EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Daily Archives: June 19, 2013

Estate: una vacanza in famiglia? Scegli la montagna

Estate: una vacanza in famiglia? Scegli la montagna La montagna è la meta ideale per chi desidera trascorrere delle vacanze all’insegna del divertimento, dello sport e dei sapori genuini. Organizzare un viaggio in alta quota è un’idea vincente per tutti, anche per le famiglie con bambini; infatti, nelle località montane, i piccoli possono praticare movimento, imparare a sciare o dedicarsi a salutari camminate immersi in ambienti salubri.
I territori montani sono l’ideale in qualsiasi periodo dell’anno infatti durante la stagione fredda si scia e si praticano gli sport invernali, invece d’estate ed in autunno è possibile dedicarsi a svariate e piacevoli attività che non escludono lo sciare, come accade in alcuni comprensori dove la neve permane per molti mesi. Vivere la montagna nella bella stagione, significa godere di aria pulita, tanto sole e silenzi; inoltre, le giornate lunghe e calde favoriscono le passeggiate, le escursioni e la pratica di sport come il nordic walking.
Anche durante la bella stagione, la montagna offre numerose opportunità per adulti e bambini: dal trekking, alle passeggiate in bicicletta alle fattorie didattiche senza dimenticare l’equitazione. Le famiglie con bambini, possono assicurarsi giorni di riposo e di relax optando fra le numerose strutture ricettive che propongono miniclub, scuole di sci per i più piccoli, laboratori e attività specifiche per bambini; inoltre, le famiglie che desiderano provare dei percorsi benessere, possono scegliere fra le Spa pensate anche per i loro bambini. Qui potranno nuotare in piscine sicure, giocare e divertirsi mentre i genitori si ricaricano con i massaggi o con le acque termali. Le zone turistiche montane, sono ben attrezzate anche per le famiglie con bambini molto piccoli infatti, vi è la possibilità di optare per località nelle quali vi siano percorsi immersi nel verde, facilmente percorribili con i passeggini; inoltre, in svariati comprensori i nostri figli possono divertirsi con parchi giochi estivi ed invernali e speciali escursioni con le guide alpine.
Numerose sono le opportunità di vacanze per tutta la famiglia con Snowtrex che garantisce un servizio professionale per vivere una vacanza sulla neve indimenticabile e ricca di emozioni.
Le vacanze in montagna con la famiglia, sono anche sinonimo di salute infatti, in questi luoghi l’aria è certamente più pulita rispetto alle metropoli e lo stile di vita è più attivo. Muoversi fra prati e boschi, superando dislivelli oppure dedicandosi allo sci permette anche di tornare in forma, perdendo i chili di troppo. Abituarsi a stare all’aria aperta, è un vero toccasana per tutta la famiglia, perchè condurre una vita attiva è un ottimo metodo per mantenersi in salute tenendo lontane gravi patologie.
Ad alta quota, oltre agli sport come l’alpinismo o la mountain bike è possibile dedicarsi per esempio al rafting o al nuoto presso piscine moderne ed attrezzate al chiuso o all’aperto.
Le vacanze in montagna per la famiglia sono un’occasione unica per conoscere la storia, le tradizioni e i sapori di queste terre. Si possono organizzare escursioni per visitare musei, mostre o decidere di seguire golosi percorsi enogastronomici, grazie ai quali scoprire i prodotti locali.
Inoltre, per i bambini si tratta di un modo per imparare a conoscere e rispettare la natura, gli animali e la vita delle comunità montane, apprezzando un ambiente molto diverso da quello in cui solitamente vivono.
Trascorrere un periodo in alta quota è un’esperienza indimenticabile che i nostri piccoli ricorderanno sempre con grande piacere.

