Informativa breve sui cookie

Bortigali: 18 e 19 giugno arriva Primavera nel Marghine

Comment

turismo
Nuraghe Orolo

Due giornate ricche di tradizioni, cultura, delizie gastronomiche e… primati!

Il paese dei record che possiede il maggior numero di architravi aragonesi, ha dato i natali alla prima cooperativa della Sardegna nel 1907 e dove è nata la prima radio libera d’Italia – ospiterà il 18 e 19 giugno prossimi, una serie di eventi di spicco in occasione dei quali artigiani, operatori culturali e produttori enogastronomici locali illustreranno i loro antichi saperi.

La due giorni – patrocinata dal Comune di Bortigali, dall’ASPEN e dalla Pro Loco di Bortigali – si aprirà con l’interessante convegno riguardante il comparto del bovino da carne in Sardegna: Bortigali ha recentemente ottenuto il marchio CE sulla cordula.

Il paese comincerà ad animarsi dalla mattina del sabato, coinvolgendo gli ospiti nei numerosi laboratori di cestini in asfodelo, filet, rodansas, coltelli e ferro battuto e dove si assisterà alla lavorazione dei pani tradizionali.

Bortigali è anche un paese ricco di storia e fascino antico, così le associazioni che operano sul territorio non mancheranno di accompagnare i visitatori ai siti di maggior interesse culturale e naturalistico: al rifugio antiaereo – in passato sede di “Radio Sardegna” (prima radio al mondo ad aver annunciato la fine della Seconda guerra mondiale) che per l’occasione verrà riaperta al pubblico con una mostra di radio d’epoca e dove verrà proposta una trasmissione a cura del circolo “Amateur Radio Society” di Sassari -; all’affascinante centro storico dove, oltre all’antica fontana del paese (Funtana Etza), si potranno ammirare gli architravi aragonesi; alle chiese delle confraternite San Palmerio, Il Rosario e Santa Croce, la parrocchiale Santa Maria degli Angeli in cui sono custoditi i preziosi Argenti sacri e il Retablo del Maestro di Ozieri e la chiesa scavata nella roccia di S. Antonio; all’Etno-Casa Museo dove è ricostruita in maniera dettagliata la tipica casa bortigalesa; al Mulino ad acqua di Borgusada e ultima – ma non meno importante – alla perla locale rappresentata dal nuraghe di Orolo, tra i pochi in Sardegna ad avere la scala in senso antiorario.

Le vie saranno animate dalla Sfilata di Cavalieri e Dame e gli operatori ippici locali saranno felici di far sperimentare ai visitatori il Battesimo della sella con cavalli e pony. In contemporanea, per le vie del paese, saranno aperti gli stand dei mercati bortigalesi, dedicati ai saperi e ai sapori locali. Non mancheranno le degustazioni guidate dell’olio extravergine di oliva e dei formaggi pecorini e vaccini.

Quella di domenica sarà una giornata all’insegna dei record: Bortigali tenterà di scippare a Ittiri il primato della cordula più lunga. In associazione con tale evento si terrà il Primo Concorso Gastronomico a premi con ricette a base di cordula. Tutte le strutture di ristorazione locali proporranno, oltre alla cucina tipica, piatti del giorno a base di cordula, piedini d’agnello e animelle.

Bortigali ha pensato anche agli sportivi e, nella giornata di domenica, ci sarà l’imbarazzo della scelta tra la passeggiata ecologica in mountain bike (Bortigali-Orolo-Mulargia), il torneo di calcetto “della Solidarietà”, l’esibizione degli Arcieri del Marghine e quella degli atleti di Parapendio e Deltaplano con la possibilità – per i più spericolati – di effettuare voli in biposto con l’istruttore dall’unica rampa di volo a distanza della Sardegna conosciuta e frequentatissima dai turisti di tutto il mondo. Per chi volesse prendersela con più calma sono invece previste passeggiate con il Carro a Buoi tradizionale e il tour in carrozza “A spasso con la carrozza del Sarcidano”.

I due giorni di festa saranno alliettati dall’esibizione delle Corali Polifoniche, Cuncordos e dei Tenores di Bortigali e dai canti itineranti a chitarra accompagnati dalla fisarmonica.

Primavera nel Marghine a Bortigali avrà anche il suo angolo letterario con l’autore Giovanni Gelsomino che insieme a Salvatore Corveddu illustreranno il popolare libro “Fabrizio de Andrè e l’isola paradiso”, accompagnato dall’esibizione dei Dual Mode.

Impreziosirà la serata la presenza di Cristina Caboni – l’autrice del bestseller “La Custode del miele e delle api” – che ha conquistato la vetta delle classifiche italiane e straniere e che dialogherà con Mario Sanna. Con l’occasione ci sarà una simpatica degustazione di mieli locali.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>