EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Daily Archives: September 4, 2013

Viaggi di nozze 2013: una coppia su tre sceglie gli Stati Uniti. In crescita le richieste per sposarsi all’estero

iaggi di nozze 2013: una coppia su tre sceglie gli Stati Uniti. In crescita le richieste per sposarsi all'esteroIn una spiaggia caraibica o in una cappella di ghiaccio, a Disneyland o in un sottomarino, nel Gran Canyon o tra le rovine Maya:  la nuova tendenza è sposarsi in luoghi da favola. Risparmiando.

 Abbinare il viaggio di nozze con un matrimonio da sogno, magari organizzato su una spiaggia da cartolina, in una cappella di ghiaccio o addirittura in compagnia di Minnie e Topolino. È la tendenza 2013 evidenziata da CartOrange – Viaggi su misura, realtà della vendita diretta nata nel 1999 che ha fatto dei viaggi di nozze il proprio core business, grazie a più di 400 Consulenti per viaggiare in tutta Italia. «Registriamo un aumento di richieste per sposarsi all’estero, abbinando matrimonio e luna di miele – afferma l’amministratore delegato di CartOrange, Gianpaolo Romano -. Circa una coppia su dieci tra quelle che si rivolgono ai nostri Consulenti per viaggiare valuta la possibilità di pronunciare il fatidico “sì” in luoghi da sogno, come i parchi Disney o le spiagge caraibiche».

Sposarsi all’estero è una consuetudine consolidata in molti Paesi, mentre in Italia è una tendenza che sta prendendo piede solo negli ultimi anni. I motivi sono diversi: «Per molte coppie si tratta del coronamento di un sogno in un luogo speciale, senza dover rinunciare a nessun dettaglio: fiori, servizio fotografico, banchetto – afferma Romano -. I costi, ovviamente, dipendono dalle richieste degli sposi, ma di solito sono molto ridotti rispetto a una cerimonia “tradizionale”. Anche per questo motivo sempre più coppie prendono in considerazione questa alternativa al matrimonio tradizionale, anche se di fatto le proposte che si concretizzano sono molte meno, all’incirca una su cento. Si tratta tuttavia di un fenomeno in forte aumento, destinato a crescere nei prossimi anni».

Sposarsi all’estero. Tra le richieste più frequenti rivolte ai consulenti CartOrange per organizzare un matrimonio all’estero ci sono la classica “cerimonia polinesiana”, tra sabbia bianca e corone di fiori, oppure New York, in particolare Central Park, l’Empire State building e Public Library. Negli Stati Uniti per lo scambio degli anelli si scelgono anche i suggestivi scenari del Grand Canyon o alla Monument Valley o la cappella di Disneyland in Florida per andare all’altare in compagnia di Minnie e Topolino. Oltre all’evergreen Las Vegas, ovviamente. Tra le scelte più insolite, spiccano la chiesetta di ghiaccio di Jukkasjärvi in Lapponia, costruita ogni anno a lato dell’omonimo e famosissimo hotel di ghiaccio e praticabile solo nei mesi estivi, o le Thainlandialuna di mielerovine di Tulum, in Messico, con un gazebo allestito ad hoc. Per gli amanti delle immersioni, in Thailandia o alle Mauritius si può prenotare un sottomarino, usato di solito per escursioni nella barriera corallina, e scambiarsi gli anelli a 50 metri di profondità. Chi preferisce scenari più naturali ma anche alle falde del Kilimangiaro o nei parchi africani in Kenia, Namibia, Mozambico e Sudafrica.

«Le possibilità sono svariate e anche meno estreme – spiega Romano -. Vanno però selezionate con cura visto che sia i costi che la validità del matrimonio e il suo conseguente recepimento in Italia variano da paese a paese».

Lune di miele. Gli Stati Uniti si rivelano la destinazione preferita dai neo sposi italiani per il viaggio di nozze, confermando così la tendenza emersa l’anno scorso. Rispetto al 2012, tuttavia, emerge una differenza: «Nel 2013 gli Stati Uniti non sono meta esclusiva per la luna di miele, come invece avveniva l’anno precedente, ma costituiscono una tappa importante del viaggio che solitamente ha il suo epilogo nei Caraibi o in Polinesia – afferma l’ad di CartOrange -. Se sommiamo coloro che faranno il viaggio di nozze negli States come destinazione unica a coloro che la visitano combinandola con una altra destinazione arriviamo al 31,3% degli sposi».

Cambiano invece le altre destinazioni top: la crisi economica ha sicuramente inciso sulla flessione di due altre “regine” delle mete nozze, ossia Australia e Polinesia che, nel loro complesso, passano dal 15% del 2012 al 12% del 2013. Guadagnano posizioni invece il Sud Africa, in combinazione con Mauritius o Seychelles, e altre mete dell’Oceano Indiano. Nel complesso queste destinazioni pesano per il 16% delle preferenze. Tra le destinazioni emergenti prosegue il trend positivo dell’Argentina e si assiste ad una ripresa consistente del Giappone. In generale, la crisi ha inciso sul valore medio speso a persona per un viaggio di nozze, che passa da 3.655 euro a persona a 3.560, con una diminuzione di 95 euro per sposo, pari al 2,6%.

Grazie alla formazione continua dei suoi consulenti di viaggi e alla possibilità di creare viaggi su misura, CartOrange riesca a far fronte a tutte le richieste, anche a quelle più inusuali: «La nostra formula prevede un primo contatto grazie al nostro sito www.cartorange.com – spiega Romano -. Si sceglie il consulente di viaggio più affine ai propri gusti, lo si contatta via mail o via chat e quindi lo si incontra di persona, a casa o sul luogo di lavoro, negli orari più comodi per il cliente ed insieme si pianifica ogni dettaglio di quello che spesso è il viaggio più importante della vita: la luna di miele».

Published by:

Genova Pegli da sabato 7 Settembre è tempo di farinata!

Genova Pegli da sabato 7 Settembre è tempo di farinata!A Genova Pegli,  sabato 7 settembre, è tempo di farinata. Una delle pietanze liguri più amate di sempre è la protagonista della sagra in programma sul lungomare pegliese fino a lunedì 9 settembre.

Dalle 12 alle 20 la gustosa torta salata viene servita in tutte le sue varianti. La farinata è uno dei più antichi prodotti tipici della cucina ligure. La sagra richiama migliaia di buongustai che, pazientemente, si mettono in coda, pur di assaggiare o portarsi a casa un po’ di farinata appena sfornata dagli esperti fainotti.

I fainotti pegliesi si rendono disponibili a promuovere la farinata nelle manifestazioni che saranno organizzate e concordate tra i soggetti interessati, mettendo a disposizione i tre forni a legna, i quali hanno già compiuto numerosissime trasferte.
La farinata è un prodotto tipico genovese ed in particolare di Pegli, dove esiste l’unico molino della regione Liguria che macina i ceci per produrre la farina, ingrediente base di questa ghiottoneria. Ma il segreto per ottenere questa sottile, fragrante e delicata leccornia sta nell’esperienza dei nostri fainotti, i quali sanno preparare sapientemente la miscela di acqua, farina, sale ed olio, a seconda della stagione e della temperatura, la variante che determina la distribuzione, uniforme o meno, dell’olio extravergine di oliva, preferibilmente proveniente dalla regione Liguria. La miscela viene poi versata su tegami di rame ed introdotta nel forno, appositamente dimensionato, dove brucia la legna, possibilmente di nocciolo stagionato. E dopo circa 15 minuti la farinata è pronta….buon appetito!

Published by:

Weekend di Settembre per la città di Gubbio

Weekend di Settembre per la città di GubbioGubbio è un’incantevole cittadina umbra, in provincia di Perugia, che sorge nei pressi del Monte Ingino ed offre scorci di indimenticabile bellezza.

La città di Gubbio è nota come la città dei “matti” e, cosa assai particolare, esiste anche una fontana, quella del Bergello, presso la quale è possibile ottenere la patente che dà diritto di fregiarsi di questo titolo. Se si compiono tre giri di corsa presso questa antica fontana risalente al 1500 e si viene bagnati dalla sua acqua per mano di un locale, si ottiene la patente.

Gubbio è ricca di storia e di monumenti. Il suo nome è particolarmente noto per la suggestiva “Corsa dei ceri”, che si tiene il 15 Maggio e durante la quale viene suonata il “campanone” che si trova presso la torre campanaria di Palazzo dei consoli. A palazzo dei consoli sono custodite le sette tavole eugubine; si tratta di grandi lastre di bronzo relative alle norme civili e religiose degli ikuvini.

Il Duomo, noto anche come Basilica dei Santi Mariano e Giacomo, è impreziosito da antico affreschi risalenti al XVI secolo e dalla statua lignea di cristo; da visitare anche il museo diocesano che ha sede presso il palazzo dei Canonici, risalente al 1100. Il museo Diocesano conserva numerosi reperti relativi alla storia di Gubbio e della sua diocesi; in particolare si possono ammirare manufatti in vari materiali, sculture e pitture di varie epoche. Fra gli oggetti custoditi anche la “botte dei canonici”, una botte utilizzata per la vinificazione e risalente al XV secolo.

Per ammirare una costruzione di epoca medioevale, non si può rinunciare alla visita della casa di Sant’Ubaldo; si tratta di una costruzione a due piani caratterizzata da una torre in pietra che, secondo la tradizione, è appartenuta a Sant’Ubaldo patrono di Gubbio.

Una bellissima passeggiata nel verde si può svolgere presso il parco Rangiaschi, dove si può camminare immersi nel silenzio.

Fra le numerose testimonianze architettoniche dell’importante passato di Gubbio, vi è Palazzo Beni edificato nel 1300 e Palazzo dei Conti Gabrielli; nei pressi di Palazzo Beni, si trova la Chiesa di San Domenico anch’essa risalente al 1300. Al suo interno si possono ammirare preziosi affreschi, recentemente scoperti, opera di artisti del luogo.

Da visitare anche Santa Maria Nuova e il dipinto della Madonna del Belvedere, la Chiesa di San Pietro di origine gotica e quella di sant’Agostino eretta nel 1200.

 

 

Published by:

Zonta Club di Finale Ligure “Viole Per Enza” sabato 7 settembre

Zonta Club di Finale Ligure “Viole Per Enza” sabato 7 settembreFinale Ligure– Per sensibilizzare l’opinione pubblica del Ponente savonese al tema del femminicidio lo Zonta Club di Finale Ligure presenta sabato 7 settembre una giornata interamente dedicata a questo argomento.

Si tratta di “Viole Per Enza” (sette storie di donne sette storie di violenza) promosso da Zeroconfini Onlus. Si inizia alle ore 10 all’ Auditorium di Santa Caterina a Finalborgo con il Convegno Internazionale- tavola rotonda che vedrà la presenza di Isoke Aikpitanyi, testimonial dell’iniziativa, Gloria Bardi, bioeticista, Roberta Bruzzone, criminologa, Antonetta Carrabs, presidente di Zeroconfini onlus, Graziella Cavanna , psicologa traumaterapeuta, Chiara Paolucci, Pubblico Ministero del Tribunale di Savona, Cristina Scanu, giornalista,Dina Molino, dell’associazione Libera di Savona, con interventi musicali di Paola Arras e l’adesione di Bebo Storti. Moderatori saranno Luca Battaglieri avvocato e scrittore e Marinella Geremia, presidente dello Zonta Finale Ligure.

Alla sera si svolgerà ( alle ore 21 ) lo spettacolo teatrale nato da una idea di Antonetta Carrabs, con la regia e le coreografie di Luisa Zanoli. “ Lo spettacolo – dice la regista Luisa Zanoli- è nato da un’idea di Antonetta Carrabs autrice insieme a Alessandra Arcadu e Iride Enza Funari. Con questo spettacolo proprio da qui, da Finale, partirà la campagna nazionale Viole per Enza contro il femminicidio… che poi farà il giro dell’Italia. Enza vuole essere la donna simbolo che possa rappresentare tutte quelle sette donne che hanno cambiato il corso della storia col loro coraggio. Intorno al 25 novembre, in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, ci saranno altre rappresentazioni a Genova, Milano e Monza. A livello locale lo spettacolo verrà riproposto a Pietra Ligure e di nuovo Finale”. Lo spettacolo presenta le coreografie a cura della Compagnia di Espressione Corporea di Finale Ligure, diversi momenti musicali, canti e vocalizzi con la soprano Martina Galvagni, le cantanti Greta Dressino e Caterina Frauto, pezzi strumentali con il maestro Riccardo Pampararo alla chitarra classica, con Ubaldo Achiardi al violino, Nicola Viassolo e Alessandro Cara ai Sax, danze di Viola Dressino, Caterina Frauto, Cristina Frumento, Cristina Guidali, Marta Lanzini, Tiziana Lavezzaro, Milla Morotti e Arianna Vallarino.
CLAUDIO ALMANZI

Published by:

Verbania Pallanza Orchidee sul Lago 13^ edizione

Verbania Pallanza Orchidee sul Lago  13^ edizioneDal 6 all’8 settembre – Verbania Pallanza  “Orchidee sul Lago ” – 13^ edizione

Da qualche anno è la manifestazione floricola che chiude la stagione estiva richiamando a Verbania migliaia di appassionati che nella magnifica cornice di Villa Giulia possono ammirare ed acquistare diverse varietà di orchidee.

Sul lungolago di Pallanza, fiori, gioielli, profumi, creazioni artigianali, cioccolateria, specialità gastronomiche e altro ancora vi aspetta!

Una kermesse floreale non solo per esperti: perchè proprio l’orchidea (cosi come la camelia, fiore simbolo del Vco) è in grado di catturare l’attenzione di molti, una sorta di ammaliamento. Fiore sensuale, affascinante: bello.

Published by: