EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Daily Archives: September 23, 2013

Festival della Canzone Romana: ricordando Franco Califano

Festival della Canzone Romana: ricordando Franco CalifanoSegnato dalla perdita di un grande amico e assiduo frequentatore della rassegna, quest’anno il Festival della Canzone Romana, giunto alla ventitreesima edizione, sarà dedicato all’indimenticabile Franco Califano.

Domenica 6 ottobre 2013 al Teatro Olimpico di Roma dalle ore 18 avrà luogo la finale della prestigiosa iniziativa ideata da Lino Fabrizi nel 1991, intesa a valorizzare il patrimonio della romanità in musica attraverso un concorso aperto a compositori, autori e interpreti di questo genere musicale. Coadiuvato nell’organizzazione da Maurizio Fortini, Fabrizi ha voluto per questa edizione premiare la tradizione, invitando un nutrito parterre di artisti che hanno lasciato nelle proprie canzoni indimenticabili ed inequivocabili i segni del loro talento ed orgoglio romano.

Tra questi, avremmo il piacere di vedere sul palcoscenico Lando Fiorini, Edoardo Vianello, i Cugini di Campagna, Giorgio Onorato, Alberto Laurenti, Paolo Gatti, Maurizio Fortini con I Musici Romani, insieme anche alle azioni coreografiche folcloristiche compiute dal balletto della Crazy Gang. Andrà così in scena la Roma folkloristica delle carrozzelle, dei tramonti e le fontane, ma anche quella quotidiana, con i suoi crucci e le sue storie d’amore, oltre ad un omaggio speciale compiuto al Maestro Califano che proprio sullo stesso palco un anno fa si esibì in particolari “chicche” del suo storico repertorio.

La direzione artistica del festival è curata da Edoardo Vianello, artista che – secondo i dati forniti dalla SIAE – ha superato la soglia dei 50 milioni di dischi venduti in tutto il mondo e che ha rilanciato la canzone romana proprio con i testi elaborati insieme a Franco Califano per i Vianella: al Califfo dedicherà una piccola finestra di canzoni in comune nonché l’interpretazione del primo brano in assoluto scritto insieme: Da molto lontano.

L’evento, presentato dal giornalista Stefano Raucci e dalla showgirl Loretta Rossi Stuart, vedrà accedere sul palco i tre finalisti del concorso, che quest’anno sono Isabella Alfano, il duo Alex e Miriam e Simone Meschini.

Nel corso di oltre un ventennio, il Festival della Canzone Romana ha visto succedersi artisti come Renato Zero, Nino Manfredi, Carlo Verdone, Franco Califano, Gabriella Ferri, Giancarlo Magalli, Michele Mirabella, Enzo Salvi, Lando Fiorini, Enrico Brignano, Mario Scaccia, Isa Di Marzio, Fiorenzo Fiorentini, Gigi Sabani,Sergio Centi,La Sora Lella Fabrizi, Luciano Rossi, Rodolfo Laganà, I Vianella, Bobby Solo, Mal, Tony Santagata, I Cugini di Campagna, Stefano Masciarelli, il Maestro Stelvio Cipriani, Manuela Villa, Giorgio Onorato, La Schola Cantorum, I Baraonna, Stefano Rosso, Alfiero Alfieri, Alba Parietti, Mita Medici, Pamela Prati, Milena Miconi, Nadia Bengala, Loretta Rossi Stuart, Alberto Laurenti, la Crazy Gang, Francesco Vergovich, Stefano Raucci, Angelo Blasetti e tanti altri. La continuità di questa manifestazione, portata avanti con dedizione e passione, è un significativo esempio di come sia necessario diffondere e proseguire un percorso storico attraverso un’antologia di brani, dedicati o ambientati a Roma, che spazia dal 1800 ai giorni nostri.

Published by:

I Primi d’Italia, Foligno 26-29 settembre 2013

I Primi d’Italia, Foligno 26-29 settembre 2013I Primi d’Italia, Foligno 26-29 settembre 2013, il festival nazionale per la valorizzazione dei primi piatti di qualità : pasta, riso, zuppe, polenta, ogni anno nel centro storico di Foligno.

I Primi d’Italia – Festival Nazionale dedicato al mondo dei primi piatti, si svolge nel centro storico di Foligno ed è alla sua XV° edizione. Villaggi del Gusto, corsi e lezioni di cucina, grandi chef, mostre e mercati, personaggi famosi, prodotti tipici e d’eccellenza per una quattro giorni all’insegna di pasta, riso, gnocchi e zuppe.

L’intero centro storico sarà animato dalla kermesse della cultura alimentare italiana dove vi aspetta un universo di degustazioni. I Primi d’Italia è organizzato dalla società Epta-Confcommercio di Perugia.

ORARI DEL FESTIVAL

Giovedì 26 settembre        16:00-23:00

Venerdì 27 settembre        16:00-23:00

Sabato 28 settembre         10:00-23:00

Domenica 29 settembre     10:00-21:00

Per ulteriori informazioni:

Epta Confcommercio

Tel. 075 5005577

Fax. 075 5009990

info@eptaeventi.it

Published by:

Sagra della scottona di razza romagnola a San Colombano di Meldola

Sagra della scottona di razza romagnola a San Colombano di Meldola Sagra della scottona di razza romagnola, dal 26 al 29 settembre 2013 a San Colombano di Meldola (FC)

Sagra della scottona di razza romagnola IGP di San Colombano di Meldola è veramente da non perdere. Nello splendido borgo emiliano San Colombano di Meldola (FC) si celebra un appuntamento imperdibile per l’ enogastronomia dell’ Emilia Romagna.

La Scottona  è una giovane mucca macellata durante la piena crescita ormonale, senza che abbia mai figliato; questo perché leggi europee vietano l’utilizzo di ormoni nell’ allevamento degli animali. La Scottona rappresenta quindi un metodo elegante di avere carni di qualità senza usare ormoni estrogeni.

Questa sagra è una grande opportunità per riscoprire antichi profumi e sapori di piatti genuini, un tempo considerati poveri, in parte dimenticati come i bolliti misti, i bocconcini di spezzatini la pancia arrotolata e i bolliti misti. Inoltre si potranno degustare tantissime specialità a base di Scottona, le tagliatelle al ragù di scottona, i cappelletti in brodo, le costate e le succulenti fiorentine.

Published by:

Festa dello Speck Alto Adige a a Santa Maddalena in Val di Funes

Festa dello Speck Alto Adige a a Santa Maddalena in Val di FunesDal 5 al 6 ottobre 2013, a Santa Maddalena in Val di Funes, si festeggerà l’indiscusso protagonista della cucina sudtirolese: lo speck .

A Santa Maddalena in Val di Funes, delizioso paese ai piedi delle Odle, si ripeterà anche quest’anno la tradizionale ed attesa Festa dello Speck Alto Adige. Per due giorni ospiti italiani e stranieri potranno festeggiare, divertirsi stando insieme e degustare prelibatezze a base di speck, immersi in uno dei più affascinanti paesaggi alpini dell’Alto Adige.

Il momento principale della tradizionale Festa dello Speck sarà rappresentato dalla sorpresa che ha come protagonista proprio lo speck. Oltre ai tradizionali piatti a base di Speck Alto Adige IGP, l’evento offrirà anche pane fragrante, un mercato di prodotti contadini, giochi per i bambini e tanta musica.

La festa nasce da un’iniziativa comune dell’Associazione Turistica Val di Funes, del Consorzio Speck Alto Adige e dell’EOS – Organizzazione Export Alto Adige della Camera di commercio di Bolzano, ed è supportata da tutte le associazioni della vallata. Il programma dettagliato dell’evento è reperibile alla pagina web www.speckfest.it. Programma: Sabato, 5 ottobre 2013 | dalle ore 10 alle ore 20 ore 10.00: Inizio della festa ore 12.00: Inaugurazione ore 14.00: Musica e spettacolo folcloristico con i “Villnösser Schuhplattler” ore 18.00: Finale musicale Tutto il giorno Speck-Cinema, mercato contadino, artigianato tipico locale, degustazione di speck, animazione per bambini a tempo pieno e molto altro… Entrata libera Domenica, 6 ottobre 2013 | dalle ore 10 alle ore 20 ore 10.00: Inizio della festa ore 12.00: Distribuzione dei pezzi di speck tramite le Regine dello Speck degli ultimi anni, sessione di autografi con le Regine dello Speck ore 15.00: Concerto della banda musicale Val di Funes ore 17.30: Finale musicale Tutto il giorno Speck-Cinema, mercato contadino, artigianato tipico locale, degustazione di speck, animazione per bambini a tempo pieno e molto altro Entrata: 6,00 euro per adulti Per bambini sotto i 14 anni l’entrata è gratuita. Organizzatore: Associazione turistica Val di Funes, Consorzio Speck Alto Adige, EOS Sito Web: http://www.speckfest.it  Email: info@speck.it  Telefono: 0471945750 Manifestazione all’aperto

Published by:

A Nissoria “Ottobrata Nissorina”, rassegna enogastronomica dell’entroterra Siciliano

A Nissoria "Ottobrata Nissorina" rassegna enogastronomica dell'entroterra SicilianoNissoria, piccolo centro dell’entroterra siciliano, in provincia di Enna, la cittadina sorge sulla strada che collega Catania e Palermo, ogni anno si celebra la Ottobrata Nissorina. Quest’anno  dal 06 al 29  ottobre l’ ttobrata Nissorina vi attende con tante sagre alla riscoperta dei sapori della tradizione Enogastronomica del entroterra Siciliano. Tutte le domeniche di ottobre 4 sagre con degustazione dei prodotti tipici locali 

Programma:
domenica 6 sagra del coniglio selvatico e degustazione do spaghettu co sugu di cunignu
domenica 13 Sagra della pecora degustazione della ricotta e della “pecura vugnuta”
domenica 20 Sagra del maiale degustazione del rè della cucina “u porcu” con salumi e carne grigliata
domenica 29 Sagra del olio Extra vergine D’oliva d.o.p delle colline incontaminate ennesi con degustazione delle bruschette …… tutte le domenica musica ballo cabaret ..fiera dei prodotti tipici ed artigianato locale fiera di bricolage e prodotti per la casa

Organizzatore:
nysura eventi

Sito Web: http://www.nysura.it
Email: ccpn79@hotmail.com

Telefono: 3881106357
Manifestazione all’aperto

Published by:

Pantelleria, un paesaggio lunare al profumo di Zibibbo

Pantelleria: terra di capperi e zibibboPantelleria, un’affascinante isola del Mediterraneo. Aspra e selvaggia con giardini arabi che si alternano a vigneti e fiori di capperi e  meta ideale per una vacanza settembrina.

Sull’isola di Pantelleria, costantemente baciata dallo scirocco, il nero della terra, che denota la sua origine vulcanica, contrasta con i colori vividi delle bouganville, delle ginestre e il verde dei vigneti. La costa di Pantelleria nasconde  bellissime calette, che si aprono ad anfiteatro su un mare azzurro e cristallino: la stupenda Cala Levante e il suo roccioso Arco dell’Elefante; Cala Tramontana; Cala Cinque Denti; Punta Spadillo, un promontorio roccioso che nasconde due gioielli unici: la piscina naturale delle Ondine e il magnifico Specchio di Venere, un laghetto di acque termali e sulfuree. Questa vulcanicità la si può anche ammirare dalle emissioni di vapore che escono dalle spaccature del terreno o dalle pareti delle grotte costiere, oppure raggiungendo a piedi la cima della Montagna Grande, un antico cratere vulcanico  puntellato da coni vulcanici e crepacci da dove fuoriescono vapori bollenti, soffioni e sorgenti d’acque termali.

Pantelleria è famosa anche per le sue colture, retaggio della dominazione araba. Su terrazze  ricavate da muretti in pietra, si coltiva il cotone, l’ulivo e l’uva, dalla quale si produce un vino passito molto rinomato: lo Zibibbo. L’influenza araba  la si nota anche dai dammusi , costruzioni in pietra lavica con il tetto a cupola, molti dei quali sono stati trasformati in caratteristici e affascinanti resort.

La sua gastronomia dell’isola regala i  ravioli amari, ripieni di ricotta e foglie di menta, il pesto di Pantelleria, fatto col pomodoro crudo, olio d’oliva, aglio, basilico e peperoncino; il Couscous di pesce accompagnato da verdure e legumi; la Cuccurummà con le buonissime zucchine locali e i famosi capperi, condimento ideale per le insalate con la delicatissima Tumma, un formaggio fresco locale e il profumatissimo origano. Delle vere lecornie sono i dolci pasquali di tradizione araba, come il Cannateddro e la Mustazzola, una sfoglia ripiena di un impasto di semola, miele o vino cotto, cannella, scorza d’arancia candita e spezie. In ultimo il pesce, che cucinato alla griglia è una vera bontà.

Published by: