EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Category Archives: Liguria

Ad Albenga iniziative autunnali dell’AVO ingauna

Ad Albenga iniziative autunnali dell'AVO ingaunaL’ AVO (Associazione Volontari Ospedalieri) ingauna organizza una serie di iniziative che prenderanno il via sabato 5 ottobre ( ore 12.30) con il tradizionale pranzo sociale. “Si tratta – ci ha detto la presidente Aureliana Leppori– di un incontro che ogni anni ci offre l’occasione per fare il punto sulle iniziative svolte durante l’anno e di iniziare ad organizzare quelle del 2014”.

Il 19 e 20 ottobre invece i volontari dell’ Avo accompagneranno, con altre associazioni, a Genova bambini, anziani e visitatori sulla nave scuola “ Palinuro”, messa a disposizione dalla Marina Militare. Durante la visita verranno effettuati controlli ed analisi per la prevenzione dell’ Ictus. A dicembre sono poi in programma le tradizionali tombolate  natalizie presso la RSA del quarto piano all’ Ospedale di Albenga ed all’ Istituto Trincheri.  Le altre iniziative del sodalizio per fine anno saranno la Messa ed il Mercatino di Alassio.

Ad aprile 2014 una delegazione ingauna parteciperà al Convegno dell’Associazione fondatori di una nuova cultura per il volontariato, che si terrà a Milano. Alcuni delegati Avo relazioneranno sui casi di rapporti di reciprocità fra volontari e malati psichici. L’ Avo rappresenta una delle più importanti e riconosciute realtà nel settore del volontariato socio-sanitario a livello nazionale: può fare parte di questa associazione chiunque abbia il desiderio di mettere al servizio degli ammalati degenti negli ospedali parte del proprio tempo.

A livello locale l’Avo è nata nel 1983, ad Albenga, ed attualmente è presente in tutte le più importanti strutture pubbliche ospedaliere del comprensorio, grazie all’impegno e alla dedizione dei quasi cento soci. “L’AVO- conclude la Leppori- ad Albenga e Alassio opera nelle strutture sanitarie, con circa 90 volontari, ma siamo ancora troppo pochi per la grande mole di lavoro che c’è da fare. Per questo ogni anno attiviamo un corso di formazione per nuovi volontari. La richiesta di estendere ad altri reparti e plessi ospedalieri la presenza dei nostri volontari giunge spesso alla nostra Associazione dai pazienti, dai loro familiari e dalle strutture sanitarie stesse che riconoscono il valore insostituibile dell’opera dei volontari AVO accanto ai malati”.

Questi sono i requisiti per diventare un volontario Avo: età compresa tra i 18 e i 80 anni; buone condizioni psicofisiche; serietà, equilibrio, discrezione, intuito e capacità di relazione; una buona preparazione generale; disponibilità alla collaborazione; disponibilità a svolgere almeno un turno settimanale (mattino o pomeriggio) di 2 ore. La formazione dei volontari si arricchisce con la periodica partecipazione a corsi di aggiornamento e con le riunioni di reparto. Per chi vuole maggiori informazioni può recarsi presso la sede Avo (presso ospedale di Albenga) il martedì dalle 10 alle 11 e 30 ed il venerdì dalle 15 e 30 alle 17 e 30. Per ulteriori informazioni sull’associazione è possibile telefonare ai numeri 0182 660149, 80120 e 645212.

CLAUDIO ALMANZI

Published by:

Ad Albenga le Giornate Europee del Patrimonio

Ad Albenga le Giornate Europee del PatrimonioVenerdì 27 e Sabato 28 anche nella “Città delle Torri”, così come in tutta Italia, verranno celebrate le Giornate Europee del Patrimonio. L’ iniziativa, promossa dal Consiglio d’Europa, prevede l’apertura dei musei, monumenti e dimore di rilevanza storico-artistica e degli altri siti di rilievo archeologico e naturalistico.

“ Abbiamo voluto- dicono gli organizzatori– consentire a tutti di godere d’un vasto patrimonio, che non può, né deve restar relegato nel circuito breve d’appassionati cultori, ma divenire risorsa e fondamento d’una possibile quanto necessaria Rinascenza. Avviene così che aderendo ad un progetto ormai consolidato, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali promuova le suddette Giornate, sostenendo e organizzando sull’intero territorio nazionale la fruizione gratuita di musei mostre e convegni”.

Anche Albenga, città ricca d’un vasto patrimonio storico, archeologico ed artistico, con il sostegno della Fondazione “G.M. Oddi”, in sinergia con le varie realtà museali locali, sarà per due giorni partner d’una rete virtuosa, riconducibile all’idea di cultura democratica e condivisa. Nella serata di venerdì 27 settembre, alle ore 21, è prevista una conferenza itinerante d’apertura, condotta da Gerry Delfino, Consigliere della Fondazione “G.M. Oddi”.

Hanno annunciato la loro presenza personaggi di rilievo della cultura e tutte le autorità cittadine. Si partirà dalla mostra “Magiche Trasparenze”.  E’ prevista inoltre, al terzo piano di Palazzo Oddo, l’inaugurazione della Mostra “In Chartis Mevanie. Vento, Soffio, Brezza e Tempesta.”, suggestiva rassegna d’opere d’arte contemporanea realizzate su carta artigianale, selezionate dal professor Alberto D’Atanasio, della Fondazione Sgarbi, docente di Semiologia e Storia dell’Arte presso l’Università di Perugia. Tema della mostra, l’elemento Aria che disvela il suo mistero nei lavori eseguiti da artisti, provenienti da ogni parte d’Italia, sulla carta Bambagina composta da Mastro Cecco Proietti. Sabato 28 settembre, le strutture espositive cittadine (Magiche Trasparenze, Museo Navale Romano, Museo Civico Ingauno, Fortino Monumentale) potranno essere visitate gratuitamente negli orari consueti e durante l’apertura serale straordinaria, dalle ore 21 alle ore 24.

CLAUDIO ALMANZI

Published by:

A Millesimo (Savona) per festeggiare Sua Maestà il Tartufo

A Millesimo (Savona) per festeggiare Sua Maestà il TartufoGastronomia, botteghe artigiane, spettacoli itineranti e musica, animeranno Millesimo, paese nell’entroterra di Savona, per la tradizionale Festa del Tartufo, il preziosissimo e gustosissimo prodotto del sottobosco.

Da venerdì 27 a domenica 29 settembre sarà offerto un programma vario e ricco di appuntamenti con  musica dal vivo, animazioni per bambini e mostre di pittura, ceramica e opere dei maestri vetrai di Altare. Per tutta la durata della manifestazione, in piazza Italia e nel centro storico sarà allestito il mercato del tartufo e dei prodotti tipici della Val Bormida: i salumi crudi come ad esempio le frizze o grive (tipico salume locale, composto da frattaglie di fegato di maiale, salsiccia e bacche di ginepro); la giuncata ( tipo di ricotta fatta con latte di pecora), la tira (pasta di pane farcita con salsiccia e cotta in forno, secondo antiche tradizioni) sciaccarotti e fazzini (pasta da pane cotta in un particolare modo e condita con sugo di pomodoro, o basilico e aglio). Per chi volesse anche addolcirsi il palato, si potranno gustare i  Millesini al Rhum, dolci tipici locali confezionati con cioccolato e liquore. Verrà anche allestita, nella piazza principale, una tartufaia per la ricerca simulata della trifola.

Nella mattinata di sabato vi sarà la sfilata delle Majorette Happy Blue di Coazze, accompagnate dalla banda musicale Pizzorno; mentre in quella di domenica si esibiranno gli sbandieratori del Gruppo Storico Fivizzano. Sempre domenica, alle 23.00, vi sarà  un grande spettacolo pirotecnico.

Gli stand gastronomici sono aperti tutti i giorni fino alle ore 22.00. Sarà a disposizione, per i visitatori, un bus navetta dai parcheggi auto.

Per il programma dettagliato della manifestazione, cliccare qui

Published by:

A Genova, girando per i “caruggi”

A Genova, girando per i "caruggi"Genova, la città della Lanterna, il cui golfo ospita uno dei più grandi porti italiani. Oltre al suo famoso Acquario, incastonato nella pittoresca cornice del Porto Antico, nasconde molti tesori da scoprire.

Nella zona vecchia troviamo palazzi rinascimentali e barocchi, chiamati Rolli, un tempo residenza delle famiglie nobili genovesi, come gli Spinola, i Grimaldi, i Doria , tanto per citarne alcune. Ma quello che da fascino a Genova, sono i caruggi, un dedalo di vicoletti stretti, botteghe e stupende piazzette, che si diramano nell’antica zona portuale, dove si respira il profumo intenso della focaccia appena sfornata, di pesto e di carni, che si mischia con l’odore salino del mare.

Molti dei caruggi sono stati restaurati e riqualificati, mentre in altri è rimasta intatta l’atmosfera di  antica repubblica marinara. Percorrendo questi vicoli e piazzette si possono ammirare  portici medievali, chiese ricche di capolavori dal Romanico al Rococò, botteghe d’antiquari,  gallerie d’arte ed edicole barocche sormontate da statue della Vergine e dei santi, veri gioielli d’arte.

Lungo i caruggi si affacciano anche 21 botteghe storiche, censite e catalogate che fanno parte del patrimonio storico commerciale ed artigianale di Genova, tra cui caffè, confetterie, farmacie, drogherie, macellerie e altri negozi ancora. Vi è pure un vicolo divenuto celebre grazie ad una canzone di Fabrizio De Andrè a cui genova a dato i natali: Via del Campo. Qui, al numero 29, si affacci un piccolo museo-negozio dedicato al famoso cantautore genovese, dove si possono trovare dischi, musica, fotografie e altro ancora a lui dedicate e dove si respirar ancora l’aria e le atmosfere intense che hanno ispirato canzoni come Bocca di Rosa o Creuza de ma‘.

Per finire questa passeggiata, non si può perdere la visita all’imponente cattedrale di San Lorenzo, costruita tra il X e il  XIV secolo, e a Palazzo Ducale, l’antica residenza dei Dogi, diventata, oggi, la sede principale di grandi eventi. Qui  dal 6 novembre prossimo, si  terrà una mostra dedicata a Edvard Munch, pittore norvegese dei primi del ‘900.

Published by:

Triora La Sagra del Fungo Porcino

Liguria sagre

Triora La Sagra del Fungo Porcino La Sagra del Fungo Porcino di Triora (Imperia) ogni anno attira numerosi visitatori. Quest’anno a Triora, il paese delle streghe, il frutto più prelibato del bosco viene festeggiato oltre che  nella tradizionale festa, anche con un percorso itinerante  alla scoperta dell’antico borgo.

L’evento è organizzato dal Consorzio Valle Argentina in collaborazione con i commercianti di Triora e la Pro Loco di Verdeggia e con il supporto del Comune di Triora, ci aspetta domenica 22 settembre.

Funghi porcini in tutte le salse con l’appuntamento in Piazza delle Feste alle 11. Alle degustazioni faranno contorno musica, bancarelle e un laboratorio artistico per i bambini.

La manifestazione sarà impreziosita dalla presentazione del nuovo Cesto per funghi progettato dal designer Mauro Olivieri.

Published by:

Finale Ligure “Rewind” Oratorio De’ Disciplinanti – Finalborgo

Finale Ligure "Rewind" Oratorio De' Disciplinanti - Finalborgo<< Rewind” è un tema “attuale”, soprattutto se rapportato al periodo particolarmente complesso e ostico per il sempre più fragile “sistema” della nostra Arte moderna.

Attraverso l’arte e le sue espressioni gli artisti del Circolo si prefiggono l’obiettivo di far comprendere alla gente quanto sia essenziale “fare un passo indietro” e vivere una vita in cui al centro ci sia il benessere dell’Uomo e non solo i beni materiali, come invece accade tuttora.

Saranno presentate al pubblico opere pittoriche, scultoree, ceramiche, fotografiche, di video-art ed installazioni aventi lo scopo di stimolare le persone a dare alla propria vita una “svolta”, un andamento diverso da quello attuale, per poter affrontare il periodo critico che stiamo vivendo, sia sotto il profilo economico, che etico e psicologico, e ritrovare l’equilibrio.

