EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Daily Archives: September 24, 2013

Terza edizione della Sagra della nocciola a Giffoni Sei Casali (Salerno)

Terza edizione della Sagra della nocciola a Giffoni Sei Casali (Salerno)Dal 26 al 29 settembre a Giffoni Sei Casali, nel casale Prepezzano,  si terrà la terza edizione della Sagra della Nocciola: In primis et ante omnia propiciani nuceola – l’IGP tra modernità e tradizione.

La manifestazione si fonda sulla straordinaria energia dell’Associazione Giovanile San Nicola di Prepezzano, che pone l’accento sull’abbinare modernità e tradizione con i sapori moderni e tradizionali. Verranno proposte specialità che utilizzano la nocciola di Giffoni, una delle varietà italiane più pregiate in assoluto, non solo nelle antiche ricette della tradizione che vedono il frutto impiegato soprattutto nella pasticceria artigianale, con crespelle, torte alla nocciola, la famosa “coccarda”, il liquore, il caffè, le nocciole tostate e i gustosi gelati, ma propone spunti anche per le ricette moderne, realizzando antipasti, sedani al pesto di nocciole, spezzatino alla crema di nocciole, ricotta di bufala con miele e nocciole, “o’ cas’cavall’ ‘mpiccat pe’ nucelle”, crema di nocciole e tanto altro”.

Durante la Sagra, oltre ad intrattenimenti musicali della tradizione campana, si potranno degustare dolci, piatti insoliti e tante sorprese eno-gastronomiche che sicuramente soddisfaranno i palati di tutti.

Programma:
Giovedì 26:  la notte della taranta
Venerdì 27: tammurriata e posteggia
Sabato 28:  spettacoli per bambini- silvestro folk
Domenica 29: raduno auto e moto d’epoca, musica dal vivo con I Castellani e spettacolo pirotecnico
Costo della cena  della sagra: 8.50 euro
Ingresso libero

Published by:

Festival del Tango di Sanremo

Festival del Tango di SanremoLa quinta edizione del Festival del Tango di Sanremo che si svolgerà dal 4 al 6 Ottobre 2013, è un’edizione all’insegna  dell’energia, dell’amicizia  e di una precisa volontà di rilettura della storia e dell’identità del tango argentino contemporaneo.

Il Festival del Tango di Sanremo si manifesta in tutta la sua armonia e con un cast di artisti e locations prestigiose che connotano l’eccellenza di un made in Italy già famoso nel mondo. Un cast che regalerà a chi desidera perfezionarsi  stages di didattica totale – negli  aspetti complementari di tecnica e dinamica del tango –  ed esibizioni con coreografie totalmente inedite per chi desidera sorprendersi.

Programma:
VENERDI 4 OTTOBRE
18.00/19.30 Stage con i maestri presso le sale del Nyala Suite Hotel
dalle ore 22.30 Una Milonga de Bienvenida che resterà nella storia presso il Roof del Teatro Ariston con esibizioni delle coppie di Maestri Milena Plebs e Demián García e di un’altra coppia straordinaria che sveleremo a breve.
TJs Robby e Dj Gus
Ingresso € 20,00

SABATO 5 OTTOBRE
14.00/19.00 Stage con i Maestri presso le sale del Nyala Suite Hotel
dalle ore 22.00 Milonga de Gala presso il Roof del Teatro Ariston con le incredibili emozioni che ci regaleranno Pablo Veron e la sua nuova ballerina con coreografie inedite e con l’energia di Gisela Natoli e Gustavo Rosas
TJs Sergio Piscitello e Marcelo Rojas
Ingresso € 20,00

DOMENICA 6 OTTOBRE
14.00/19.00 Stage con i Maestri presso le sale del Nyala Suite Hotel
19.30/24.00 Aperitango de Despedida presso il Nyala Suite Hotel
TJs Celine Deveze, Hugo e Mati
Ingresso € 16,00 con apericena

Organizzatore:
Stefania Bertini

Sito Web: http://http://festivaldeltango.it/ 
Email: info@edure.it 

Telefono: 0102470855

Published by:

A Millesimo (Savona) per festeggiare Sua Maestà il Tartufo

A Millesimo (Savona) per festeggiare Sua Maestà il TartufoGastronomia, botteghe artigiane, spettacoli itineranti e musica, animeranno Millesimo, paese nell’entroterra di Savona, per la tradizionale Festa del Tartufo, il preziosissimo e gustosissimo prodotto del sottobosco.

Da venerdì 27 a domenica 29 settembre sarà offerto un programma vario e ricco di appuntamenti con  musica dal vivo, animazioni per bambini e mostre di pittura, ceramica e opere dei maestri vetrai di Altare. Per tutta la durata della manifestazione, in piazza Italia e nel centro storico sarà allestito il mercato del tartufo e dei prodotti tipici della Val Bormida: i salumi crudi come ad esempio le frizze o grive (tipico salume locale, composto da frattaglie di fegato di maiale, salsiccia e bacche di ginepro); la giuncata ( tipo di ricotta fatta con latte di pecora), la tira (pasta di pane farcita con salsiccia e cotta in forno, secondo antiche tradizioni) sciaccarotti e fazzini (pasta da pane cotta in un particolare modo e condita con sugo di pomodoro, o basilico e aglio). Per chi volesse anche addolcirsi il palato, si potranno gustare i  Millesini al Rhum, dolci tipici locali confezionati con cioccolato e liquore. Verrà anche allestita, nella piazza principale, una tartufaia per la ricerca simulata della trifola.

Nella mattinata di sabato vi sarà la sfilata delle Majorette Happy Blue di Coazze, accompagnate dalla banda musicale Pizzorno; mentre in quella di domenica si esibiranno gli sbandieratori del Gruppo Storico Fivizzano. Sempre domenica, alle 23.00, vi sarà  un grande spettacolo pirotecnico.

Gli stand gastronomici sono aperti tutti i giorni fino alle ore 22.00. Sarà a disposizione, per i visitatori, un bus navetta dai parcheggi auto.

Per il programma dettagliato della manifestazione, cliccare qui

Published by:

“Polenta oro in tavola””, Stra dal 4 al 6 ottobre

 “Polenta oro in tavola””, Stra dal 4 al 6 ottobre “Polenta oro in tavola””,  si svolgerà a Stra, nel parco di villa Loredan, dal 4 al 6 ottobre. Un weekend per scoprire le mille qualità dell’alimento più rappresentativo della cultura contadina veneta e padana.

Programma: Sarà allestita una piccola mostra con le migliori farine del nord Italia “Polente d’Italia”, per scoprirne la storia e le loro caratteristiche organolettiche e gastronomiche.  Confermato l’allestimento di un mercatino “Polenta & Company” con la presenza di aziende produttrici di farine da polenta, prodotti derivati dal mais, e alimenti da abbinare con la polenta ( formaggi, salumi, funghi, sughi ecc. ). Venerdì 4 ottobre apertura con la cena a tema “Polenta piatto da Re”, organizzata dalla Pro Loco Pisani in collaborazione con lo chef Alcide Candiotto. Ci sarà un ricco stand gastronomico dove si potranno gustare piatti della tradizione veneta, abbinati alle “vere” polente venete   ma anche Trentine, Friulane, Lombarde e Piemontesi. Lo stand gastronomico sarà attivo nelle giornate di sabato e domenica.

Confermata anche quest’anno la mostra micologica abbinata al III° Concorso per cercatori di funghi “Emozioni del Bosco”, coordinato dal Gruppo Micologico di Mirano, promossa ed organizzata con il gruppo “Amici di Mario Paolino Carraro”. Nel pomeriggio di domenica: spettacoli, balli e canzoni popolari. E ancora l’esposizione di trattori e macchinari d’epoca e le dimostrazioni dei lavori manuali dei contadini.

Published by:

Biella Parte “Piazzo Perosi” 27- 29 settembre, un weekend d’incontri e dibattiti

Biella Parte "Piazzo Perosi" 27-29 settembreBiella dal 27 al 29 settembre darà il via alla prima edizione di “Piazzo Perosi”, manifestazione, organizzata dall’Accademia Perosi di Biella con la direzione scientifica di Alberto Sinigaglia. “Piazzo Perosi ” proporrà un weekend d’incontri e dibattiti su temi cruciali dell’economia, della società, dell’arte, della letteratura, della musica, del gusto, con uno sguardo sul modo di fare cultura in Europa e nel mondo angloamericano.

Si alterneranno protagonisti dell’economia, della cultura, della politica e tra gli ospiti anche il giornalista televisivo Gad Lerner che la mattina di domenica 29 settembre accompagnerà il pubblico in un viaggio tra le culture mediterranee.

Ogni giornata sarà preceduta da un forum gestito e organizzato dalle principali testate giornalistiche biellesi e piemontesi: “La Nuova Provincia di Biella”, “l’Eco di Biella”, “Il Biellese”, e “La Stampa” che chiuderà la manifestazione domenica 29.

Published by:

Molveno svago e relax nel Parco Naturale Protetto Adamello-Brenta

 Molveno svago e relax nel Parco Naturale Protetto Adamello-Brenta Il Parco Naturale Adamello-Brenta è la più vasta area protetta del Trentino. E’ interessato dalla presenza di oltre 80 laghi e dal ghiacciaio dell’Adamello, uno dei più estesi d’Europa. L’area è frequentata da appassionati di sport invernali. Dal passo del Grosté, che culmina a 2438 m (si accede in teleferica e poi a piedi), godrete di un panorama a 360° sul massiccio del Brenta.

La componente faunistica del Parco Adamello Brenta è tra le più ricche dell’arco alpino, comprendendo tutte le specie montane, ivi inclusi lo stambecco e l’orso bruno.

Nel Parco Adamello foreste e prati, frutti di bosco e fiori già quasi introvabili, migliaia di insetti, pesci, uccelli e animali, la cui vita ha un ruolo determinante per gli equilibri biologici del parco e della Terra, hanno sempre più bisogno di essere salvaguardati e protetti. Il massiccio delle Dolomiti di Brenta con cime che superano i 3000 metri, teatro della storia dell’alpinismo e frequentato dai piè forti scalatori di ieri e di oggi; su queste cime e pareti dolomitiche hanno tracciato itinerari scalatori mitici .

 Molveno  è una rinomata stazione turistica, a quota 864 metri sul livello del mare, sulle rive dell’omonimo lago e ai piedi del Gruppo Brenta. Il suo lago ha una fauna ittica molto ricca, con un’habitat naturale per il pesce persico, il salmerino, la trota mormorata la carpa e il luccio. Oltre al lago naturale più profondo del Trentino, premiato da Legambiente con le cinque vele per il suo pregio naturalistico e il contesto ambientale, il massiccio delle Dolomiti di Brenta con cime che superano i 3000 metri è l’altro elemento di richiamo.

 Molveno dispone di numerose strutture  in grado di soddisfare le aspettative di una vasta utenza in tema di prestazione di servizi accessori e complementari tipici della vacanza, animazione e di intrattenimento, gli impianti  sportivi come la piscina ludica per i bimbi e quella olimpionica ed altre opportunità   si svago e relax. Un comodissimo Skibus gratuito a partire dal 18 dicembre accompagnerà   direttamente al vicinissimo comprensorio sciistico della Paganella, che offre 60 Km di piste perfettamente innevate e di ogni difficoltà  .

Published by:

A Genova, girando per i “caruggi”

A Genova, girando per i "caruggi"Genova, la città della Lanterna, il cui golfo ospita uno dei più grandi porti italiani. Oltre al suo famoso Acquario, incastonato nella pittoresca cornice del Porto Antico, nasconde molti tesori da scoprire.

Nella zona vecchia troviamo palazzi rinascimentali e barocchi, chiamati Rolli, un tempo residenza delle famiglie nobili genovesi, come gli Spinola, i Grimaldi, i Doria , tanto per citarne alcune. Ma quello che da fascino a Genova, sono i caruggi, un dedalo di vicoletti stretti, botteghe e stupende piazzette, che si diramano nell’antica zona portuale, dove si respira il profumo intenso della focaccia appena sfornata, di pesto e di carni, che si mischia con l’odore salino del mare.

Molti dei caruggi sono stati restaurati e riqualificati, mentre in altri è rimasta intatta l’atmosfera di  antica repubblica marinara. Percorrendo questi vicoli e piazzette si possono ammirare  portici medievali, chiese ricche di capolavori dal Romanico al Rococò, botteghe d’antiquari,  gallerie d’arte ed edicole barocche sormontate da statue della Vergine e dei santi, veri gioielli d’arte.

Lungo i caruggi si affacciano anche 21 botteghe storiche, censite e catalogate che fanno parte del patrimonio storico commerciale ed artigianale di Genova, tra cui caffè, confetterie, farmacie, drogherie, macellerie e altri negozi ancora. Vi è pure un vicolo divenuto celebre grazie ad una canzone di Fabrizio De Andrè a cui genova a dato i natali: Via del Campo. Qui, al numero 29, si affacci un piccolo museo-negozio dedicato al famoso cantautore genovese, dove si possono trovare dischi, musica, fotografie e altro ancora a lui dedicate e dove si respirar ancora l’aria e le atmosfere intense che hanno ispirato canzoni come Bocca di Rosa o Creuza de ma‘.

Per finire questa passeggiata, non si può perdere la visita all’imponente cattedrale di San Lorenzo, costruita tra il X e il  XIV secolo, e a Palazzo Ducale, l’antica residenza dei Dogi, diventata, oggi, la sede principale di grandi eventi. Qui  dal 6 novembre prossimo, si  terrà una mostra dedicata a Edvard Munch, pittore norvegese dei primi del ‘900.

Published by: