EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

In bicicletta sulle tracce del commissario Montalbano

Comment

Consigli Sicilia
In bicicletta sulle tracce del commissario Montalbano

In bicicletta sulle tracce del commissario MontalbanoIl Commissario Montalbano, una delle fiction più seguite alla televisione, ha come location un tratto di Sicilia che va da Marina di Modica a Punta Secca, in provincia di Ragusa. Una nota rivista online di turismo ecosostenibile, consiglia un percorso in questa parte affascinante della Sicilia da fare in bicicletta, 33 chilometri da percorrere scoprendo i luoghi e le località della fiction, che in questa stagione offrono tranquillità e temperature gradevoli.

Si parte da Marina di Modica, località balneare nota per la sua bellissima spiaggia di sabbia finissima che, per via delle favorevoli condizioni del vento, è una meta preferita dagli appassionati di windsurf. Seguendo la strada costiera e attraversato località Pisciotto, con i resti di un’antica fabbrica di mattoni dei primi del novecento che domina la spiaggia locale, arriviamo a Sampieri col suo bel lungomare e il porticciolo turistico. Continuando la pedalata, saliamo lungo un tratto di costa ricoperta dalla tipica macchia mediterranea  che ci porta alla riserva naturale di Costa di Carro con la sua bella spiaggia lambita da un mare di un blu intenso. Qui fra agave e palme nane vengono a deporre le uova le tartarughe marine. Percorrendo, poi, uno sterrato ciclabile.

Proseguendo a destra lungo una strada sterrata ciclabile, passiamo dal cosiddetto covo dei contrabbandieri, dove un racconto popolare narra di una grotta costiera nella quale i contrabbandieri scaricavano la merce. Arriviamo così a Punta Corvo, con un vecchio faro abbandonato, e al pittoresco borgo di Cava d’Aliga. Lasciata alle spalle la splendida spiaggia di Cava d’Aliga, ci dirigiamo a Scicli, cittadina dal fascino barocco che sorge all’incrocio di tre valli che gli valse il nome di città presepe. Qui imbocchiamo la provinciale che ci porta a Donnalucata, borgo dalle origini antichissime, dove la pesca e il turismo sono le attività principali insieme alla coltura in serre.

Passata Playa Grande, arriviamo a Marina di Ragusa che, oltre ad essere insignita della Bandiera Blu, in estate è la meta preferita dei ragusani per la bellezza delle spiagge e per i locali della movida e, passato il villaggio di Casuzze, giungiamo al faro di Punta Secca, dove, nella fiction, si trova la casa del commissario Montalbano.

Da qui, volendo, si può andare a visitare il Castello di Donnafugata, una dimora nobiliare del tardo ‘800, divisa su tre piani, composta da oltre 120 stanze di cui una ventina sono oggi fruibili ai visitatori.

Leave a Reply