Published by:

GHOST TOUR: caccia al tesoro nei caruggi genovesi

 Il Ghost Tour è adatto ad  un pubblico eterogeneo: famiglie con bambini, appassionati, turisti italiani e stranieri.   Il pubblico potrà chiedere  informazioni al N° 338.9117161 o scrivere un Email all'indirizzo genova.magica@gmail.com  www.ghosttour.it face book : ghost tour Italy youtube: misteridigenova  Per ulteriori informazioni (solo per la stampa) 3482641639Torna a Genova il Ghost Tour nella sua veste di:
“Caccia ai tesori di Leggenda e di storia celati tra i meandri dei carruggi genovesi, nel cuore della Genova Antica”. Una Caccia al tesoro dunque, di proporzione gigante , infatti per l’occasione saranno stampate e distribuite migliaia cartine mute della Città Vecchia. Un intrigante e misterioso viaggio alla scoperta di vecchie e nuove leggende tra i tesori del Centro Antico di Genova.                                                                                                                                                                                         Dalle ore 20,30 dl 23 giugno in Piazza Matteotti a Genova verranno distribuite gratuitamente fino ad esaurimento le Cartine Mute  che serviranno per trovare gli indizi e le tappe ove si svolgeranno le performance fantasmatiche. La partecipazione al ghost tour caccia al tesoro potrà essere svolta in forma, individuale o collettiva anche da coloro che non vorranno cimentarsi nella ludica competizione.

Scopo del Gioco:
Grazie all’utilizzo di una cartina muta, il partecipante dovrà:  orientarsi nel groviglio dei carruggi genovesi ,trovare 15 piazze, assistere alle simpatiche performance svolte in chiave storica, teatrale, musicale e di danza, rispondere al quesito proposto (Le performance verranno ripetute ogni 10 minuti circa dalle ore 21.00 alle ore 23,45).
Vince chi per primo giungerà in Piazza Matteotti  con tutti i quesiti risolti

l Ghost Tour  Caccia al Tesoro terminerà improrogabilmente alle ore 23,45. I partecipanti  che per  quell’ora non avranno terminato il percorso  dovranno  abbandonare il gioco e dirigersi Piazza Matteotti dove  già dalle ore 23,00  si svolgerà il Musical

“LA ZINGARA DI NOTRE DAME”
Liberamente tratto da Notre Dame de Paris
Della compagnia A.A.C. COMPAGNIA T&M LIVE in collaborazione con
PLANET MUSICAL di Matteo Cirigliano

Alle ore 24,00 circa si accenderà il tradizionale falò di San Giovanni e al termine DJ set

Durante lo svolgimento del Ghost Tour, percorrendo i carruggi, si potrà incontrare lo spiro angelico della Cagnolara o imbattersi nel terribile Basilisco, Quindi rimanere atterriti dall’inquietante presenza del fantasma di Branca Doria.
Assistere alla Tragedia di Giulio Cesare Vacchero o Sospirare per l’incontro tra Lord Byron e Lady Blessington .
E ancora incontrare Cristoforo Colombo o assistere Charles Dickens mentre scrive “Le Campane” uno dei “Racconti di Natale”.
I più intrepidi, potranno imbattersi nello spettro della misteriosa strega Rosvita che perse la sua forma terrena in quel di Casella, mentre i più fortunati potrebbero scorgere lo spirito di Garibaldi che ritorna nella nostra città per disquisire e paragonare i suoi tempi con quelli di oggi.

La manifestazione è realizzata grazie al patrocinio ed al contributo tecnico del Comune di Genova e d al volontariato delle numerose associazioni tra gruppi storico/folclorici, teatrali, mimi musici e semplici cittadini  hanno aderito gratuitamente per regalare alla città ed ai suoi abitanti un momento di svago e di divertimento.

descrizione scene:

Piazza Matteotti:                                                                                                                                                          Partenza/arrivo con Musical “La Zingara di Notre Dame” e Falò di san Giovanni

compagnia teatrale Luna e il Giglio:
CHARLS DICKENS E LE MEMORIE di GENOVA, Durante il suo soggiorno a Genova, Dickens scrive Le Campane, uno dei suoi cinque Racconti di Natale

Gruppo Storico I Gatteschi:
SAN SIRO E IL BASILISCO, Si racconta che in tempi antichi il popolo fosse tormentata da un terribile mostro pestifero e mortifero. Fu sol grazie all’intervento di San Siro che, con la sola forza della parola, ricaccio nel pozzo il terribile Basilisco.

Gruppo Folk Città di Genova in collaborazione Patto Sviluppo Maddalena                                           L’origine della Moresca, Con il termine moresca si suole generalmente indicare una danza armata di carattere drammatico richiamante la lotta tra Cristiani e Turchi

Gruppi Storici Fieschi e Doria,
La leggenda di Rosvita, ladra esperta fu imprigionata e d accusata di stregoneria in quel di Casella, scompare tra i flutti impetuosi del torrente. 11 suo corpo non fu mai trovato. C’e’ chi giura dì vederla nelle notti di nebbia, ma quando la si chiama svanisce improvvisamente. Il suo nome era Rosvita dal colore rosso delle sue chiome.

scuola di danza Zara 3 – Compagnia Teatrale Palco Giochi                                                                                              In visita a Genova RICHARD WAGNER (1835) – scrive “Io non ho mai visto nulla come questa Genova. È qualcosa di indescrivibilmente bello, grandioso, caratteristico: Parigi e Londra al confronto di questa divina città scompaiono come semplici agglomerati di case e di strade senza alcuna forma…”

Compagnia Balestrieri del Mandraccio
Branca Doria (Genova, ca. 1233 – Genova, dopo il 1325) era un membro della famiglia genovese dei Doria, che compare nel canto XXXIII dell’Inferno di Dante Alighieri, nella terza zona del nono cerchio, e cioè nella Tolomea, dove sono puniti i traditori degli ospiti.
La leggenda racconta che il Fantasma di Branca Doria Con le mani ancora sporche di sangue per i delitti commessi, vaga nei pressi della sua antica dimora.

Gruppo Storico Janua Temporis
la Crociata della Dame: nel 1301 alcune nobildonne genovesi vogliono partire per la Terrasanta per una vera e propria crociata ma il loro sogno è destinato a sfumare.

– Teatro Govi, Pro Loco Centro Storico, Ass.ne Porta Soprana
I dubbi di Colombo, Torna Il Grande navigatore esprimendo perplessità sul sistema Geocentrico e su altre controversie cosmologiche e religiose.

Associazione Italia Storica – Compagnia Teatrale Palco Giochi
La Leggenda del Tedesco Lussurioso, Dopo essersi intrattenuto con donne di Malaffare, fu ucciso in un imboscata nella seconda guerra mondiale, pare che il suo spettro vaghi ancora alla ricerca di piaceri proibiti.

Scuola di danza del ventre Anahita
La leggenda della Cagnolara, Spirito Angelico che vaga alla ricerca delle anime dei bambini non battezzati. La sua presenza è percepita solo dai cani che al so passaggio ululano intonando un canto tanto triste quanto armonico.

Compagnia Teatrale La Pinguicola sulle Vigne
La Legenda del Ponte di Zan di Isola del Cantone. Nel pressi del castello della Pietra vi è il Ponte di Zan che la leggenda dice essere stato costruito dal diavoloin una sola notte in cambio della prima anima che lo avrebbe oltrepassato a lavori ultimati.

Fabio Bonelli Mimo della Bottega della Luna – Compagnia Teatrale Palco Giochi                                     Il bene ed il male “la leggenda di San Dustano e il Diavolo”: Si narra che il diavolo chiese a San Dunstano di ferrare i suoi zoccoli caprini; il santo inchiodò il ferro agli zoccoli del diavolo. Il dolore fu così forte che il diavolo stesso supplicò San Dunstano di liberarlo; San Dunstano accettò a patto che il diavolo avesse promesso di non entrare nella casa in cui vi fosse un ferro di cavallo appeso. Questo evento sta all’origine della credenza che il ferro di cavallo porti fortuna.

Compagnia Teatrale La Pinguicola sulle Vigne
Grande amica di Lord Byron, Mary Shelley , Dopo la morte del marito visse per un anno a Genova, affittando una casa con gli Hunt. Non fu un periodo facile per Mary: la situazione non le permetteva di dedicarsi alla scrittura, il suo unico conforto, inoltre scoprì che Hunt covava amarezza nei suoi confronti a causa del comportamento che ella aveva avuto nei confronti di Percy negli ultimi suoi giorni di vita. Ciò creò un senso di colpa in Mary, che cominciò a pentirsi e ad autoaccusarsi.

Gruppi Storici Sextum e Sestrese – Compagnia Teatrale Palco Giochi
l’incontro di Lord Byron e Lady Blessington . Lady Blessington, nella primavera del 1823 conobbe e frequentò Lord Byron il quale a lei dedicò una splendida Ode: “Sotto gli occhi di Lady Blessington l’agognato paradiso dovrebbe, come l’antico, esser libero dal male. Ma se questa nuova Eva Per un pomo si ritirasse Quale mortale non vorrebbe essere il Diavolo”.
Poche settimane dopo anche Lord Byron salpava da Genova alla volta della Grecia per un viaggio senza ritorno.

Gruppo Ghost’s Angels , Associazione Princesa, Ghett Up
Nel Ghetto si Racconta che! La triste storia di Giulio Cesare reo di aver cospirato contro la repubblica viene qui narrata, una colonna infame si erge a lapidaria memoria: JVLIJ CÆSARIS VACHERIJ PERDITISSIMI HOMINIS INFAMIS MEMORIA QVI CVM REPVBLICAM CONSPIRASSENT OBTRVNCATO CAPITE, PVBLICATIS BONIS EXPVLSIS FILIIS, DIRVTAQUE DOMO DEBITAS PŒNAS LVIT A. S. MDCXXVIII
(Traduzione: A memoria dell’infame Giulio Cesare Vachero, uomo scelleratissimo, il quale avendo cospirato contro la Repubblica, mozzatogli il capo, confiscatigli i beni, banditigli i figli, demolitagli la casa, espiò le pene dovute)

Il Ghost Tour è adatto ad un pubblico eterogeneo: famiglie con bambini, appassionati, turisti italiani e stranieri.

Il pubblico potrà chiedere informazioni al N° 338.9117161 o scrivere un Email all’indirizzo genova.magica@gmail.com

www.ghosttour.it
face book : ghost tour Italy
youtube: misteridigenova

Per ulteriori informazioni (solo per la stampa) 3482641639

Published by:

Weekend al Parco Nazionale del Pollino

Weekend al Parco Nazionale del PollinoCon il programma di eventi artistici e culturali, che il progetto “NaturArte – La Scoperta dei Parchi di Basilicata” mette in cantiere, il Parco Nazionale del Pollino mira ad accendere i riflettori sul valore del proprio patrimonio naturale e culturale.
Le manifestazioni organizzate sul Pollino sono escursioni, passeggiate, visite guidate, animazione socio-culturale, spettacoli, incontri, conferenze incentrate sui temi della natura e della cultura, tra biodiversità, specie, habitat, paesaggi, luoghi, prodotti tipici, tradizioni e culture autoctone.
A sottolineare la centralità di tale scelta, con l’obiettivo di stimolare emozioni e momenti di riflessione, nei tre eventi artistici e culturali in programma sono stati coinvolti, insieme ad esperti ed artisti locali, il duo Troversi-Coscia e il Prof. Mario Tozzi nella Valle del Frido, per il paesaggio dell’acqua, il duo Girotto-Biondini e il Prof. Francesco Petretti nella Valle del Mercure, per la biodiversità, e il duo Riondino-Damiani e il Prof. Luigi Maria Lombardi Satriani nella Valle del Sarmento, per i luoghi delle tradizioni.
Il progetto “NaturArte – La Scoperta dei Parchi di Basilicata” vuol essere per il Parco Nazionale del Pollino l’occasione non solo per sollecitare interesse e far conoscere le bellezze e le peculiarità del suo vasto territorio, ma anche per mettere in valore e far fruire il grande, eccezionale, raro, irripetibile patrimonio naturale e culturale, da conservare e da promuovere nell’ambito di azioni di tutela degli ambienti naturali e di applicazione delle compatibilità di uno “sviluppo durevole”. Vuol essere anche l’occasione per svolgere azioni di educazione ambientale e di interpretazione naturalistica finalizzate al rispetto delle condizioni dell’ambiente, all’orientamento delle politiche del territorio verso la difesa e la valorizzazione delle naturalità, delle diversità biologiche, dei paesaggi, delle culture locali.

 Venerdì 21 Giugno 2013                                                                                                                                         GRUMENTO NOVA

Ore 17:00
Bivio Cappuccino
Arrivo e accoglienza
Percorso a piedi per arrivare al borgo
• Presentazione del programma presso info point PNAL: progetto naturarte
Sala del Castello San Severino
• Passeggiata per il borgo. Il banditore che accompagna
• Allestimento la casa del Parco
Casa del Parco “Flora”
Casa del Parco “Fauna”
Casa del Parco”Lago”
Casa del Parco “C’era una volta”
• Sfilata dei costumi tipici dei 29 paesi dell’area Parco
• Allestimento del mercatino a km. 0
• Spettacoli itinerante
La banda di NaturArte
• Passeggiando gustando: degustazione dei prodotti “Il paniere del Parco” (prosciutto, miele, formaggio, vino)
•Spettacolo musicale

Sabato 22 Giugno                                                                                                                                                             GRUMENTO NOVA

Ore 8:30
Bosco Maglie CEAS Bosco dei Cigni
Arrivo e accoglienza
Presentazione presso info point PNAL:
Progetto NaturArte                                                                                                                                                                  Ore 9:00                                                                                                                                                                                      Trekking                                                                                                                                                                                       Grumento Nova – Bosco Maglie con le guide ufficiali del Parco. Percorso circolare partenza circa 200 mt prima del Ceas – Sentiero Pertusillo – costeggiando la diga con un percorso circolare arrivando al Ceas                                                                                                                                                                              Ore 11:00                                                                                                                                                                                           Servizio navetta per rientrare                                                                                                                                              Ore 17:00                                                                                                                                                                                       Servizio navetta per il Bosco dei Cigni                                                                                                                                   Ore 18:00                                                                                                                                                                                                   Cea Bosco dei Cigni. Concerto                                                                                                                                               Enver Izmailov (solo chitarra)                                                                                                                                                 Enver Izmailov è un musicista unico che ha inventato il “tapping” – una tecnica molto originale della chitarra elettrica (suona la chitarra con le mani sul collo, come se fosse una tastiera) – senza sapere nulla di Stanley Jordan che ha inventato lo stesso in US contemporaneamente. La sua musica è una combinazione di molti elementi – jazz, folklore mediterraneo e orientale, armonia classica e sorprendente virtuosismo.                                                                                                                                 Enver vive in Crimea, Ucraina (grande penisola paradisiaca sul Mar Nero), ma è nato a Fergana, in Uzbekistan. I suoi due album – Eastern Legend (lavoro da solista) e Minaret (registrazione trio) sono stati rilasciati dalla Bohème Music, etichetta jazz russa.                                                                                Ore 20:00                                                                                                                                                                                  Servizio navetta per il rientro al borgo di Grumento Nova                                                                                  Ore 20:15                                                                                                                                                                                                        Musica itinerante                                                                                                                                                                                Gli amarimai                                                                                                                                                                        Passeggiata per il Borgo                                                                                                                                               Allestimento mercatino a km 0                                                                                                                                                       Ore 20:30                                                                                                                                                                                          Attività ludiche per le vie del borgo                                                                                                                            Laboratori creativi per bambini                                                                                                                                •Laboratorio ecomusicale RSU riciclo sound                                                                                                                    •Non si butta via niente. Laboratori creativi per la sostenibilità                                                                     Ore 21:00                                                                                                                                                                                                    A cena nel borgo a base di prodotti tipici locali (albergatori convenzionati)                                        

