EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Ferrara la bella nel cuore dell’Emilia

Comment

Emilia Romagna

Ferrara è ancora una città a misura d’uomo.Il suo magnifico cuore e si visita facilmente a piedi o in bicicletta, d’altra parte il centro storico è chiuso al traffico. Il centro storico della città rappresenta dunque uno degli esempi meglio conservati di città medioevali, caratterizzato perciò da un vasto numero di monumenti, palazzi, chiese e strade storiche, ad iniziare dal Castello Estense, edificio in mattoni a pianta quadrata dotato di quattro torri difensive con altane e circondato da un fossato colmo d’acqua che lo rende, a tutt’oggi, uno degli ultimi castelli europei circondato da un fossato. La scoperta del centro può partire dal celebre Castello Estense, proseguendo poi lungo via Garibaldi si arriva alla piazza del municipio, un tempo cortile dell’originario Palazzo Ducale. È una delle piazze che ogni anno, l’ultima settimana di agosto, diventano un grande teatro all’aperto dove si esibisco i musicisti di strada provenienti da tutto il mondo per partecipare al Buskers Festival. Non manchiamo di arrivare Al Brindisi un’enoteca con degustazioni, fornita anche dei poco noti vini ferraresi del Delta. Perdiamoci in piazza trento e Trieste e in via San Romano, dove sotto i portici possiamo trovare l’ottimo pane ferrarese “la coppia”. Sono veramente tante le cose da vedere e visitare a Ferrara, alcune però attirano l’attenzione più delle altre. É il caso per esempio della Certosa di San Cristoforo, che servì da cenacolo certosino nel Rinascimento e da cimitero pubblico nell’Ottocento e che manifesta un chiaro legame tra architettura e natura. Le opere d’arte un tempo custodite al suo interno sono oggi visitabili nella Pinacoteca Nazionale e nei Musei Civici di Ferrara e lchiese.

Se lasciamo le memorie storiche del Medioevo e del Rinascimento possiamo esplorare le atmosfere del Delta del Po ferrarese, una vasta area di 550 chilometri quadrati che arriva fino al mare Adriatico. In un’escursione in battello verso la riserva naturale delle Bocche del Po,  otterremo un itinerario insolito al confine tra terra e acque.

Leave a Reply