EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Itinerario d’autunno: il Parco Nazionale dello Stelvio

Comment

Consigli
Itinerario d'autunno: il Parco Nazionale dello Stelvio

Itinerario d'autunno: il Parco Nazionale dello StelvioUna gita nel Parco Nazionale dello Stelvio, significa lunghe camminate, escursioni, aria,natura. Al Parco Nazionale dello Stelvio ogni visitatore può, in base alle proprie preferenze, trovare  ciò che desidera.

Il Parco Nazionale dello Stelvio, istituito nel 1935 e comprendente una parte di territorio lombardo, trentino e altoatesino, è il maggiore parco nazionale italiano con una superficie totale di ben 134.000 ettari. Si tratta di una zona situata al centro della catena alpina e di uno dei territori protetti più grandi ed interessanti d’Europa.
Qui troviamo intatte le testimonianze storiche dei conflitti mondiali e dei popoli che sono transitati dai valichi durante i secoli. Una flora ed una fauna stupende, con forme e colori di ogni genere. Il parco attrezzatissimo per ogni genere di escursione e di sport.

Un immenso patrimonio di natura, cultura, civiltà, tradizione e storia; le Alpi centrali, con le vette che sfiorano i 4000 m (Ortles), le grandi vallate, i fiumi e i laghi. Panorami stupendi, natura incontaminata, flora e fauna protette. Entro i confini di questo parco si possono ammirare ghiacciai, alpeggi, ampie distese boschive, aree coltivate, masi di montagna abitati tutto l’anno, villaggi e paesi.

Le valli del parco conservano ovunque testimonianze di architettura rurale e sacra, ma anche di opifici, segherie e mulini, tutto in un paesaggio culturale naturale tutto da scoprire! Ogni valle ha caratteristiche uniche: dai coni di deiezione della val Venosta, tra i più estesi di tutto l’arco alpino, alla lunga val Martello, la cui testata è dominata dalla cima del Cevedale, e poi la valle di Trafoi, sovrastata dall’Ortles e da tante altre cime ricoperte di ghiaccio.
La val d’Ultimo è una valle verde, ricca di acque e laghi. In Valtellina, a Bormio ed in Valfurva la cultura legata alle acque termali ha un’antichissima tradizione.

Anche la stagione invernale si presta a visite molto interessanti, sia per chi ama lo sci escursionismo e lo sci alpinismo, sia per chi preferisce percorrere a piedi i fondovalle.

Leave a Reply