EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Daily Archives: September 29, 2012

Sul delta del Po un weekend a Comacchio

Trepponti

Sul delta del Po sorge una piccola cittadina con il curioso complesso architettonico dei Trepponti: Comacchio.

Comacchio è incorniciata da ponti monumentali fatti di mattoni e pietra d’Istria, che cavalcano la rete di canali, congiungendo gli inconfondibili rioni. Per visitare il centro storico di Comacchio, si parte da Ponte dei Trepponti, gioiello architettonico voluto dal Cardinale Giovan Battista Pallotta e disegnato, nella prima metà del seicento dall’architetto Luca Danese, che con le sue cinque arcate, sopra cinque canali e con altrettante scalinate, permette di raggiungere gli altri due ponti seicenteschi di S. Pietro e dei Sisti. Da qui si procede per il settecentesco Ospedale degli infermi, la biblioteca e l’archivio storico comunale di Palazzo Bellini, fino a giungere al Ponte degli Sbirri appoggiato alle antiche carceri estensi.

Volendo concludere l’interessante tour, ci si può far portare in barca sul delta del Po ed ammirare il paesaggio con le sue numerose testimonianze del passato, come le saline e i casoni  per la pesca fatti di paglia.

L’attività che ha reso famosa Comacchio è l’allevamento e la lavorazione delle anguille e delle acquadelle (alborelle). In passato la lavorazione di questi pesci, si effettuava nella Manifattura dei Marinati; lì, alla Calata, approdavano le barche con il pescato, che a sua volta veniva portato nella Sala dei fuochi dove le anguille, infilzate negli spiedini,  venivano cotte e poi messe a marinare nell’aceto in tini  e botti. Le acquadelle, invece, prima di essere marinate venivano fritte. Oggi, è stata costruita una nuova struttura per continuare la tradizionale lavorazione dell’anguilla e dell’acquadella.

Published by:

Week end d’autunno in SPA? Ecco una selezione delle migliori

Week end d'autunno in SPA? Ecco una selezione delle migliori Week end d’autunno che fare? Molti scelgono le terme e la talassoterapia, altri invece le beauty farms. Comunque i fine settimana autunnali sono tutti all’insegna del benessere. A sottolinearlo è anche una recente indagine di Eurobarometro che  sondaggio che ha coinvolto 30 mila persone nei 27 Stati dell’Unione Europea. Nel 2012, il 48% degli intervistati dice di partire per cercare riposo, svago e benessere, contro il 36% dell’anno precedente, i dati riportati anche dal Sole 24 ore vengonoconfermati anche da un recente rapporto Eurisko, commissionato dal Consorzio del Circuito Termale dell’Emilia Romagna, che ha indagato percezioni e aspettative degli italiani.

Il tutto accade perchè probabilmente si ha un cattivo rapporto con il proprio corpo e non ci si sente in forma.

Quali sono i posti migliori per rimettersi in sesto?

La Toscana è la regione più gettonata, qui sorgono la Fonteverde Tuscan Resort & Spa, premiata Miglior Spa d’Italia, la struttura come è noto sorge nei pressi di  San Casciano dei Bagni  ed era nota già dai tempi antichi addirittura dagli  Etruschi e Romani.

Dai dati riportati su Trip Advisor invece vincitore della classifica delle SPA italiane sembra essere la Adler Thermae Spa Resort, situato in  Val d’Orcia, ha una SPA con diversi trattamenti, tra cui sBalance, programmi dimagrantiantistress e detox.

Sempre in Toscana si possono fare degli ottimi week end alla  Grotta Giusti, a Monsummano Terme ideale per la cura della pelle, ma vale un buon sereno week end anche una passata a  Forte dei Marmi. Interessante poi è Villa Undulna di Cinquale, dove oltre al mare e alla spiaggia si può usufruire anche di una ottima piscina ricca di sali di sodio, bromo e iodio.

Per chi apprezza l’acqua poi, sempre in Toscana, nei pressi del Lago di Massaciuccoli,  si possono trovare particolari piscine ricche anche di erbe medicinali e di torba speciale. Indimenticabili poi i sapori ed i colori di Una Hotel Villa Le Maschere Resort oppure del Nun di Assisi, qui le terme hanno tradizioni antiche e derivano da quelle romane.

In Abruzzo invece ai piedi del  Parco Nazionale della Majella sorge  La Réserve,con una SPA a Sentieri tra cui il Mandala di Luce, percorso di vari giorni che propone il meglio delle tecniche orientali e occidentali.

In  Veneto ad Abano una tappa fondamentale è invece il  Grand Hotel Trieste & Victoria.

Mentre sul Lago Maggiore, antichi hotel offrono SPA da ammirare questo è l’esempio del  Hotel Splendid  dove si può fare un pò di tutto. dall’Appennino,

A Sud invece immancabile è un passaggio i n Puglia, con vista a mare, a meno di 10 km da Bari si può passare un incantevole week end all’Una Hotel Regina, oppure alla Spa Regina. In entrambe le strutture fanno da padrone percorso kneipp,idromassaggio, docce emozionali, sauna e bagno turco.

In Sicilia, invece a Siracusa  l’Una Hotel One  è molto diverso ma altrettanto interessante così come merita una visita anche il Therasia Resort Sea & Spa di Vulcano.

Published by:

Autunno in Barbagia: Onanì 28-30 settembre 2012

Da venerdì 28 a domenica 30 Settembre 2012, ad Onanì si tiene il grande evento di cortes apertas che, prende il nome di “ammentos anticos”.

La manifestazione parte alle ore 15.00 di venerdì 28 con un laboratorio di pittura per bambini e ragazzi, a seguire una merenda tipica. Alle 18.00 vengono inaugurate le cortes e gli stand. La serata si conclude con i balli in piazza e la musica tradizionale.

Sabato 29, alle 8.00 si inaugura l’estemporanea di pittura “pintandhe ammentos anticos in Onanie” e alle 9.00 si aprono le cortes con l’inizio delle degustazioni. Si potranno visitare le cortes ed ammirare i prodotti artigianali del borgo pastorale. Alle 11.00 è previsto il laboratorio per la preparazione tradizionale del formaggio. Al pomeriggio, a partire dalle 16.00, l’archeologo Bachisio Piras illustrerà le caratteristiche del paese e le sue bellezze archeologiche ed artistiche. Alle 19.00, la premiazione dei pittori e alle 21.00 grande spettacolo folkloristico. Domenica 30, alle 9.00 si aprono le cortes e gli stand dei prodotti tipici; iniziano anche le degustazioni dei prodotti tradizionali. I prodotti artigianali di Onanì sono creati con il legno e col ferro; uno dei cibi più rinomati è senza dubbio il pane carasu.

Dalle 10.00 alle 15.00 è possibile visitare le Chiese campestri e i siti archeologici, usufruendo della  visita guidata curata dall’archeologo Bachisio Piras. Il tour si avvale di un trenino e ha una durata di circa due ore.

Alle 11.00 si può assistere alla preparazione del formaggio e al pomeriggio è prevista una rassegna folkloristica. Alle 17.00 si tiene una rappresentazione dal titolo “ritorno al passato nell’antico lavatoio ed abbeveratoio comunale”. La serata si conclude con balli e musica tipica.

Durante l’evento è previsto che gli artisti del posto Maria Antonietta Satta, Giorgio Bundone e Carina Pinna dipingano nuovi murales.

 

Published by: