EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Le destinazioni più richieste per Capodanno 2016

Comment

Consigli
Natale

Capodanno, per tradizione, è la festa che si trascorre lontano da casa ed in compagnia degli amici. Il periodo a cavallo fra il 31 Dicembre ed il 6 Gennaio è il periodo preferito per andare a sciare o per concedersi un viaggio rigenerante.

Sono già tanti gli italiani che sono alla ricerca di occasioni per trascorre la notte di San Silvestro 2015 all’insegna del divertimento e della spensieratezza. Anche se la fine alla fine dell’anno manca ancora un po’, in rete si trovano già tantissime promozioni e le immancabili previsione sulle città più gettonate sia nazionali che all’estero.

Per il Capodanno del 2016, secondo il sito internet Wimdu, l’Italia è fra le mete più ricercate con Roma al secondo posto e Firenze al quarto posto. Per Roma, questa fine d’anno è certamente molto particolare perché, a partire dal prossimo 8 Dicembre, ha inizio il Giubileo della Misericordia, indetto da Papa Francesco. In previsione dei tanti pellegrini che giungeranno nella città eterna, se si desidera brindare al nuovo anno sotto il cupolone è necessario prenotare il viaggio e l’albergo già da adesso.

Il luogo dei sogni per la notte del 31 Dicembre 2015 è Parigi che, ancora una volta, si conferma una destinazione molto ambita, e non soltanto dalle coppie. Le altre località ricercate dagli internauti per un primo Gennaio 2016 indimenticabile sono Berlino, New York e l’immancabile Barcellona per la quale si trovano ancora offerte di volo e soggiorno piuttosto interessanti.

Sono tanti coloro pensano di organizzare il Capodanno 2015 nella bellissima Nizza o nell’eclettica Amsterdam, raggiungibile facilmente con svariati voli low cost.

Molto richiesti anche i siti che offrono pacchetti e soluzioni vacanze per le località di alta quota dove la stagione sciistica è ormai alle porte. Le alternative più richieste per chi intende festeggiare la notte di San Silvestro guardano il mare sono la Sicilia, la Calabria e la Sardegna.

 

Leave a Reply