EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Daily Archives: September 13, 2012

Castelfranco in Miscano: programma Sagra del Caciocavallo

Un week end all’insegna del formaggio, entra in scena la 14a Sagra del Caciocavallo a Castelfranco in Miscano

Programma 14° SAGRA del CACIOCAVALLO 13-14-15-16 settembre 2012

– GIOVEDI’ 13:

ore 19,00 – Apertura fiera

– VENERDI’ 14:

ore   9,00 – Apertura stands e degustazione prodotti tipici: Caciocavallo

ore 13,00 – Tutte le versioni del “re CACIOCAVALLO”

ore 14,00 – 1° Manifestazione dei Bersaglieri

ore 19,00 – Accoglienza visitatori

ore 20,00 – Cena con il “re CACIOCAVALLO”

ore 21,00 – Spettacolo musicale

– SABATO 15:

ore   9,00 – Tradizionale fiera di San Fedele e riapertura stands

ore   9,30 – Passeggiata sui tratturelli Castelfranchesi con il “re CACIOCAVALLO” in tasca

ore 10,00 – Raduno Quad

ore 13,00 – Tutte le versioni del “re CACIOCAVALLO”

ore 17,00 – Sfilata con trattori d’epoca

ore 20,00 – Cena con il “re CACIOCAVALLO”

ore 21,00 – Spettacolo musicale

– DOMENICA 16:

ore    9,00 – Tradizionale fiera di San Fedele e riapertura area espositiva

ore  10,30 – S. Messa presso il campo sportivo

ore  11,00 – Vetrina razze equine e show equestre

ore  13,00 – Tutte le versioni del “re CACIOCAVALLO”

ore  17,00 – Processione

ore  18,00 – Convegno “Le Comunità del Cibo e i Comuni verso i Granai della Memoria” – “Laboratorio del gusto curato dall’Onaf e Slow Food Tammaro Fortore”

ore  19,00 – Gran galà del “re CACIOCAVALLO” e delle carni locali

ore  21,00 – Spettacolo musicale

Published by:

Un tour tra verdi vallate e feste strabilianti

Un tour tra verdi vallate e feste strabiliantiState pensando ad un tour di una delle nazioni europee più suggestive come l’Irlanda? Bene, allora ciò che fa per voi è un noleggio auto low cost; infatti con poche semplici mosse potrete noleggiare l’auto più adatta a voi e alla vostra vacanza e poter godere di un’isola indimenticabile, di paesaggi dall’atmosfera mitica, quasi palpabile. E’ vero, li il tempo non è sempre clemente, ma questo diventa solo un piccolo ed irrisorio particolare di fronte alle 50 sfumature di verde che contraddistinguono la vegetazione irlandese e che le hanno donato il nome di Isola dello smeraldo. Uno dei benefici che si possono riscontrare nel visitare l’Irlanda in auto, è quello di sentirsi liberi e spensierati scoprendo posti che altrimenti sarebbe stato difficile visitare. Si potranno prendere percorsi diversi, lontani dalla massa, vedere spiagge deserte, scogliere desolate che renderanno ancora più eccitante e particolare la vostra avventura. Salendo sulle colline più alte si potranno ammirare panorami incredibili che richiamano atmosfere magiche tutte da scoprire.

Noleggiare un’auto diventa un’ottima soluzione anche dal punto di vista economico, infatti non sarete costretti a comprare biglietti dell’autobus o usufruire del servizio taxi; per di più il costo della benzina è molto inferiore a quello di tanti paesi europei. Oltre alle usuali valige potrete decidere di portare con voi tutto ciò che può esservi utile senza problemi di spazio, peso o altre tasse da pagare su bagagli e assicurazioni se prendeste l’aereo.

Il periodo migliore per andare in Irlanda e, in particolare a Dublino, è durante la festa di San Patrizio che si celebra in vero stile irlandese in tutta l’isola, con festeggiamenti ed eventi che iniziano il 12 marzo e si concludono il 17. Questa è una festa nazionale che si celebra addobbando le città e con spettacoli notturni e parate, festeggiando il santo patrono con le più grandi celebrazioni irlandesi.

Cork è tra le città che offre a turisti e abitanti feste di colori mentre a Belfast sembra di vivere un vero e proprio carnevale. Tutto ciò è sicuramente da non perdere, durante il vostro fantastico tour in auto avrete la fortuna di vivere una delle più belle feste europee.

Published by:

Nuoro: programma completo SIEFF 2012

Istituto Superiore Etnografico della SardegnaSIEFF 2012
SIEFF  Sardinia International Ethnographic Film Festival
XVI Rassegna Internazionale di Cinema Etnografico
Nuoro, 15 > 22 settembre 2012
Auditorium del Museo Etnografico
via Antonio Mereu, 56
PROGRAMMA

 

 

  • Sabato 15 settembre

ore 16,30
Arrivo e accoglienza dei partecipanti

Apertura dei lavori

Indirizzi di saluto:
Salvatore Liori, Presidente dell’ISRE
Alessandro Bianchi, Sindaco di Nuoro
Sergio Milia, Assessore regionale della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport 

Prolusione:
Antonio Marazzi

Ore 18,30
Proiezione film fuori concorso

Bellas Mariposas / Salvatore Mereu | 2012 | Italia | 100min
v.o. italiano, sardo – s/t inglese
3 agosto, Cagliari, quartiere popolare. Alle tre di notte, Cate, undicenne, viene svegliata dalle grida di una stravagante condomina. Cate vorrebbe fuggire di casa, dai numerosi e problematici fratelli, dal padre tiranno. Solo Gigi, vicino di casa, merita il suo amore. Lei non vuole finire come sua sorella Mandarina, rimasta incinta a tredici anni…

Ore 21
Concerto 
Il suono del sacro
Con Gavino Murgia ai sassofoni, Daniele di Bonaventura al bandoneon e il gruppo dei Tenores Gòine di Nuoro. Musiche di Gavino Murgia e tradizionali.

 

  • Domenica 16 settembre

Ore 10,00 – 13,30 e 15,00 – 18,00
Trent’anni di Antropologia Visuale: 1982 – 2012
Interventi, proiezioni e dibattiti per il trentennale del SIEFF.

Intervengono:
Paolo Chiozzi, Francesco De Melis, David MacDougall, Antonio Marazzi, Colette Piault, Marc Piault, Paolo Piquereddu, Rossella Ragazzi. 
Nel corso della giornata, oltre a una serie di sequenze tratte da film citati negli interventi, saranno proiettati:

Cinesica 2 Barbagia, Is Launeddas e Cantigos a Boghe e Chiterra, di Diego Carpitella, nell’edizione restaurata promossa dall’ISRE Sardegna e curata da Francesco De Melis

I cieli e la terra / Francesco De Melis / 2000/ Italia / 30min
Una ricognizione cinematografica sulla musica para-liturgica e la devozione popolare nel Lazio. 

SchoolScapes / David MacDougall / 2007/ Australia / 77min
Ispirato dal cinema di Lumiere e dalle idee del pensatore indiano del XX secolo, Krishnamurti, David MacDougall esplora la Rishi Valley School, una famosa scuola dell’Andhra Pradesh (India del Sud) caratterizzata da un sistema educativo informale basato sulla filosofia pedagogica di Krishnamurti . 

Firekeepers / Rossella Ragazzi / 2007 / Norvegia/ 57min
Firekeepers è incentrato sulla rinnovata pratica dello Yoik – una forma musicale e poetica cantata dal popolo Sami da tempo immemorabile – grazie all’attività della band Adjágas. Il documentario segue i giovani yoikers durante le loro esibizionie nelle loro case, e rivela come la musica sia stato un importante fattore di collegamento alle problematiche della colonizzazione, dell”identità, della spiritualità e della lingua Sami.

Ore 18,00
Film di Famiglia in Sardegna
Presentazione dei risultati del progetto di ricerca e consegna dei film digitalizzati ai proprietari

Proiezione di una selezione dei film raccolti

Intervengono:
Paolo Simoni, Presidente dell’Associazione Home Movies-Archivio Nazionale del film di famiglia
Sara Filippelli, Università di Sassari
Lucia Cardone, Università di Sassari
Aldo Maria Morace, Università di Sassari

Ore 21,00
Proiezione film fuori concorso
Formato ridotto, libere riscritture del cinema amatoriale / Antonio Bigini, Claudio Giapponesi, Paolo Simoni / 2012 / Italia/ italiano, s/t inglese /5 2min
Un film collettivo che segna l’incontro tra Home Movies e un gruppo di scrittori. Enrico Brizzi, Ermanno Cavazzoni, Emidio Clementi, Ugo Cornia e Wu Ming 2 hanno elaborato dei testi originali trovando nelle immagini dell’Archivio Nazionale del Film di Famiglia l’occasione di sperimentare nuove tecniche narrative. Grazie ad approcci molto diversi tra loro in un’opera unica convergono cinque episodi dagli esiti sorprendenti, singoli episodi di corta durata, di volta in volta trasfigurati in saggio, racconto, cronaca e divagazione.

 

  • Lunedì 17 settembre

Ore 9,00:
Presentazione del programma dei film in concorso 
Paolo Piquereddu

PROIEZIONI:
Marocco > Tea or Electricity/ Le Thé ou l’électricité / / Jérôme Le Maire / 2012 / Belgio / 93min
La storia epica dell’arrivo dell’elettricità in un remoto paesino dell’Alto Atlante, in Marocco.

Albania > Polyphonia – Albania’s Forgotten Voices / Polyphonia – Albaniens vergessene Stimmen / Reinhardt Björn e Pistrick Eckehard / 2011 / Germania / 90min 
Due pastori delle montagne albanesi, Arif, musulmano e Anastas, cristiano ortodosso, sono amici da tanti anni nonostante le differenze religiose. Alla base di questa amicizia è la comune passione per canto polifonico locale, che nel 2005 è stata dichiarato dall’UNESCO patrimonio immateriale dell’umanità.

Ore 15
Iran > Daughters of Malakeh / Sharog H. Manesh e Jet Homoet / 2011 / Olanda / 85min
Il matrimonio di Maryam, sposa quarantacinquenne, fa emergere il conflitto tra le regole dello Stato e le esigenze e convinzioni private in una famiglia iraniana dei nostri giorni.

Italia > Altra Europa / Rossella Schillaci / 2011 / Italia / 75min
Nell’ottobre del 2008 circa 300 rifugiati somali e sudanesi occupano una clinica abbandonata in un quartiere operaio di Torino. Il film descrive la loro vita precaria e le difficoltà per ottenere un tenore di vita decoroso. 

Croazia, Italia > Ritorno a Zara / Andrea Lotta / 2012 / Italia / 38min 
Dopo sessant’anni in Sardegna, Bianca decide di tornare nel suo luogo di nascita: Zara, in Croazia. Un viaggio che fa riemergere affetti e vicende lontane.

Ore 21
Bangladesh > Buriganga / Michelle Coomber / 2010 / Regno Unito, Bangladesh / 12min
Ritmi, attività e gente del fiume Buriganga, a Dhaka, in Bangladesh.

Olanda> Tobacco Truths and Rummikub / Rook Gezag en Rurnmikub / Steef Meyknecht / 2010 / Olanda / 92min
La vita a Nieuwland, un quartiere di Schiedam, Olanda, attraverso le storie di quattro suoi abitanti 

 

  • Martedì 18 settembre

Ore 9,00
India > Ritual Journeys / Dawa Lepcha e Anna Balikci / 2011 / India / 75min 
Un ritratto intimo di Merayk, uno sciamano (o Padim) Lepcha ottantenne. Merayk vive con la sua famiglia a Dzongu, una riserva Lepcha nel Nord Sikkim, Himalaya orientale.

Camerun > Juarké: Boys Made Men in Mboum Society / Saliou Mohamadou / 2010 / Camerun / 52min
La pratica della circoncisione dei dodicenni tra il popolo Mboum (Camerun) come elemento di resistenza delle tradizioni di fronte a un mondo in rapida trasformazione. 

Italia, Niger > Solo andata, il viaggio di un Tuareg / Fabio Caramaschi / 2010 / Italia / 52min
La storia e le aspettative di Sidi, un ragazzo Tuareg immigrato nel nord Italia con parte della sua famiglia. Combattuto tra la nostalgia della sua infanzia e il desiderio di integrazione, Sidi stesso impugna la telecamera per scoprire il nostro mondo e contemporaneamente rivelarci il suo. 

Ore 15,00
Russia > The Arrow of Seven Flames / Semiognennaya strela / Evgeny Alexandrov e Elena Danilko / 2009 / Russia / 60min
Un documentario incentrato sull’attuale situazione sociale dei discendenti dalle antiche tribù ugro-finniche, stabilitesi da secoli nel territorio di Perm’ e Vyatka, nella zona pedemontana occidentale degli Urali (Russia europea orientale).

Russia > Our Newspaper / Eline Flipse / 2011 / Olanda / 58min
Nella provincia di Uljanovsk, a 800 km da Mosca, un giornalista lascia il giornale ufficiale per fondarne uno nuovo incentrato nel quale po’ finalmente scrivere sulle reali condizioni, difficoltà e aspettative della comunità locale.

Russia, Italia > A Soviet Pen-friend /A szovjet levelezőpajtás / Gábor Zsigmond Papp / 2011 / Ungheria / 54min
Un ragazzo ungherese e una sua coetanea russa nel 1980 iniziano una fitta corrispondenza che va avanti per tre anni. Dopo trent’anni i due “amici di penna” ormai adulti si incontrano per la prima volta in luoghi e contesti sociali molto diversi da quelli della loro adolescenza. 

Ore 21
Sudan del Sud > A Life as Jimmy / Mai Rasmussen e Rachel Charlotte Smith / 2011 / Danimarca / 27min 
La storia di un giovane del Sudan del Sud cresciuto nella guerra civile più lunga d’Africa, che cerca di conciliare obblighi familiari, desideri personali e la sua identità.

Afghanistan > The Boy Mir – Ten Years in Afghanistan / Phil Grabsky / 2011 / Regno Unito / 89min 
Attraverso il filo conduttore costituito dalla vita del giovane Mir, filmato per un periodo di 10 anni dello stesso regista, il film presenta uno spaccato dell’attuale situazione sociale dell’Afghanistan.

 

  • Mercoledì 19 settembre

Ore 9,00
Grecia > Twelve Neighbours / Odos sfaktirias / Marianna Economou / 2009 / Grecia / 52min 
In una piccola strada del centro storico di Atene, persone di diversa estrazione sociale, etnica e culturale si incontrano, si aiutano e si nascondono quotidianamente gli uni agli altri, rendendo vaghi i confini tra il pubblico e il privato.

Italia > Il cineasta è un atleta, conversazione con Vittorio de Seta / Vincent Sorrel e Barbara Vey / 2010 / Francia / 80min  
Vittorio De Seta ripercorre la sua lunga vicenda professionale, dai primi documentari alle opere più impegnative, attraverso un racconto che ne rivela la grande sensibilità umana e il grande impegno sociale.

Italia > Roman Restaurant Rhythms / Michael Herzfeld / 2011 / Stati Uniti / 39min
L’antropologo Michael Herzfeld effettua un’incursione nelle cucine di quattro ristoranti romani. La sua videocamera descrive le varie pietanze seguendone i ritmi di preparazione, in una sorta di “armonia caotica” che illustra un’antropologia sensoriale del lavoro e del tempo.

Ore 15
Repubblica Ceca > Katka / Helena Trestikova / 2011 / Repubblica Ceca / 90min 
Il film attraversa quattordici anni di vita di una giovane tossicodipendente a Němčice (Repubblica Ceca), documentandone il decadimento fisico e psicologico, saltuariamente interrotto da barlumi di speranza e intendimenti di farla finita con la droga.

Repubblica Democratica del Congo > Come gli uccelli – La rue à Kinshasa / Adriano Foraggio / 2012 / Italia / 29min
A Kinshasa, capitale della Repubblica Democratica del Congo, i bambini e i giovani di strada cercano di uscire dallo scenario di esclusione nel quale si trovano sperimentando strumenti di riscatto, di autorganizzazione degli spazi e di intervento attivo sulla struttura sociale.

Argentina > Milongueros /Andrea Zambelli e Andrea Zanoli / 2012 / Italia / 50min 
Ogni notte, nelle storiche e più importanti milonghe di Buenos Aires, i più famosi Milongueros si raccontano e spiegano come il Tango, prima di essere una musica stupenda e un ballo sensuale, sia soprattutto uno “stile di vita”.

Ore 21
Russia > Love Stories From Moscow 1993 – 2009 / Christoph Boekel / 2010 / Germania / 115min
La trasformazione di Mosca nell’ultimo quindicennio attraverso le storie private di sette persone amiche e parenti dell’autore del documentario.

 

  • Giovedì 20 settembre

Ore 9,00
Perù > Ayahuasca/ Viliam Poltikovič / 2011 / Repubblica Ceca / 76min 
Un documentario sulle straordinarie proprietà curative dell’ayahuasca, la liana dell’Amazzonia il cui decotto viene usato dagli sciamani per entrare in contatto con il mondo degli spiriti.
A documentary about the extraordinary healing properties of the ayahuasca, the Amazonian liana which is brewed and used by shamen to enter into the spirit world.

India > Lettere dal deserto (elogio della lentezza) / Michela Occhipinti / 2010 / Italia / 88min
Nel deserto di Thar (India nordoccidentale) un postino percorre a piedi lunghe distanze per consegnare messaggi chiusi in lettere scritte a mano, dalla calligrafia preziosa, agli abitanti di villaggi sperduti, chiusi in una dimensione temporale dimenticata, fuori dal mondo.

ore 15,00
India > My Bangalore: Portraits from Hakki Pikki Colony / Pankaj H Gupta / 2011 / India / 51min
La vita in uno slum di Bangalore di alcune famiglie di Akki Pikki, una tribù tradizionalmente dedita alla caccia e alla raccolta nelle fitte foreste dei Ghati occidentali in India, costretta negli anni Settanta ad abbandonare la vita nomade. 

Regno Unito, Brasile, Canada > People I Could Have Been and Maybe Am / Boris Gerrets / 2011 / Olanda / 54min
Realizzato completamente con la telecamera di un telefono cellulare, il film documenta le vicende di tre personaggi incontrati casualmente dall’autore per le strade di Londra: una giovane brasiliana in cerca di marito, un mendicante di lungo corso e una poetessa. 

India > The Lover and The Beloved: A Journey Into Tantra / Andy Lawrence / 2011 / Regno Unito / 70min 
Il viaggio solitario di un professore di storia attraverso il nord dell’India alla ricerca dell'”illuminazione” offre un’analisi problematica delle idee tantriche sul ciclo della vita e in particolare sulla morte, e aiuta a comprendere la via della conoscenza. 

Ore 21
Yemen > What Has To Be Photographed! / Irina Linke / 2011 / Germania / 12min
In una scenografia non molto dissimile da quella che caratterizzava gli studi fotografici europei del secolo XIX, un fotografo di San’a’, capitale dello Yemen, esegue i ritratti delle famiglie destinati a essere esposti nei soggiorni delle loro case.

Repubblica Democratica del Congo > Kinshasa Symphony / Claus Wischmann e Martin Baer / 2010 / Germania / 95min 
Un film sull’Orchestra Sinfonica del Congo. In più di quindici anni di attività, i suoi musicisti sono sopravvissuti a due colpi di Stato, a numerose crisi e a una guerra: la concentrazione sulla musica e le speranze per un futuro migliore, danno loro la forza per andare avanti.

 

  • Venerdì 21 settembre

Ore 9,00
Nepal > Ascent To The Sky / La Montée Au Ciel / Stéphane Breton / 2010 / Francia / 52min
Il documentario mostra momenti di vita quotidiana in un povero villaggio bramino di una valle sperduta del Nepal e l’ascesa verso la montagna di due pastori con le loro mandrie; un’ascesa che è un percorso meditativo in un ambiente senza tempo, marcato da un senso di solitudine.

Namibia > Bitter Roots: The Ends of a Kalahari Myth  / Adrian Strong / 2010 / Regno Unito / 71min
Girato nel 2007 in Nyae-Nyae, (deserto del Kalahari, Namibia), il film descrive il progressivo sgretolamento di un progetto di sviluppo gestito dai Ju/’hoansi, proponendo anche alcune sequenze tratte dai film realizzati a partire dagli anni Cinquanta da John Marshall, col quale il regista lavorò alla fine degli anni Ottanta.

Etiopia > The Well: voci d’acqua dall’Etiopia / Paolo Barberi e Riccardo Russo / 2011 / Italia / 56min
Nelle aride distese dell’Oromia, nel sud dell’Etiopia, i pastori seminomadi Borana gestiscono le scarse riserve d’acqua attraverso un’organizzazione di tipo di comunitario garantendo a tutti l’accesso a pozzi centenari scavati nella roccia.

ore 15,00
Italia > Il Maggio delle mondine / Francesco Marano / 2011 / Italia / 45min
Il Gruppo di canto delle Mondine di Medicina (Bologna) è invitato nel 2009 al concerto celebrativo del Primo Maggio che si tiene a Roma. Durante il viaggio in pullman, le mondine ripassano il loro repertorio di canti e ricordano momenti della loro vita e delle lotte per i diritti sul lavoro. 

Giappone > Ippo Ippo / Shotaro Wake / 2010 / Norvegia / 47min
Marsha, una donna giapponese di mezz’età con una lunga storia di gravi malattie, deve decidere se partecipare a una salita di gruppo sul Monte Fuji, la montagna più alta del Giappone. Per Marsha si tratta di una grande sfida che potrebbe risultare pericolosa per la sua salute.

Yemen > The Reluctant Revolutionary / Sean McAllister / 2012 / Regno Unito / 69min
Lo Yemen sull’orlo della rivoluzione, attraverso il racconto di Kais, una guida turistica trentacinquenne di San’a’. Il film documenta il processo di trasformazione di Kais, da scettico e cinico osservatore delle vicende politiche del suo paese, a fiancheggiatore del movimento rivoluzionario.

Ore 21
Vietnam > Motorbike / Bert Schmidt / 2011 / Germania / 23min 
In Vietnam la moto è un taxi, un veicolo per escursioni familiari, un materassino per un pisolino accanto alla strada: non solo un veicolo, ma un modo di vivere.

Cuba > Los Refrigeradores – Cuba on the Rocks / Thomas Lehner / 2012 / Austria, Cuba / 95min 
Il documentario racconta le difficoltà che i Cubani, a causa dell’isolamento economico nel quale si trovano, devono quotidianamente affrontare per poter disporre di cibi e bevande fresche: i frigoriferi, vecchi anche 50 anni passano da una generazione all’altra, accuratamente manutenuti e restaurati per poter continuare ad assolvere alla loro preziosa funzione.

 

  • Sabato 22 settembre

Ore 9,00
Guatemala > Un cammino lungo un giorno / Filippo Ticozzi / 2011 / Italia / 15min 
Le giornate e i pensieri dei bambini di El Poshte, un villaggio delle montagne del Guatemala, collegato alle città da un lungo e impervio sentiero.

Mongolia, Francia > Masters of Overtone Singing / Maîtres de chant diphonique / Jean-François Castell / 2011 / Francia / 52min
Un giovane etnomusicologo francese incontra in Mongolia quattro maestri del canto difonico, ne documenta le tecniche esecutive e i metodi di insegnamento e li convince a formare un gruppo che terrà una serie di concerti in Francia. 

Brasile > Francilene – Storia di una quebradeira / Stefania Donaera / 2011 / Italia / 26min
Nel Nordest del Brasile le popolazioni locali vivono dalla raccolta e della lavorazione dei frutti del babaçu, una particolare palma da cocco. Ad occuparsene sono principalmente le donne chiamate qebradeirasu ovvero “spaccatrici” di cocco. Francilene è una di loro.

Italia > Per noi il cinema era “Proibito” / Sergio Naitza / 2011 / Italia / 29min
Nel 1954 Mario Monicelli gira in Sardegna il film “Proibito”, ispirato al romanzo “La madre” di Grazia Deledda e interpretato da Mel Ferrer, Amedeo Nazzari, Lea Massari. Dopo sessant’anni il documentario ne ricostruisce la storia attraverso i ricordi delle comparse e del regista e ne rievoca i paesaggi e i set originali.

Italia > Il passo dei misteri / Giovanni Angeli e Paolo Angeli / 2012 / Italia / 30min
I riti, i volti, l’atmosfera della settimana santa di Cuglieri nelle immagini eseguite nel corso di una lunga e mai conclusa ricerca dal fotografo Nanni Angeli, associate alla musica di Paolo Angeli.

Italia > L’uomo d’argento / Marta Anatra / 2011 / Italia / 20min
Alberto è un attore di strada che da sei anni intrattiene e diverte i passanti del centro di Cagliari. Il documentario lo segue durante il suo lavoro, nelle prove e nella sua vita quotidiana; ascolta i suoi sogni e le sue preoccupazioni.

ore 16.00
Proiezione film fuori concorso

Tempus de Baristas / Time of the Barmen / David MacDougall / 1993/ Italia/ 100min
La vita e le aspettative di tre pastori di diverse generazioni di fronte a un incerto futuro nella Sardegna degli anni Novanta.

Ore 18.00
Cerimonia di premiazione

Proiezione del film vincitore del “Premio Grazia Deledda” per il miglior film

Ore 21
Concerto
Battista Giordano / sestetto classico
Con Battista Giordano pianoforte e chitarra, musiche originali, Paola Puggioni soprano, Carlos Garfias 1° violino, Alessio De Vita violino, Francesco Pilia viola, Luca Pischedda violoncello 

 

* * *

 

La Rassegna dell’Istituto Superiore Etnografico della Sardegna (ISRE) si tiene a Nuoro ogni due anni e costituisce una delle poche occasioni in Italia nelle quali sia possibile assistere alle più significative produzioni internazionali del cinema etnografico e antropologico. 

Abbandonata la tradizionale caratterizzazione monotematica, la manifestazione ha assunto dal 2006 la denominazione di SIEFF – Sardinia International Ethnographic Film Festival.

Il programma 2012 comprende 43 film in concorso provenienti da tutto il mondo, selezionati su un totale di 256 film di recente realizzazione (non più di tre anni dall’anno di svolgimento del festival), guidati da una prospettiva etnoantropologica e possibilmente attenti all’introduzione di elementi di innovazione nella struttura narrativa.

I film sono accompagnati da una breve presentazione e, in linea di massima, commentati e discussi con gli autori. Le proiezioni, le tavole rotonde e gli interventi vengono serviti dalla traduzione simultanea in italiano e inglese.

Il Festival celebra nel 2012 il suo trentennale; pertanto, oltre ai film in concorso, il programma comprende una serie di proiezioni e dibattiti, volti a ripercorrere la storia del festival e con essa l’evoluzione che negli ultimi decenni hanno caratterizzato gli studi e la pratica dell’antropologia visuale in campo internazionale. 

La manifestazione è gratuita e aperta a tutti. 

Comitato di Selezione:
David MacDougall > Research School of Humanities & the Arts, Australian National University, Canberra
Marc-Henri Piault > Ecole des Hautes Études en Sciences Sociales, Parigi
Paolo Piquereddu > Direttore Generale dell’I.S.R.E., Nuoro

Premi:
A) Premio “Grazia Deledda” per il miglior film: 10.350 Euro
B) Premio per il miglior film prodotto e ambientato in paesi del Mediterraneo: 6.200 Euro
C) Premio per il miglior film di autore sardo: 6.200 Euro
D) Premio per il film più innovativo: 6.200 Euro

Giuria:
Paolo Chiozzi > Università di Firenze
Judith MacDougall > Research School of Humanities & the Arts, Australian National University, Canberra
Antonio Marazzi > Università degli studi di Padova
Colette Piault > SFAV – Sociètè Français d’Anthropologie Visuelle
Rossella Ragazzi > Università di Tromsø



Published by: