EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

L’Umbria e i suoi presepi, per rivivere il Natale del tempo che fu

Comment

Umbria
L'Umbria e i suoi presepi, per rivivere il natale del tempo che fù

L'Umbria e i suoi presepi, per rivivere il natale del tempo che fùQuando si parla di presepi si pensa all’Umbria perchè qui è nata la tradizione della sacra rappresentazione per opera di San Francesco d’Assisi. Nel periodo natalizio, in questa bella regione, vengono allestiti presepi viventi e presepi tradizionali che val la pena vedere.


A Perugia, all’inizio di dicembre, vengono esposti, nelle vecchie botteghe della via principale, i come venivano fatti tanti anni fa.  Si possono ammirare presepi di carta zucchero, alcuni caltri con personaggi più importanti e uno con pastori in carta pesta, risalente al 1800. Ma il più bello, eche vale la pena vedere, è quello allestito nella Chiesa di Sant’Antonio.

Ma il più originale e suggestivo,  tanto da essere annoverato tra le principali tradizioni del Natale dell’Umbria, è quello allestito in una grotta del periodo etrusco nel complesso archeologico del Pozzo della Cava, ad Orvieto In un ambiente molto suggestivo dove musiche e  effetti speciali accompagnano il visitatore al luogo della natività, mentre i personaggi, tutti a grandezza naturale, lo rendono partecipe al lieto evento della nascita di Gesù.

Anche i presepi viventi danno lustro all’Umbria.  A Marcellano, un piccolo borgo nei pressi di Perugia, dominato da un suggestivo castello medioevale, dal 25 Dicembre al 6 Gennaio, un centinaio di figuranti  danno vita alla rappresentazione del Natale di una volta. Per le vie del paese, infatti, si trovano le botteghe del fabbro, del falegname, le tessitrici, le canestraie, i fruttivendoli e i pastori, mentre fuori dalle mura viene ricostruita la stalla, dove, scaldati dal fiato del bue e dell’asinello, trovò riparo la Sacra Famiglia.

Vicino ad Assisi,esattamente a San Petrignano, nelle date delle festività natalizie e al calare del sole, i paesani ricostruiscono l’ambiente ebraico di 2000 anni, dove giochi di luci ed ombre avvolgono in   un’atmosfera mistica e magica i vicoli e gli angoli caratteristici di questo caratteristico borgo medioevale.

Per quanto riguarda la ricezione turistica, si ha una vasta scelta fra alberghi, anche attrezzati come spa, e ristoranti; basta consultare il sito della Regione Umbria, per trovare un albergo o un ristorante adatto alle nostre possibilità.


Leave a Reply