica e scintillante, epica e drammatica insieme, e che di detta realtà porterà sempre con sé gli odori, i sapori e le sensazioni. Non c’è solo il mal d’Africa; il mal di Napoli, inteso come nostalgia e melanconia della città, è reale, vivido e totalizzante.

Leave a Reply