EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Alghero la città catalana di Sardegna

1 Reply

Sardegna

Alghero sorge in un’incantevole posizione sopra un breve promontorio a dominio dello splendido Golfo del Corallo.

 Alghero conserva il suo nucleo antico, con pittoresche viuzze e mura e bastioni che raccontano la sua lunga storia. Antichi palazzi spagnoli che si affacciano su verdi piazze, la cattedrale in stile gotico-aragonese, le chiese barocche, il lungomare e una miriade di negozietti caratteristici di artigianato dove potrete trovare souvenir preziosi, di corallo e filigrana, o semplici conchiglie di mare. A seconda dei gusti, Alghero può offrire una serata rilassante, per chi ha bisogno di tranquillità e allo stesso tempo eccitante, per chi vuole divertirsi e seguire i ritmi frenetici della vita notturna ballando fino a tarda notte.

E’ dall’imbrunire che Alghero assume quella atmosfera particolare annunciata dal meraviglioso tramonto sul golfo. Il paesaggio notturno, ricco di luci soffuse, fa da cornice al centro storico, che, come in un unico locale all’aperto, ospita gli innumerevoli turisti mentre consumano i loro aperitivi lungo i bastioni con il riflesso della luna e la brezza del mare.

Si può continuare la serata scegliendo tra i ristoranti all’aperto per poi proseguire con un giro dei locali in attesa della mezzanotte. La tradizione culinaria di Alghero ha conservato nei secoli i sapori e le abitudini della più antica e semplice cucina mediterranea. Piatti colorati, vivacizzati dalle tonalità dei frutti e delle verdure di stagione, dove alla genuinità e semplicità delle antiche ricette proprie della Sardegna, si alternano variazioni  che uniscono la tradizione marinara con quella agropastorale

Da non trascurare ed interessantissima la gita per mare, in battello, alla grotta di Nettuno. All’interno della grotta, scavata in milioni di anni dall’acqua dolce, si trova il laghetto La Marmora: colonne colossali di stalattiti e stalagmiti emergono e creano uno scenario fantastico e di estrema suggestionalità. Si giunge poi ad una piccola spiaggia dove un tempo vivevano le foche monache.

A voi viaggiatori intelligenti e curiosi, che non volete limitarvi ad ammirare e godere la stupefacente bellezza del mare e delle terre sarde, ma desiderate conoscere l’anima della Sardegna si può certamente consigliare di assistere a qualcuna delle numerosissime feste popolari che affondano le radici nel movimentato passato dell’Isola, oppure passeggiare tra le bancarelle dei mercati rionali e ancora andare per fiere, alla ricerca dei prodotti tipici. Le molte manifestazioni estive sono occasioni speciali che consentono, a chi non può dedicare molto tempo a visitare i luoghi più interessanti della Sardegna, di osservare più da vicino quanto sia forte e vivo l’attacamento sardo alle tradizioni.


1 comment

  1. Pingback: Alghero: per Capodanno special Guest i Negrita | Mediterranews

Leave a Reply