Noi tutti abbiamo vissuto per anni “sopra le righe”, incuranti delle gravi conseguenze sull’economia e sull’ambiente ed ora dobbiamo rivedere il nostro stile di vita e “ridimensionarci”, cioè, come dice il titolo della mostra, “riavvolgerci” attorno ai veri valori esistenziali, tramandatici di generazione in generazione dai nostri avi.

eventi collaterali
Domenica 15 settembre 2013, alle ore 21.00, nella piazzetta antistante l’Oratorio De’ Disciplinanti a Finalborgo, avrà luogo “Dipingere la musica, suonare la pittura”performance in seno al progetto artistico “The BEAT ART concept”, di Rudy Mas (Rudy Mascheretti), Deejay Artist, con l’accompagnamento della violinista Simona Mana. in arte Lady Violin. L’evento, fortemente voluto dal Circolo ed appositamente organizzato, sarà il momento conclusivo della giornata inaugurale della mostra d’Arte Contemporanea “<< Rewind”.

Rudy Mascheretti e la sua “Beat Art”, accompagnato al violino dalla talentuosa musicista Simona Mana, si esibirà in una performance di un’ora circa, durante la quale l’artista alassino darà vita ad uno spettacolo unico nel suo genere, mixando la sua musica e, contemporaneamente, dipingendo una grande tela “live”, opera che verrà poi esposta all’interno del mostra per tutta la durata del periodo espositivo.

date: dal 15/09/2013 al 06/10/2013

orari da martedì a domenica dalle 15.00 alle 20.00, lunedì chiuso

inaugurazione domenica 15 settembre 2013 ore 19.00

sede espositiva
Oratorio De’ Disciplinanti
Complesso Monumentale di S. Caterina – Finalborgo
17024 Finale Ligure (SV)
mail info@amicinellarte.it
web www.mclee.org

Ulteriori info sull’evento sono reperibili nel sito www.rudymas.com.

Published by:

Finale Ligure Ubuntu bar del mondo equo solidale: programmi ed iniziative per Settembre

Consigli Liguria

Finale Ligure  Ubuntu bar del mondo equo solidale: programmi ed iniziative per SettembreProseguono sulla passeggiata finalese gli appuntamenti culturali organizzati da Ubuntu, il famoso Bar del Mondo che propone prodotti equo solidali e propugna una più appropriata coscienza nel consumare le materie prime. Venerdì 6 verrà inaugurata ( alle ore 20 e 30) la mostra fotografica “ Italians” di Virginio Bottaro, mentre alle 21 sarà presentato il libro “ Il complesso di Penelope” di Laura Cima. Ci sarà anche la stessa autrice che risponderà alle domande dei lettori.

Lunedì sera, dalle ore 19 alle 21, è in programma: “ M’illumino di meno”, aperitivo a lume di candela, mentre alle ore 21 a cura dell’ associazione “ Energetikamente” si parlerà di di Dinamiche di compensazione familiare. Martedì 10 ci sarà la “ Cena turca” con il famoso Cacik Ottomano. Ma non è finita perchè prima della chiusura dell’estate finalese sono programmati, sempre da Ubuntu, ancora diversi interessanti appuntamenti.

Il 14 settembre verrà organizzato un pullman ( partenza alle ore 13 e 30 ) per partecipare alla decima marcia per la giustizia Agliana – Quarrata, con Don Luigi Ciotti e la ministra dell’integrazione Cecile Kyenge. Il 16 sarà riproposto, con gli stessi orari, “ M’ilumino di meno”, mentre il 17 Ubuntu propone la “ Cena Bengalese” con il celebre Pakora di verdure, cui seguirà una presentazione del libro di Muhammad Yunus “ Microcredito e socialbusinnes. E noi cosa c’entriamo?”, a cura di Stefano De Palo: “ L’ Ubuntu- ci ha detto Tiziana Bonora- si propone quale luogo ideale per avvicinare le persone ai percorsi che ognuno può intraprendere per rendere questo mondo migliore, cominciando dalle piccole cose.

Il bar può essere il punto di incontro di molti e propone svariati stimoli culturali da mostre d’arte a laboratori di ‘altra economia’, da incontri con personaggi a riflessioni sul consumo critico. Crediamo nel valore della legalità, nell’ importanza della centralità della vita, nell’importanza della finanza etica, nell’indispensabile tutela dei diritti umani e della biodiversità. Ubuntu può essere il luogo dove riflettere insieme sulla qualità dei nostri cibi, sul nostro potere di controllo sulla filiera, sulle informazioni su come questi cibi vengono prodotti, coltivati, trattati, sugli impatti che essi hanno negli ecosistemi e nelle società di provenienza, per effetto della globalizzazione, è praticamente annientata”.

Il 23 settembre, dalle 16 alle 18, sarà aperto da Ubuntu lo sportello informativo della Banca Etica ed a partire dalle 19 ci sarà una nuova edizione di “ M’illumino di meno”. Infine il 26 settembre, alle ore 21, esperti di Retenergie e volontari saranno a disposizione per chiarimenti riguardo alle bollette elettriche e sui temi generali riguardanti l’ energia etica.

CLAUDIO ALMANZI

Published by:

Ad Albissola Marina personale di Sergio Sarri

Ad Albissola Marina personale di Sergio SarriOMAGGIO A SARRI PER RICORDARE GLI ANNI D’ORO DELLA SFIDA ARTISTICA FRA CALICE ED ALBISSOLA
ALBISSOLA MARINA- Appuntamento da non perdere sabato 14 settembre ad Albissola Marina ( inaugurazione alle ore 18). A distanza di quarant’anni dalla ‘sfida’, non culturale, ma calcistica, tra artisti “calicesi” ed “albisolesi”, Sergio Sarri fa ritorno, carico di un curriculum eccezionale, ad Albissola Marina, con una personale fortemente voluta da Franco Balestrini, instancabile protagonista del settore da decenni. L’antologica, curata da Armando d’Amaro e Riccardo Zelatore, presenta una serie di opere, alcune inedite, altre già esposte in Europa e negli Stati Uniti.

Verrà presentato il Sarri creatore di irreali zone di confine fra l’autentico ed il vagheggiato, tipiche dell’artista torinese, in perenne ricerca e rielaborazione.“ Andataeritorno” è il titolo della mostra che vuole ricordare come negli anni Sessanta l’ incontrastato dominio di Albissola, già definita “Libera Repubblica delle Arti” da Marinetti, sbarcatovi con i futuristi negli anni Trenta-, viene minato dalla colonia calicese, che va espandendosi intorno ad Emilio Scanavino. “ A distanza di pochi chilometri – dice Armando D’ Amaro, uno dei curatori- l’uno sul mare, l’altro tra il verdeggiante entroterra, nei due borghi era un pullulare di pittori e ceramisti, che lavoravano confrontandosi anche con critici e letterati.

Una fucina continua di eventi, incontri nelle gallerie, o nelle case-studio, in scaturivano occasioni per scambi di idee, o forti litigi a suffragare grandi amicizie e tanta convivialità. Partite a bocce ed a biliardo, bagni, in mare o nel Pora, scherzi passati alla storia, colazioni al ‘Testa’ o mangiate da ‘Viola’. Insomma un’età aurea, un periodo unico: nel parlare con chi “c’era” si viene infatti travolti da un’onda di aneddoti”.

Allora non esisteva neppure una vera rivalità tra i due ‘luoghi artistici. Comunque per dare una qualche soddisfazione a chi ne era sostenitore, nei primi anni Settanta si organizzò una sfida, appunto non culturale ma calcistica, tra gli artisti delle due realtà, con ‘andata’ a Calice e ‘ritorno’ ad Albissola. “ Nelle fotografie dell’epoca – dice Mihaela Anitoaie, critica d’arte- Lam e Mondino, Fabbri e Sarri, Bocca e Arroyo, Rossello e Stefanoni, alcuni fra i tanti protagonisti di quell’epoca d’oro per l’arte ligure, sorridono tutti, ed a ragione. Giovani e meno giovani hanno contributo con il loro entusiasmo e le loro sfide a costruire un muro maestro della storia dell’arte, arte che influenzano ancora oggi. La personale che inaugureremo sabato 14 settembre è dedicata a Sergio Sarri, uno di quei grandi protagonisti”.

A distanza di quarant’anni Sergio Sarri che sostiene “allora anche a Calice c’era il mare” ritorna, portando con sé un curriculum eccezionale, ad Albissola Marina con una antologica al Centro Culturale d’Arte Contemporanea, curato da Riccardo Zelatore, di Franco Balestrini, appassionatamente attivo nel settore da decenni. Le opere in mostra testimoniano l’ invidiabile congruenza dell’artista torinese: i suoi ‘cicli’, colti e raffinati nell’esecuzione, si sono succeduti seguendo un progetto critico comunque fedele alla rappresentazione di ‘non luoghi’ retti dalle incoerenze sociali. Infatti Sergio, con mano assolutamente personale, pur rinnovandosi, da sempre ci illustra una realtà straordinaria, parallela ma referente all’effettiva, che ora confonde ora conferma le nostre certezze e le nostre inquietudini. La mostra resterà aperta fino al 12 ottobre con il seguente orario: tutti i giorni ( domenica esclusa) dalle 16 e 30 alle 18 e 30.
CLAUDIO ALMANZI

Published by:

Zonta Club di Finale Ligure “Viole Per Enza” sabato 7 settembre

Zonta Club di Finale Ligure “Viole Per Enza” sabato 7 settembreFinale Ligure– Per sensibilizzare l’opinione pubblica del Ponente savonese al tema del femminicidio lo Zonta Club di Finale Ligure presenta sabato 7 settembre una giornata interamente dedicata a questo argomento.

Si tratta di “Viole Per Enza” (sette storie di donne sette storie di violenza) promosso da Zeroconfini Onlus. Si inizia alle ore 10 all’ Auditorium di Santa Caterina a Finalborgo con il Convegno Internazionale- tavola rotonda che vedrà la presenza di Isoke Aikpitanyi, testimonial dell’iniziativa, Gloria Bardi, bioeticista, Roberta Bruzzone, criminologa, Antonetta Carrabs, presidente di Zeroconfini onlus, Graziella Cavanna , psicologa traumaterapeuta, Chiara Paolucci, Pubblico Ministero del Tribunale di Savona, Cristina Scanu, giornalista,Dina Molino, dell’associazione Libera di Savona, con interventi musicali di Paola Arras e l’adesione di Bebo Storti. Moderatori saranno Luca Battaglieri avvocato e scrittore e Marinella Geremia, presidente dello Zonta Finale Ligure.

Alla sera si svolgerà ( alle ore 21 ) lo spettacolo teatrale nato da una idea di Antonetta Carrabs, con la regia e le coreografie di Luisa Zanoli. “ Lo spettacolo – dice la regista Luisa Zanoli- è nato da un’idea di Antonetta Carrabs autrice insieme a Alessandra Arcadu e Iride Enza Funari. Con questo spettacolo proprio da qui, da Finale, partirà la campagna nazionale Viole per Enza contro il femminicidio… che poi farà il giro dell’Italia. Enza vuole essere la donna simbolo che possa rappresentare tutte quelle sette donne che hanno cambiato il corso della storia col loro coraggio. Intorno al 25 novembre, in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, ci saranno altre rappresentazioni a Genova, Milano e Monza. A livello locale lo spettacolo verrà riproposto a Pietra Ligure e di nuovo Finale”. Lo spettacolo presenta le coreografie a cura della Compagnia di Espressione Corporea di Finale Ligure, diversi momenti musicali, canti e vocalizzi con la soprano Martina Galvagni, le cantanti Greta Dressino e Caterina Frauto, pezzi strumentali con il maestro Riccardo Pampararo alla chitarra classica, con Ubaldo Achiardi al violino, Nicola Viassolo e Alessandro Cara ai Sax, danze di Viola Dressino, Caterina Frauto, Cristina Frumento, Cristina Guidali, Marta Lanzini, Tiziana Lavezzaro, Milla Morotti e Arianna Vallarino.
CLAUDIO ALMANZI

Published by:

Quiliano: AgriGustaQuiliano, una rassegna di musica, gastronomia e vino

AgriGustaQuiliano: rassegna di musica, gastronomia e vinoA Quiliano, piccolo borgo nell’entroterra savonese, il Comune, in collaborazione delle numerosi associazioni locali, organizza, nei giorni del 29-30-31 agosto e 1 settembre AgriGustaQuiliano 2013.

La rassegna AgriGustaQuiliano 2013, che si svilupperà in tre luoghi diversi, località Massapè,  Piazza della Costituzione e Villa Maria, è nata per far conoscere i prodotti locali ed ogni anno attira molti visitatori.

Tutte le sere saranno caratterizzate con degustazioni dei prodotti tipici locali e ristorazione a cura del settore Calcio della Polisportiva Quiliano e delle varie Società ed Associazioni Quilianesi, il tutto accompagnato dalla buona musica dal vivo. Durante la manifestazione, si potranno visitare varie mostre e i bambini potranno partecipare ai vari laboratori allestiti per l’occasione.

Ecco il programma:

Giovedì 29 agosto
Ore 18,00 Apertura stand vendita prodotti tipici
Ore 18,00 Sala Consiliare “I CONVEGNI DI AGRIGUSTA”:
Prospettive di sviluppo delle produzioni tipiche del quilianese
Ore 19,30 Apertura ristorazione
Ore 21,00 Concerto, musica dal vivo con: “ZIBBA E ALMALIBRE”
organizzato dalla Consulta Giovanile del Comune di Quiliano

Venerdì 30 agosto  Ore 18,00  Apertura stand vendita prodotti  tipici
Ore 18,00 Sala Consiliare “I CONVEGNI DI AGRIGUSTA”: parliamo di Prevenzione Comune – Un piano di emergenza partecipato per il Comune di Quiliano Ore 19,30 Apertura ristorazione Ore 21,00 Musica dal vivo con il gruppo: “IL TRIANGOLO”

Sabato 31 agosto Ore 10,00 Apertura stand vendita prodotti tipici
Ore 10,00 Fiera del bestiame, Esposizione macchine agricole, organizzate delll’Ass.ociazione Volontari Protezione Civile di Quiliano
Ore 10,00 “Cavalgiocare” bambini e cavalli a cura dell’Assoc. “Mucchio Selvaggio”
Ore 10,00/15,00 “Alla scoperta della fattoria” Laboratori didattici per conoscere gli animali organizzati dalla Consulta Giovanile del Comune di Quiliano
Ore 10,00/12,00 – 15,00/17,00 Concorso di disegno “Qua la zampa” Riservato a bambine/i della Scuola dell’Infanzia e Primaria
Ore 12,30 Apertura ristorazione
Ore 16,00 Sala Consiliare “I CONVEGNI DI AGRIGUSTA”: In occasione del 50° Anniversario di Fondazione della Mutua ed Ass. Zootecnica Intercomunale Quiliano-Vado Ligure-Bergeggi parliamo di:Allevamento e Agricoltura: quale futuro per il nostro territorio?
Ore 17,30 Premiazione Fiera del Bestiame
Ore 18,30 Villa Maria Premiazione Concorso di Arte Floreale
Ore 19,30 Apertura ristorazione
Ore 21,00 Serata danzante con “I SATURNI”

Domenica 1 settembre
Ore 8,00 Mercato ambulanti
Ore 10,00 Apertura “41a Rassegna del Vino Buzzetto
Ore 10,00 Apertura stand vendita prodotti tipici
Ore 12,30 Apertura ristorazione
Ore 17,00 Sala Consiliare “Dragoleo racconta…La leggenda della
Donaiola” Proiezione del video di animazione con la tecnica dello
stop-motion realizzato dai bambini della biblioteca
a cura della Bibliotecaria Cristina Sosio
Ore 17,30 Premiazione Concorso di disegno “Qua la zampa”
Ore 19,30 Apertura ristorazione
Ore 21,00 Serata di rock italiano con il gruppo musicale “DIRTY BLONDE”

 

Published by: