EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Daily Archives: March 25, 2013

Riviera Adriatica, un magico week end romagnolo

Riviera Adriatica, un magico week end romagnolo

Fine marzo in Riviera Adriatica è di incanto, con il week end pasquale si aprono tutte le strutture da Comacchioa Cattolica.

Un week end in Riviera è da eccezione anche per regalarsi un momento di relax e di SPA magari in una bella struttura termale come a Punta Marina a Riccione dove propongono trattamenti viso, massaggi corpo e tante “coccole” per lasciarsi alle spalle lo stress.

Non solo sempre in Riviera  aprono in questi giorni tutte le strutture dedite a far divertire grandi e piccini. Ecco infatti aperti al pubblico con simpatici omaggi e tanti gadget Mirabilandia con i suoi  ottovolanti mozzafiato  mentre all’Acquario di Cattolica c’è  un intero mondo sommerso che si racconta, e, ad Oltremare c’è il fascino dei delfini e della natura incontaminata e l’esperienza di un viaggio alla Gulliver tra le città e i monumenti italiani più belli come quella che si vive all’ Italia in Miniatura


Poi che dire, le spiagge sono pronte ad attendere tutti, sia turisti che primi bagnanti.

Qualche evento simpatico da non perdere?

Per esempio a Riccione la 16a edizione del Beach Line Festival, il Festival Internazionale di Beach Volley, che dal 28 marzo al 3 aprile vedrà 2.000 atleti provenienti da tutta Europa darsi battaglia su 200 campi tra schiacciate e colpi di bagger.

Mentre sull’arenile riminese vanno invece in scena il Paganello, il Torneo Internazionale di Frisbee Beach Ultimate, gioco a squadre in cui ci si fronteggia 5 contro 5 cercando di portare il frisbee nella meta del campo avversario, e il 9° Campionato Mondiale di Biglie. Dal 28 marzo al 1 aprile sono attesi a Rimini oltre 1.000 professionisti del frisbee da tutto il mondo, mentre dal 29 marzo sulla sabbia dei bagni 38/39 si affronterà a colpi di “ciccotto” una selezione dei migliori giocatori di biglie da spiaggia dai 5 continenti. Nel tratto di mare davanti a Cesenatico è invece gara a colpi di strambate e virate, dal 30 marzo al 1 aprile, per il tradizionale appuntamento delle Vele di Pasqua, tra i più importanti appuntamenti europei dedicati ai catamarani di ogni categoria, suddivisi per classi. Presenti i migliori skipper da Italia, Svizzera, Austria, Germania, Belgio, Olanda, Francia, Spagna, San Marino e Slovenia. E’ interamemente dedicata al mondo femminile l’’edizione 2013 di Milleluci, la rassegna musicale che si apre a Pasqua dal palco di Piazza Matteotti a Bellaria Igea Marina. Ospiti nel weekend di Pasqua Platinette con Les Femmes (30 Marzo alle 16) e Arisa (31 Marzo alle 21:30), inoltre nell’intero week end l’Isola dei Platani ospiterà le esibizioni di deejay donne dalle 16 alle 18. Rimanendo in tema musicale, la domenica di Pasqua e il lunedì di Pasquetta la Basilica di San Francesco a Ravenna propone lo Stabat Mater di Pergolesi per soli e orchestra con l’Orchestra dei Giovani Europei. 

A Cattolica torna anche quest’anno, in occasione della Pasqua, la Fiera degli Antichi Sapori in piazza 1° Maggio, tradizionale evento che propone un intero weekend di degustazioni e assaggi dedicati alle specialità tipiche romagnole, ma con spazio anche alla gastronomia di altre regioni d’Italia. Pasqua a tutto sport a Cervia (Ra), con il Dance Fitbeach 2013, lo stage di danza ospitato dal 29 marzo sulla spiagga del Fantini Club, il Memorial Ennio Tonini, Trofeo Romagnolo Open di golf che si terrà sabato 30 e domenica 31 marzo all’Adriatic Golf Club e, sempre sabato e domenica, il Concorso Ippico di Pasqua al Circolo Ippico Le Siepi. Appuntamento con la natura nelle valli di Comacchio in occasione di “Pasqua Slow”, serie di iniziative nell’ambito del calendario di Primavera Slow 2013, che prevedono escursioni in barca, a piedi, in bici, iniziative culturali e laboratori didattici per bambini nel suggestivo scenario del Parco del Delta del Po.


E per chi ha tempo e voglia, c’è anche l’opportunità di una giornata nell’entroterra, alla scoperta delle tradizioni pasquali del territorio, dalla Sagra della Pagnotta Pasquale di Sarsina (Fc) all0 storico Palio dell’Uovo a Tredozio (Fc), oppure si possono visitare due originali e suggestive esposizioni: il MAR (Museo d’Arte della Città) di Ravenna ospita la mostra “Borderline: Artisti tra normalità e follia. Da Bosch a Dalì, dall’Art Brut a Basquiat”, mentre ai Musei di San Domenico di Forlì ha da poco inaugurato l’esposizione “Novecento. Arte e vita in Italia tra le due guerre”. Ecco poi i museicuriosi da visitare con tutta la famiglia, come il Museo del Carico della Nave Romana di Comacchio (Fe), che custodisce il carico più completo di una nave romana di età augustea mai trovato in Italia, composto da tempietti votivi, 3 tonnellate di lingotti di piombo, lucerne, anfore con i coperchi e iscrizioni relative a peso e contenuto, pentole, casseruole. E ancora a Cervia il Museo del Sale, ospitato nel Magazzeno del Sale Torre, che attraverso strumenti, immagini e proiezioni testimonia le fasi della produzione e raccolta artigianale del sale, prima dell’arrivo dei procedimenti industriali verso la fine degli anni ’50. Non si può lasciare la Riviera senza un ricordo fotografico del Museo Galleggiante della Marineria di Cesenatico (Fc), l’unico museo in Europa che mostra la sua sfilata di imbarcazioni storiche non dietro la solita transenna, ma… sull’acqua, ormeggiate nel porto canale, progettato nel 1502 da Leonardo da Vinci. La suggestiva sfilata di barche storiche utilizzate nell’Adriatico per la pesca e il trasporto, con le coloratissime vele al terzo è completata da sezione a terra di 3.000 mq con tanto di bookshop. Da non perdere infine il Museo del Bottone di Santarcangelo di Romagna (Rn), che custodisce oltre 10.000 pezzi, tutti originali, tra cui vere e proprie opere d’arte come il bottone disegnato da Pablo Picasso per Coco Chanel. La collezione è suddivisa in tre sezioni: La storia del 1900, i materiali e la loro trasformazione; I bottoni del 1700-1800; Le curiosità dal mondo, e non manca un’appendice con aneddoti sul bottone e informazioni sui comportamenti di chi li indossava.

Suggerimenti da comunicato stampa APT SERVIZI

Published by:

Palio dell’Uovo a Tredozio

tredozio, palio dell'UovoPasqua è tempo di fiere, feste, gite fuori porta e sagre. Anche questo anno a Tredozio Pasqua e Pasquetta hanno un sapore magico tra accoglienza e allegria.

Intatti a Tredozio, in provincia di Forlì- Cesena proprio il 31 marzo e il 1 aprile, si festeggia la 50esima edizione della Sagra e del Palio dell’Uovo. Il giorno di Pasqua e’ tutto dedicato a originali e goliardiche sfide, dalla battitura dell’uovo alla gara delle “sfogline”, dal Palio Femminile all’evento clou: il Campionato Nazionale Mangiatori di Uova Sode.

Un palio simpatico che attira sempre un sacco di turisti proprio per la sua strana peculiarità.

La Sagra del Palio dell’Uovo nasce nel 1963 per socializzare e ricordare antichi natali.

La sagra si svolge tutta intorno all’uovo, uovo che sara’ pescato tra tanti nel pollaio e verra’ selezionato solo quello che dopo essere stato ticchettato con un certo ritmo sull’incisivo non si rompera’. Quello sara’ l’uovo giusto. Cotto a fuoco basso per evitare crepe sul guscio lo si fa diventare sodo. Lo si può persino gustare ma non adesso, ora che l’uovo è sodo A questo punto lo si avvolge con la mano fino a coprirne ogni angolo della superficie.

Inizia qui il vero palio, la fase importantissima dell’evento è quindi la cosidetta battitura. Il vero gioco consiste nell’uovo che deve esser rotto dall’avversario per poi essere conquistato e portato a casa

La sagra entra nel vivo infatti con l’uovo si fa l’impasto e si tira la sfoglia: ecco dunque la gara delle “sfogline”.

Il momento culminante della giornata e’ certamente il Campionato Nazionale Mangiatori di Uova Sode, che vede sfidarsi i piu’ grandi campioni italiani di questa specialita’: Fausto Ricci, di Tredozio, detiene ancora il record imbattuto di 22 uova ingoiate in 3 minuti! Con la chiusura delle gare del pubblico, la piazza accoglie il Palio Femminile dell’Uovo fra i 4 Rioni del paese Borgo, Casone, Nuovo e Piazza, gustoso “antipasto” della sfida che caratterizzera’ il giorno successivo: si gioca su 4 gare, dall’imprevedibile ricerca delle uova nel pagliaio, alla sfida piu’ tecnica quella delle uova guancia a guancia da condurre tra ostacoli vari. Condito di tanti aneddoti, vicende e disfide all’ultimo uovo, il giorno successivo si tiene il Palio di Pasquetta, il motore che alimenta le passioni rionali.

Tutto inizia con la coloratissima sfilata dei carri allegorici delle casate rionali, che anticipa le gare per la conquista del Palio: i rappresentanti dei 4 Rioni indossano costumi medievali e, tra sbandieratori e paggetti, raggiungono la piazza mettendo in mostra le proprie creazioni e lanciando la sfida agli avversari. Poi ci si sposta tutti nell’alveo del fiume, dove ha inizio il Palio che prevede 4 gare: la ricerca delle uova nel pagliaio, il tiro alla fune, il lancio delle uova al bersaglio su zattera e la battaglia delle uova crude, probabilmente la piu’ avvincente e spettacolare, con lanci di 600 uova per ogni manche.

Published by: