EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Daily Archives: December 11, 2012

Natale tra i canali di Amsterdam

Amsterdam, affascinante città olandese, è una meta turistica molto apprezzata anche a dicembre. L’atmosfera natalizia che si respira in ogni angolo della città, attira visitatori da tutto il mondo. All’imbrunire i ponti sui canali, gli edifici storici e le strade si illuminano di luci multicolori trasformandola in un paese fiabesco. Piazza Dam e Piazza Leidseplein sono abbellite da due immensi abeti addobbati con palline colorate e lustrini scintillanti.


Lungo il Canale Singel, tra le piazze Muntplein e Koningsplein, è allestito il tradizionale Mercato dei Fiori. Le luci natalizie delle bancarelle si fondono con quelle delle chiatte ormeggiate e nell’aria si sprigionano intensi profumi di pino, agrifoglio, vischio, fiori e di fragranti frittelle.

Dal 14 al 26 dicembre la grande Piazza Museumplein sarà il simbolo del Natale ad Amsterdam, ospitando un presepe vivente, un mercatino natalizio particolare con zoccolai, soffiatori del vetro, e molte altre curiosità.

I bambini si potranno divertire sulle classiche giostre, mentre un piccolo trenino o una slitta trainata da cavalli, porteranno i turisti ad immergersi nel più puro spirito natalizio. Per chi volesse pattinare, il laghetto antistante la piazza si trasformerà come in un racconto di Mary Mapes Dodge.

Quest’anno, per tutto il mese di dicembre, si terrà la manifestazione natalizia Xmas Canal Parade con eventi natalizi sull’acqua e lungo i canali. Sotto il ponte Magere Brug, dal 10 dicembre al 1 gennaio verranno illuminate una quarantina di imbarcazioni storiche le cui luci si fonderanno con quelle del ponte Magere Brug, creando una splendida atmosfera e dando inizio al Winter Magic Amsterdam Festival. Il tutto sarà coronato la sera del 23 dicembre con una parata di 40 barche, riccamente decorate e illuminate, lungo il bellissimo Canale Prinsengracht fino al fiume Amstel. Cori natalizi accompagneranno la sfilata. Lungo il percorso si troveranno diverse bancarelle che venderanno vin brulé e cioccolata calda.





Published by:

Porto Torres, iniziative ed eventi aspettando il Natale

Porto Torres, iniziative ed eventi aspettando il Natale Aspettano il 2013 anche Porto Torres, bella cittadina del nord Sardegna si organizza con un calendario molto interessante e ricco di eventi. 

Un calendario veramente fitto.

11 Dicembre 2012:

– Segnalaboratorio –  Biblioteca comunale – ore 16

13 Dicembre 2012:

– Laboratorio per la realizzazione di biglietti natalizi pop-up –  Biblioteca comunale – ore 16

The Disney Christmas show – Teatro Parodi – ore 21

14 Dicembre 2012:

– Letture e visioni – Biblioteca comunale – ore 17 ore 20.30

– Isola sacra – Libreria Koinè – ore 18.30

– Musicando Insieme a Natale – Concerto dei docenti della Scuola civica – Antiquarium Turritano – ore 18

15 Dicembre 2012:

– Folletti in festa – Parco San Gavino – ore 15

– Musicando Insieme a Natale – Armando Marrosu, chitarra classica – Aula capitolare S. Gavino – ore 19

– Concerto dell’insieme vocale Nova Euphonia – Antiquarium Turritano – ore 18

– Il fotografo dei rapaci – Sala Canu – ore 17.30

16 Dicembre 2012:

– A Naddari tutt’impari – Piazza Umberto I – ore 16

– Grande festa a Porto Torres – Piazza Umberto I – ore 17.30

18 Dicembre 2012:

– Musicando Insieme a Natale – Istituto comprensivo n. 2 – Basilica S. Gavino – ore 19.30

19 Dicembre 2012:

– Insieme aspettando il Natale – Centro di solidarietà sociale – ore 16.30

– Letture e visioni – Biblioteca comunale – ore 17 ore 20.30

20 Dicembre 2012:

– Produciamoci: l’orto come luogo di cultura – Piazza Garibaldi – dalle 10 alle 22

– Musicando Insieme a Natale Roberto Piana e Roberta Serra – Basilica S. Gavino – ore 20.30

– Cinepandoro, la bontà sul grande schermo – Sala Canu – ore 21

21 Dicembre 2012:

– L’Eco-Albero di Natale – Parco San Gavino – mattino

– Antiquarium before Christmas – Antiquarium turritano – ore 18

– Concerto per organo e tromba – Basilica di San Gavino – ore 19.30

– Progetto Briciola – Sala Canu – ore 21

22 Dicembre 2012:

– Canti di Natale Corale “Margherita di Castelvì – Antiquarium Turritano – ore 18

– Presepe vivente itinerante – dalla Torre Aragonese – ore 18

23 Dicembre 2012:

– I numeri della Basilica – Cumbessias San Gavino – ore 16

– Concerto di Natale – Centro di solidarietà sociale – ore 17.30

– Piccoli Madrigalisti Turritani in concerto – Chiesa B.V. Consolata – ore 19

24 Dicembre 2012:

– Concerto di Natale Cantori della Resurrezione – Chiesa Cristo Risorto – ore 23

– Mezzanotte di Natale – Coro Polifonico Turritano – Basilica di San Gavino – ore 24

26 Dicembre 2012:

– Letture e visioni – Biblioteca comunale – ore 17 ore 20.30

27 Dicembre 2012:

– Cinepandoro, la bontà sul grande schermo – Sala Canu – ore 21

28 Dicembre 2012:

– Letture e visioni – Biblioteca comunale – ore 17 ore 20.30

– Asinara Laboratorio della conoscenza – Circolo Via Margutta – ore 19.30

29 Dicembre 2012:

– Giugghendi in carrera – Parco San Gavino – dalle 10.30 alle 16

– Saggio di fine anno “La Voce in musica” – Teatro Parodi – ore 21

30 Dicembre 2012:

– Camminare per conoscere – Partenza dalla Basilica di San Gavino – ore 18

– Fiabe sotto l’albero – Sala Canu – ore 8.30

– Pino e gli anticorpi – “Reboiled” – Teatro Parodi – ore 21

3 Gennaio 2012:

– Cinepandoro, la bontà sul grande schermo – Sala Canu – ore 21

– In Porto Torres – Rifugio De Amicis – fino al 6 Gennaio 2012:

4 Gennaio 2012:

– Merenda tra le favole – Biblioteca comunale – ore 16

– L’oratorio di Natale – Coro Polifonico Turritano e Orchestra Camerata Artemisia – Basilica S.Gavino – ore 20.30

– Julia e tre limoni – XXIII Festival Etnia e teatralità – Teatro Parodi – ore 21

5 Gennaio 2012:

– Festa dei saldi in centro – Corso Vittorio Emanuele – dalle ore 16

– Julia e tre limoni – XXIII Festival Etnia e teatralità – Teatro Parodi – ore 19

6 Gennaio 2012:

– La Befana in piazza – Piazza Umberto I – dal pomeriggio

Tutti i Sabati, in Piazza Umberto I, dalle ore 18.00: “Caldarroste e Vin Brulé“.

 

Published by:

Riserva naturale Abbadia di Fiastra, un’oasi di storia e natura

Riserva naturale Abbadia di Fiastra, un'oasi di storia e natura.La regione Marche è una delle regioni più varie e complete d’Italia sia dal punto di vista architettonico che paesaggistico. L’incontro tra località marine di richiamo nazionale e il mistero di scorci dell’Appennino centrale, la storia di città come Urbino o Macerata, la cultura da Leopardi a Raffaello, rappresentano senza alcun dubbio un richiamo per italiani e turisti stranieri che, in numero sempre maggiore negli ultimi tempi, hanno deciso di investire e acquistare un immobile nelle Marche.

Nel cuore delle Marche, tra Tolentino e Macerata, esiste un luogo speciale, di quelli che hanno un vissuto così intenso da risultare quasi incantati. La Riserva Naturale Abbadia di Fiastra viene istituita ufficialmente nel 1984 attraverso una convenzione con la Fondazione Giustiniani-Bandini, che da molti anni ne cura la gestione.

Le origini della Riserva.

L’area ha origini antichissime, che risalgono al periodo immediatamente successivo all’anno Mille, quando venne edificata l’Abbazia di Chiaravalle di Fiastra, dimora dei monaci cistercensi.

Al motto di “Ora et labora” e “cruce et aratro”, i religiosi lavoravano la terra contribuendo al mantenimento di una foresta di oltre 100 ettari, tutt’ora esistente e visitabile (così come l’Abbazia).

Il rapporto profondo e costruttivo tra uomo e natura è sopravvissuto al trascorrere del tempo e si esprime appieno in questo luogo intriso di spiritualità. Sia l’abbazia che la foresta circostante sono conservate in modo impeccabile e mantengono intatto il fascino di secoli e secoli di storia.

La Riserva Abbadia di Fiastra oggi.

Attualmente l’area è di proprietà dell’Ente Morale Fondazione Bandini, che ne coordina tutte le attività. I visitatori possono usufruire di ampi spazi verdi circondati soprattutto da cerri, alberi molto diffusi sui nostri Appennini. La superficie è divisa in tre aree specifiche d’interesse:

•La Riserva Naturale Orientata: in questa zona è presente un Sito Comunitario Protetto e la gestione punta a recuperare un panorama naturale quanto più possibile vicino all’originale;
•La Riserva Antropologica: quest’area include il patrimonio storico che testimonia il profondo legame che unisce uomo e territorio. Ne fanno parte i campi coltivati tutt’ora dai monaci, il Palazzo Giustiniani-Bandini e l’Abbazia Cistercense.
•L’Area di Protezione: è la parte restante della Riserva di Fiastra, quella della Fondazione, e viene trattata come area attigua per mantenere un rapporto di equilibrio con il resto della zona.

Visite e percorsi.

Recentemente sono stati organizzati alcuni percorsi attraverso la Riserva da compiere a piedi, in bicicletta o a cavallo. Con il sentiero “La Selva”, il sentiero natura “Il lago Le Vene” e il sentiero sensoriale “Il bosco e il fiume”, il visitatore potrà esplorare le inestimabili ricchezze naturali della selva, in un processo di recupero dell’ancestrale simbiosi tra uomo e natura.

Negli anni è stato organizzato inoltre un piccolo ma efficiente sistema museale situato all’interno della riserva e aperto al pubblico; questa rete comprende un Museo del Vino, un Museo della Civiltà Contadina e la Raccolta Archeologica.

Published by: