Informativa breve sui cookie

Brisighella, un borgo scavato nel gesso

Comment

Emilia Romagna
download-7

 

Brisighella, in Emilia Romagna, è uno dei cento borghi più belli d’Italia e conserva l’unica strada sopraelevata del nostro Paese. E’ un luogo incantato che si trova nella suggestiva della Valle del Lamone, a breve distanza da Faenza. La visita a Brisighella è molto interessante per i suoi antichi monumenti, per il paesaggio, i prodotti dell’enogastronomia e le opportunità di divertimento.

Brisighella, i monumenti

Brisighella è uno dei cento borghi più belli d’Italia. Incastonato nel meraviglioso Appennino tosco-romagnolo, è un borgo antico che ha conservato molte delle sue peculiarità intrinseche, come le mura medioevali e le stradine strette e tortuose. Brisighella è conosciuta per la sua preziosa ed antica strada rialzata, detta degli asini. E’ l’unico esempio rimasto in Italia di una strada sopraelevata e dotata di archi, adibita a luogo di sosta per gli animali impiegati per trasportare il gesso e gli altri materiali. In centro si possono ammirare molti palazzi nobiliari e le tipiche scalinate ricavate da gesso. Un edificio di grande valore è la pieve romanica, intitolata a San Giovanni in Ottavo il cui impianto originale risale all’VIII secolo.

Il borgo è accoccolato ai piedi di tre promontori dove si trovano la torre dell’orologio e l’imponente rocca Manfrediana. La torre dell’orologio sorge su un sistema difensivo di epoca medioevale e a metà del 1800 è stata dotata di un orologio. La rocca Manfrediana Brisighella, fatta costruire dai signori di Faenza nel 1310, era costituita da una torre detta torricino. Nel corso del tempo, è stata ristrutturata, adattata a nuove esigenze e dotata di un torrione. Dalla rocca Manfrediana, visitabile, si gode di uno spettacolo da sogno su Brisighella ed il territorio limitrofo; può essere raggiunta sia in macchina che a piedi.

Brisighella, le attività

Nei pressi di Brisighella meritano una visita il bel santuario settecentesco del Monticino, la grotta Tanaccia e Faenza, conosciuta a livello universale per la raffinata produzione di ceramiche.

Il borgo è inserito nel Parco regionale della vena del gesso e nelle Terre di Faenza che offrono eventi ed occasioni per scoprire l’Appennino tosco-romagnolo. All’interno del Parco regionale si possono praticare molte attività sportive, come per esempio l’ippica e la bicicletta.

L’enogastronomia del borgo di Brisighella è molto varia e comprende la lavorazione delle carni, in particolare della pregiata Mora romagnola e dell’olio extra vergine d’oliva. La produzione vinicola di Brisighella è valorizzata dalla Strada del Sangiovese e comprende molti vitigni di grande valore.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>