EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Firenze, la città dei musei

4 Replies

Toscana
Firenze, la città dei musei
Firenze, la città dei musei

Firenze, la città dei musei

Messaggio rivolto ai riluttanti da museo: andare in vacanza a Firenze e tenersi alla larga da uno dei suoi ricchissimi spazi espositivi, vi farà sentire in colpa. Sappiatelo. Onde evitare rimorsi e spiacevoli penitenze, iniziamo a conoscere alcuni dei più importanti musei fra gli oltre 70 del capoluogo toscano.

Cominciamo ovviamente dalla Galleria degli Uffizi, ubicata a pochi passi dalla Loggia della Signoria, il fulcro della città. La Galleria degli Uffizi, il cui progetto fu commissionato al Vasari nel 1560 da Cosimo I de’ Medici, conservano un patrimonio artistico con pochi eguali al mondo, suddiviso in ben 45 sale e organizzato in ordine cronologico. Fra le opere, che spaziano dal medioevo alla modernità, si trovano diversi capolavori firmati da artisti del calibro di Giotto, Beato Angelico, Piero della Francesca, Botticelli, Correggio, Mantegna, Raffaello, Michelangelo, Leonardo e Caravaggio. Oltre all’arte fiorentina e italiana, gli Uffizi concedono uno spazio significativo ad altre scuole europee, come quella spagnola, tedesca e fiamminga, ed espongono dipinti di pittori come Dürer, Rubens e Rembrandt, Rubens. Gli Uffizi rappresentano, dunque, una tappa obbligata per chi prenota un hotel a Firenze, potrete trovare delle offerte interessanti nel portale di expedia.it.

Di grande importanza è anche il polo museale allestito nella splendida cornice di Palazzo Pitti. Tra i diversi spazi espositivi, meritano sicuramente una visita la Galleria Palatina, costruita a cavallo fra XVIII e XIX secolo al fine di ospitare, in particolare, le preziosissime collezioni dei Medici, e la Galleria d’Arte Moderna: la prima presenta, specialmente, opere del Rinascimento e del Seicento, con capolavori di Raffaello, come la Madonna del Granduca e La Velata, di Tiziano, di Andrea del Sarto, come il San Giovannino, del Tintoretto, di Rubens e Caravaggio, mentre la seconda si focalizza sul periodo compreso tra la fine del XVIII secolo e la prima metà del Novecento, attraversando le epoche neoclassiche e romantiche, la scuola dei Macchiaioli, i movimenti dell’Ottocento fino ad arrivare a quelli di inizio XX secolo.

Prenotare un hotel a Firenze è, infine, l’occasione per ammirare la celebre statua del David di Michelangelo, che trovate alla Galleria dell’Accademia, fra via Ricasoli e Piazza della Santissima Annunziata. Non solo il David, però. La Galleria dell’Accademia, infatti, custodisce altre sculture di Michelangelo, come i Prigioni e il San Matteo, opere a tema religioso dei pittori attivi a Firenze dal tardo medioevo alla fine del ‘500 e polittici tardo gotici, oltre ad alcune pregevoli sculture del ‘800.