Domenica 23 giugno                                                                                                                                                                    GRUMENTO NOVA                                                                                                                                                                                    

Viaggio nella fede (qui)                                                                                                                                                          Itinerario nei luoghi del sacro del Parco                                                                                                                                        Il Pellegrino verso Monteforte Di Abriola                                                                                                                                  La via dei pellegrini a Viggiano                                                                                                                                         Santuario Maria Ss.Ma Del Monte Saraceno – Calvello                                                                                                         Viaggio nelle tradizioni e cultura (qui)                                                                                                                   Visita guidata nelle Case museo dell’area Parco                                                                                                             Museo del lupo – Viggiano                                                                                                                                                                Casa Museo Domenico Aiello – Moliterno                                                                                                                              Casa Museo Marinelli – Marsicovetere                                                                                                                                        Casa Museo Etnografica – Sarconi                                                                                                                                                      Viaggio nell’archeologia (qui)                                                                                                                                                       Visita del museo scavi di Grumentum                                                                                                                                       Sito archeologico di Armento                                                                                                                                                     Sport outdoor (qui)                                                                                                                                                              Parapendio a Marsicovetere                                                                                                                                           Arrampicata a Viggiano

Ufficio Stampa Vanni Editore Comunicazione: Elisabetta Castiglioni
tel/fax: 06.3225044 – cell: 328.4112014 – e-mail: elisabetta@elisabettacastiglioni.com

Published by:

Estate 2013 Vivere le vacanze in città Un mondo tutto da scoprire

Estate 2013 Una città tutta da scoprire nella vacanza non vacanzaE’ notizia  che  molti italiani in questa calda estate 2013 non partiranno per mete esotiche  nè si affacceranno su terrazze in splendidi mari  di golfi ameni.

Se anche le vostre ferie non saranno all’insegna della ricerca del posto sotto l’ombrellone o del tour di moda, vi proponiamo alcune cose da fare e da non fare per  vivere la vostra vacanza in città. Qualcuno dirà che è una non vacanza: lasciateli dire. Quando la città è completamente vuota ci sono meraviglie da scoprire. Non abbiamo orari: non dobbiamo rientrare per alzarci presto il mattino dopo, non dobbiamo rispettare pause pranzo, insomma, possiamo davvero fare ciò che più ci va.

L’estate in città prevede infatti una serie di regole che la rendano assolutamente di tendenza, che daranno un tocco veramente straordinario al vostro tempo libero.

Fondamentale è riposarsi e scrollarci di dosso il peso di un anno di lavoro: alzatevi più tardi la mattina , vietato guardare l’orologio!

Già, per eliminare lo stress e per fare un po’ di sano movimento, ogni tanto ci concedetevi una gradevolissima passeggiata nei momenti che più preferite. Ad esempio andate a gustarvi il tramonto o, se siete meno pigri, un’alba come non l’avete mai vista.

Prendete un aperitivo nel locale più chic e di solito intasato di gente, godetevi il relax, il sole e la vista di una città diversa.

Organizzatevi dei tour in città con qualche scorcio più panoramico  e più bello. Ogni giorno pensate ad un tema particolare o quartieri che non conoscete o non visitate da tempo.

Cercate su internet le attività cittadine organizzate : cinema all’aperto, monumenti illuminati di notte, musei gratis, concertini jazz,  rassegne e mercatini.

Fate, secondo il vostro allenamento, possibilmente ogni sera, una corsetta al parco, magari al tramonto, frequentate le piscine della zona, cambiando sempre per incontrare gente nuova.

E tanto altro ancora: incontrate gli amici che forse sono rimasti in città, preparate delle ricette speciali. Se siete degli artisti e creatori, sempre in cerca di novità, è il momento giusto per cambiare look alla nostra casa o creare quadri e sculture con materiali di recupero, oppure dipingere le pareti con colori particolari. Cose che vorreste sempre fare ma per le quali non c’è mai tempo.

Published by: