EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

L’isola di Procida paradiso colorato dai profumi straordinari

Comment

viaggi

download (6)L’isola di Procida è un’ottima meta per il ponte di Pasqua, o per progettare la prossima estate. Un vero paradiso colorato e dai profumi straordinari , per qualche giorno di relax e cultura.

L’isola di Procida , insieme al vicino isolotto di Vivara si trova nel golfo di Napoli ed appartiene al gruppo delle isole Flegree. Le coste di Procida, la sua bellezza vista dal mare, permettono favolosi itinerari per gli amanti del mare e della bellezza delle coste, in alcune zone basse e sabbiose, altrove a picco sul mare. Gran parte del suo litorale di una bellezza straordinaria è compreso nell’area marina protetta Regno di Nettuno.

L’isola di Ponza si presenta da lontano con il suo rilievo più elevato : la collina di Terra Murata sovrastata da un borgo fortificato di origine medioevale.


Tradizionalmente, il centro abitato viene diviso in nove contrade, dette grancìe: Terra Murata (il borgo più antico), Corricella (un caratteristico borgo di pescatori), Sent’cò con il porto commerciale di Marina Grande, San Leonardo, Santissima Annunziata(anche detta Madonna della Libera), Sant’Antuono, Sant’Antonio e Chiaiolella (un porto turistico nella parte meridionale dell’isola)
Tra gli elementi più caratteristici che spiccano agli occhi del visitatore sono sicuramente la Marina Grande, l’antico borgo di Terra Murata, il villaggio dei pescatori di Marina Corricella ed il porto della Marina Chiaiolella. Qui si vedono le particolarità dell’architettura tradizionale: archi, scale esterne, balconi, colore pastello e soprattutto il “vefio, vero simbolo dell’abitazione tipica dell’isola. La scala rampante, appoggiata sull’arco stesso, risulta la soluzione più comune per raggiungere i piani superiori.

Veramente straordinarie sono le costruzioni generalmente dipinte con un certo gruppo di tonalità pastello ben definite, assortite in maniera che due case vicine molto difficilmente abbiano colori simili, con il risultato di una policromia caratteristica. Secondo la tradizione, tale particolarità deriva dal desiderio dei pescatori di voler riconoscere la propria casa anche lontano dal mare.

Con la splendida Abbazia di San Michele, le bellissime altre chiese dell’isola, Procida è anche un importante polo storico culturale. Per gli amanti dell’arte religiosa e dell’architettura va segnalata anche la Chiesa della Madonna delle Grazie, oltre a quella di San Leonardo. E proprio in merito all’architettura è impossibile, visitando Procida, non lasciarsi incuriosire dal particolare stile architettonico della case procidane, conservatosi in particolar modo nel borgo di Marina Corricella. ll monumento più’ importante e’ l’abbazia di Sant’Angelo, un vero labirinto di cappelle interne, che scendono nel monte. Splendido il panorama che si gode dal terrazzo che spazia daIschia al Vesuvio ai campi fregerei.

Marina di Chiaiolella ospita la spiaggia più importante dell’isola, la più frequentata da famiglie e bambini, mentre a Marina Grande si trova il porto di Procida. La sua Baia di Chiaia è il fiore all’occhiello dell’isola, considerato uno dei luoghi più belli dell’intero Golfo di Napoli.
Che dire poi degli splendidi fondali del mare che permettono indimenticabili immersioni.

Leave a Reply